L’alfabeto degli sposi. R come re e regina.

Ogni cristiano battezzato, in virtù del battesimo, acquisisce la regalità di Cristo. Ogni battezzato, che si unisce sacramentalmente ad un’altra persona, indirizza, in virtù della consacrazione matrimoniale, la sua regalità battesimale ad una nuova finalità. La finalizza principalmente a viverla con le caratteristiche proprie del suo nuovo stato di sposo o sposa. Questa realtà e verità di fede è proposta nelle chiese cattoliche orientali e, dove è già consuetudine o con l’autorizzazione del vescovo, anche nella nostra Chiesa cattolica romana. E’ proposta attraverso il rito dell’incoronazione degli sposi, rito che si compie durante la celebrazione del matrimonio. Attraverso questo rito la Chiesa vuole evidenziare che, da quel momento, gli sposi partecipano alla regalità di Cristo non più come singoli battezzati, ma come coppia.

Cosa significa in parole semplici e concrete? Regnare per gli sposi in Cristo significa mettersi al servizio del loro amore vicendevole. Essere sottomessi l’uno all’altra usando le parole di San Paolo. Tanto più perfezioneranno il loro modo di amarsi, mettendosi alla sequela di Gesù, e tanto più saranno re e regina del loro matrimonio e della loro piccola chiesa domestica.

Per essere re e regina del nostro matrimonio e della nostra vita dobbiamo metterci al servizio, farci piccoli per innalzare l’altro, abbassarci per rialzarci con lui/lei, accompagnare e rallentare se serve. Non stiamo più correndo una gara individuale, ma una gara di squadra, dove più importante del mio risultato personale diventa quello di squadra, di entrambi. Più impareremo a servire e più saremo re. Più riusciremo ad essere accoglienti, anche verso le imperfezioni e fragilità dell’altro/a, senza giudicare e senza ferire, e più saremo espressione della sovranità di Cristo.

Non solo per regnare, per essere dono, per essere servizio è necessario essere liberi. Essere padroni di se stessi. Come faccio a donarmi se non sono re neanche del mio corpo, delle mie pulsioni, delle mie emozioni. Come faccio ad amare sempre, anche quando oggettivamente l’altro/a si comporta male, non è amabile e non merita nulla da parte mia? Come faccio a farlo se non ho mai imparato a controllare le mie emozioni con la volontà? Se sono una marionetta guidata da fili invisibili. Dai fili dell’emozione, della pulsione sessuale, dell’egoismo e del peccato che rompe la relazione non solo con l’altro/a ma anche con Dio.

Infine per essere davvero re e regine della mia vita e della mia unione sponsale devo comprendere di non avere tutto nelle mie mani, comprendere che posso anche sbagliarmi, che tutto va letto nella prospettiva di Dio, senza limitarmi a un orizzonte che arriva fin dove l’umano può vedere. Essere re e regine significa affidare al vero re della vita tutto ciò che mi è accaduto, mi accade e mi accadrà. Solo così le gioie non dureranno l’effimero di un attimo e i dolori troveranno consolazione.

A questo proposito termino con una riflessione di Chiara Corbella che parlando di Davide (il figlio morto a pochi minuti dalla nascita) disse:

Chi è Davide?
    Un piccolo che ha ricevuto in dono da Dio un ruolo tanto grande… quello di abbattere i grandi Golia che sono dentro di noi:
    abbattere il nostro potere di genitori di decidere su di lui e per lui, ci ha dimostrato che lui cresceva ed era così perché Dio aveva bisogno di lui così;
ha abbattuto il nostro “diritto” a desiderare un figlio che fosse per noi, perché lui era solo per Dio;
ha abbattuto il desiderio di chi pretendeva che fosse il figlio della consolazione, colui che ci avrebbe fatto dimenticare il dolore di Maria Grazia Letizia (per loro non era stata la figlia da consolare ma uno straordinario dono d’amore);
ha abbattuto la fiducia nella statistica di chi diceva che avevamo le stesse probabilità di chiunque altro di avere un figlio sano;
ha smascherato la fede magica di chi crede di conoscere Dio e poi gli chiede di fare il dispensatore di cioccolatini;
ha dimostrato che Dio i miracoli li fa, man non con le nostre logiche limitate, perché Dio è qualcosa di più dei nostri desideri;
ha abbattuto l’idea di quelli che non cercano in Dio la salvezza dell’anima, ma solo quella del corpo; di tutti quelli che chiedono a Dio una vita felice e semplice che non assomiglia affatto alla via della croce che ci ha lasciato Gesù. 

Chiara e Davide. Chiara come Davide. Chiara come Davide con queste parole ha dimostrato che una piccola donna come lei era in grado di sconfiggere il male, la malattia e la morte. Per questo Chiara è una vera regina e presto diventerà santa.

Anche noi siamo chiamati ad essere come Chiara. Anche siamo chiamati ad essere re e regina anche se ci sentiamo piccoli e deboli come Davide.

Antonio e Luisa

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...