Non dimentichiamo la bellezza.

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro
e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche.
E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù.
Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui; facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia!».
Non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento.
Poi si formò una nube che li avvolse nell’ombra e uscì una voce dalla nube: «Questi è il Figlio mio prediletto; ascoltatelo!».
E subito guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare a nessuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risuscitato dai morti.
Ed essi tennero per sé la cosa, domandandosi però che cosa volesse dire risuscitare dai morti.

Riprendo la Parola della Messa di domenica per fare due considerazioni. Questa è la prima. La trasfigurazione è un richiamo importante alla nostra vita di coppia. Assistono alla trasfigurazione solo 3 apostoli. Giacomo, Giovanni e Pietro. Gli stessi che Gesù vuole quando resuscita una bambina e gli stessi che Gesù vuole nel Getsemani dopo l’ultima cena. Sono i tre apostoli più vicini al Signore, quelli che dovrebbero riconoscere meglio degli altri la divinità di Gesù. Quelli che dovrebbero conoscere meglio l’uomo Gesù. Probabilmente Gesù si confidava con loro, apriva loro il suo cuore, più che con gli altri apostoli. Probabilmente quelli che lo conoscevano meglio dopo sua madre Maria. Eppure si dimenticano in fretta. Nella trasfigurazione Gesù si è mostrato in tutta la sua gloria con al suo fianco Mosè ed Elia. In pratica tutta l’Alleanza dell’Antico Testamento. Era un sole e lo hanno visto in tutta la sua magnificenza. Eppure si scordano in fretta. Arrivano i giorni della Passione. Ritroviamo gli stessi protagonisti. Gesù chiede loro di pregare con lui. Loro si addormentano. Gesù viene arrestato e loro si impauriscono e cominciano a dubitare, a perdere ogni certezza. Avevano vissuto con Gesù, l’avevano visto fare grandi miracoli, erano con lui nella trasfigurazione, ma non credono più. Pietro arriva a  rinnegare per tre volte Gesù. Prende le distanze da lui. Non vuole condividerne la fine. Fine che non è la morte, a differenza di quello che crede Pietro, ma la resurrezione e la vita eterna. Gesù, a differenza dei tre apostoli, non gli abbandona, torna nel cenacolo ed effonde più tardi nella Pentecoste il Suo Spirito in loro. Sa che da soli non possono farcela.

Nella nostra vita matrimoniale rischiamo fortemente di essere come Pietro, Giacomo e Giovanni. Abbiamo assistito alla trasfigurazione del nostro amore. Abbiamo visto i miracoli che Gesù, nel sacramento del matrimonio, ha compiuto in noi e per noi. Abbiamo visto in tante occasioni la Sua presenza. Abbiamo avuto la nostra personale Pentecoste nel battesimo e poi quella di coppia, che ci ha reso una carne e un cuore nel matrimonio. Eppure, quando arrivano delle difficoltà che sembrano più grandi di noi, spesso ragioniamo come i tre apostoli. Dimentichiamo tutto e ci sentiamo persi. Non vediamo vie di uscita. Ci chiudiamo nel cenacolo al buio. Quando arrivano le difficoltà ci sentiamo soli e abbandonati da Gesù. E’ lì invece che dobbiamo chiedere di riscuotere quella cambiale in bianco che Gesù ha firmato il giorno del nostro matrimonio. Ci ha donato la Grazia sacramentale. Concetto astratto e di difficile comprensione. In realtà Gesù si è semplicemente impegnato ad essere il socio di maggioranza del nostro matrimonio, e ad integrare con il suo capitale la povertà in cui la nostra relazione può trovarsi. Non serve che chiedere con fiducia e affidamento e, mettendo tutto quel poco che noi sposi possiamo offrire, riusciremo a trovare insieme a Lui, energie, strade, consapevolezza, perseveranza, speranza e tutto ciò che serve per portare in salvo il nostro matrimonio e le nostre anime.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...