Non ci devono essere segreti

Un uomo di nome Anania con la moglie Saffira vendette un suo podere  e, tenuta per sé una parte dell’importo d’accordo con la moglie, consegnò l’altra parte deponendola ai piedi degli apostoli. Ma Pietro gli disse: «Anania, perché mai satana si è così impossessato del tuo cuore che tu hai mentito allo Spirito Santo e ti sei trattenuto parte del prezzo del terreno? Prima di venderlo, non era forse tua proprietà e, anche venduto, il ricavato non era sempre a tua disposizione? Perché hai pensato in cuor tuo a quest’azione? Tu non hai mentito agli uomini, ma a Dio». All’udire queste parole, Anania cadde a terra e spirò. E un timore grande prese tutti quelli che ascoltavano. Si alzarono allora i più giovani e, avvoltolo in un lenzuolo, lo portarono fuori e lo seppellirono.

Questo passo non è tra le letture di questi giorni. Mi piace però rifletterci sopra. Perchè nasconde un significato molto profondo ed utile ad ogni comunità. In particolare cercherò di approfondire cosa significhi per la coppia, e per me in particolare. Io sono Anania. Vendo il mio campo. Cosa significa? Mi metto in gioco completamente nel matrimonio. Dono tutto me stesso. Non devono esserci segreti. Non deve esserci una parte di me che non sono disposto ad aprire alla mia sposa. Attenzione! Non è facile. Non lo nego. Siamo spesso portati ad essere gelosi di noi stessi. Altre volte ci vergogniamo. Altre volte siamo chiusi e bloccati da ferite e da sofferenze passate non ancora sanate. Non esiste la bacchetta magica in questi casi. Serve tanto abbandono alla Grazia. Ma non basta. Serve anche tanto impegno e tanta volontà da parte nostra. Serve convinzione e determinazione.  Serve anche che l’altro/a sia capace di accoglierci e di non giudicarci mai. L’altro deve essere come il samaritano che raccoglie per strada il moribondo e, senza chiedere nulla, senza porsi questioni sul perchè fosse lì, e perchè fosse conciato in quel modo, se ne prende carico e fa di tutto per farlo guarire. Non lo guarisce lui, ma lo porta all’oste. Lo porta a Cristo. Questa premessa per dire cosa?  Che tenere segreti, luoghi oscuri nella mente e nel cuore, distrugge la relazione. Anania alla fine muore. Anania muore perchè non ha dato tutto. Si è tenuto qualcosa solo per lui. Racconto un fatto personale. Anche io avevo luoghi oscuri. Durante il fidanzamento e qualche volta, purtroppo, anche dopo il matrimonio, ho fruito di immagini e video pornografici. Di nascosto, come un ladro. Era un mio peccato grande che rischiava di allontanarmi dalla mia sposa. Lo avrebbe probabilmente fatto nel tempo. Avrebbe creato un muro tra me e lei. Non avremmo mai potuto costruire una relazione piena e felice. Me ne sono liberato. Certo con la Grazia di Dio. Non sarebbe mai bastata, però, senza la mia volontà. Dio ci libera se noi vogliamo essere liberati. Ho distrutto questa barriera tra me e la mia sposa parlando in modo trasparente e sincero con lei. Non mi ha giudicato. Ho letto, però, in lei, nei suoi occhi, la sofferenza che le stavo arrecando. Si sentiva tradita. Come non ti basto io? Hai bisogno di cercare donne virtuali per appagare il tuo desiderio? Quella sofferenza mi ha fatto male. Il desiderio profondo di non provocarle più un simile dolore mi ha dato la forza. Volerle bene mi ha aiutato a gettare questa immondizia che mi riempiva il cuore. Se avessi fatto come Anania non so in quale situazione mi troverei adesso. Di una cosa sono sicuro! Non avrei la gioia nel cuore che invece ho. Non avrei un matrimonio così bello. Per avere tutto si deve dare tutto. Non per perdere qualcosa, ma al contrario per viverlo appieno.

Termino con le parole di Papa Francesco che potete leggere in Amoris Laetitia al punto 115. Parole che confermano e fortificano quanto ho scritto fin’ora:

…..(L’amore) rende possibili la sincerità e la trasparenza, perché quando uno sa che gli altri confidano in lui e ne apprezzano la bontà di fondo, allora si mostra com’è, senza occultamenti. Uno che sa che sospettano sempre di lui, che lo giudicano senza compassione, che non lo amano in modo incondizionato, preferirà mantenere i suoi segreti, nascondere le sue cadute e debolezze, fingersi quello che non è. Viceversa, una famiglia in cui regna una solida e affettuosa fiducia, e dove si torna sempre ad avere fiducia nonostante tutto, permette che emerga la vera identità dei suoi membri e fa sì che spontaneamente si rifiuti l’inganno, la falsità e la menzogna.

Antonio e Luisa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...