L’amore del Cantico dei Cantici in un disegno.

Silvia è un’artista. Non ama molto raccontare di sé. Almeno non ama farlo con le parole. Esprime molto del suo mondo nell’arte: nei dipinti, nelle sculture, nei mosaici e in tante altre espressioni artistiche. Le sue opere sono molto belle soprattutto per la sensibilità e la maestria nell’uso del colore e la capacità di esprimere la sua femminilità. Io e Luisa conosciamo Silvia e suo marito Massimo da tanti anni. Abitiamo lo stesso quartiere, i nostri figli sono coetanei, frequentiamo la parrocchia e lo stesso gruppo famiglie. Sono una coppia bella. Una coppia che si è costruita nel tempo e nel tempo è diventata sempre più luminosa. Quando li abbiamo conosciuti erano sposati civilmente. Con il tempo si sono create le condizioni per sposarsi in chiesa e hanno deciso di farlo. Erano già sposati civilmente, avevano due figli ed erano già una bella coppia. Sentivano però il desiderio di includere nella loro relazione anche Gesù. Questa loro consapevolezza è qualcosa di bello, qualcosa che provoca stupore e ammirazione. Non tutti comprendono l’importanza del sacramento. Forse lo capisce meglio chi ha dovuto farne a meno. Per questo è stato per noi un grande onore quando ci hanno chiesto di far loro da testimoni di nozze. È stata una cerimonia molto semplice, ma molto bella. Erano presenti poche persone. Era però presente forte l’invitato principale: Gesù. È stata davvero una cerimonia in cui lo Spirito Santo soffiava forte. Silvia ha contribuito concretamente a questo libro. Ha offerto la sua arte, il suo mondo interiore, e ha dipinto un piccolo quadro dove si è lasciata trasportare dal testo del Cantico e dalle emozioni che il testo le ha provocato. Ne è nata un’opera bella, piena di colori come lei sa fare. Un’opera piena anche di significato, dove ogni particolare non è a caso, dove ogni forma richiama ad altro. Nell’ultima di copertina, potete trovarne una riproduzione, che vi invitiamo ad ammirare.

Lascio ora la parola a Silvia che in prima persona racconta perché ha dipinto così il Cantico dei Cantici.

Silvia

Disegnare è la mia forma preferita di preghiera e meditazione, il mio canale privilegiato per entrare in connessione con la verità scritta nel cuore di ogni uomo. Per questo motivo, quando prego, cerco di non influenzare con il giudizio ciò che sto realizzando, preferisco lasciar andare la matita o il pennello con fiducia e poi leggere e interpretare, ogni volta con stupore e gratitudine, quello che si è rivelato. Anche in questo caso, dopo aver riletto il Cantico dei Cantici e il contenuto del libro, ho provato a realizzare degli schizzi veloci e l’ispirazione ha portato alla luce questo disegno, che poi ho dipinto su una piccola tela lasciando che si arricchisse di ulteriori colori, sfumature e particolari. Racchiuso nel simbolo del cerchio, che contiene e protegge come l’anello nuziale, c’è l’Amore che unisce, feconda e rinnova la vita. L’ unione, nel segno dell’amore, genera e fa fiorire non solo la coppia, ma ha la missione di portare questa promessa di armonia vitale su tutta la Terra e il creato, elevando gli sposi verso l’infinito.

Così, l’unione del maschile e del femminile (due) dà vita ad un processo di moltiplicazione da cui nasce il simbolo dei cuori uniti nella Croce (quattro); dall’abbraccio reciproco si forma il simbolo dell’infinito (otto) che conduce nella parte esterna al coronamento di fiori di loto (sedici), intervallati da cuori (altri sedici) che rappresentano nuove vite.

Curiosamente, è lo stesso processo che avviene nello sviluppo dell’embrione: nei primi giorni di sviluppo, lo zigote si divide rapidamente, raddoppiando di volta in volta il suo numero di cellule, inizialmente chiamati blastomeri, mentre l’embrione in formazione prosegue il suo viaggio verso l’utero. Da una cellula si passa a due cellule, quindi a quattro, otto, 16 e 32. Allo stadio di 16 cellule si ha la cosiddetta morula, che entra nell’utero circa tre giorni dopo la fecondazione.

All’interno di questa realtà assiste e trae beneficio l’armonia di tutto il creato, visibile negli elementi della natura in cui i personaggi, anche se sospesi nel tempo per via della loro anima immortale, sono immersi: il sole e luna, che regolano il giorno e la notte, l’acqua e la terra, il fuoco e l’aria.

Un’unica realtà circolare che riporta al centro, dove risiede anche il punto centrale della Croce e dei cuori, e che contiene in sé l’eternità.

Dentro ognuno di noi è descritto da Dio l’intero universo.

Questa immagine sarà riprodotta sulla quarta di copertina del nostro libro Sposi sacerdoti dell’amore in uscita ad ottobre.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...