Non per lussuria ma per la pienezza

«Benedetto sei tu, Dio dei nostri padri, e benedetto per tutte le generazioni è il tuo nome! Ti benedicano i cieli e tutte le creature per tutti i secoli! 6Tu hai creato Adamo e hai creato Eva sua moglie, perché gli fosse di aiuto e di sostegno. Da loro due nacque tutto il genere umano. Tu hai detto: «Non è cosa buona che l’uomo resti solo; facciamogli un aiuto simile a lui». 7Ora non per lussuria io prendo questa mia parente, ma con animo retto. Dégnati di avere misericordia di me e di lei e di farci giungere insieme alla vecchiaia». 8E dissero insieme: «Amen, amen!». 9Poi dormirono per tutta la notte.

Avete riconosciuto questi versetti? Siamo nel libro di Tobia. Una volta celebrato il matrimonio, Tobia e Sara entrarono nella loro stanza dove trovarono il talamo nuziale. Se avete letto la vicenda narrata in questo libro sapete come Sara prima di Tobia avesse già avuto sette mariti, tutti morti la prima notte di nozze. Ho già scritto un precedente articolo dove racconto qualcosa di questi 7 mariti. Uccisi tutti da Asmodeo, un demone che tormentava Sara. Asmodeo è considerato, oltre che il principe della distruzione, anche il demone della cupidigia, dell’ira e della lussuria.  Ognuno di quei sette mariti, per un motivo o per l’altro, prese Sara come qualcosa di suo, la fece sua. Non la prese per amarla ma per usarla. Ognuno di quei sette mariti lasciò così ad Asmodeo un compito facile facile. Quelle relazioni furono distrutte da Asmodeo senza difficoltà in quanto erano già morte in partenza.

Per Tobia non fu così. Torniamo quindi ora ai versetti iniziali. Immaginiamo la scena. Tobia e Sara sono finalmente soli. Possono consumare il matrimonio. Tobia sente forte il desiderio di alzare una preghiera di lode a Dio. I versetti che ho riportato all’inizio di questo articolo descrivono proprio questa preghiera. Sono parole molto intense che possono aiutarci a riflettere anche sul nostro matrimonio e sul valore salvifico di una sessualità sana.

Tu hai creato Adamo e hai creato Eva sua moglie, perché gli fosse di aiuto e di sostegno. Da loro due nacque tutto il genere umano. Tu hai detto: «Non è cosa buona che l’uomo resti solo; facciamogli un aiuto simile a lui».  Uomo e donna. C’è un chiaro richiamo alla Genesi. Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. (Genesi 1,27) Dirò di più. In Genesi per descrivere uomo e donna vengono utilizzate le parole ebraiche zakar per il maschio e nekevàh per la femmina. Due termini non usati in altre parti della Bibbia dove ne vengono usati altri per esprimere il maschile e il femminile. Sono due termini molto concreti e corporali. Diciamo pure sessuali. Significano letteralmente il puntuto (maschio) e la forata (femmina). Maschio e femmina sono quindi identificati dal loro corpo ed in particolare dai loro organi genitali. Come a voler mettere in evidenza che la somiglianza con Dio è data proprio dalla diversità dei due. La differenza e complementarietà diventa occasione per generare. La nostra somiglianza con Dio sta proprio nel saper dare inizio. Dare inizio a nuova vita senz’altro, ma anche dare inizio alla nostra vera umanità riconoscendoci liberi. Liberi in una relazione con una persona diversa e complementare. Nella relazione sponsale, proprio confrontandoci con la differenza dell’altro/a, costruiamo l’uomo e la donna che possiamo e dobbiamo diventare. Così è per Tobia e Sara e così è anche per noi. Questo significato è espresso da un altro versetto subito susseguente alla preghiera: Poi dormirono per tutta la notte. C’è un chiaro richiamo al sonno di Adamo durante il quale Dio crea la donna. In quel sonno Dio salda i due sposi e benedice la loro unione. Trasforma i loro cuori con il fuoco del suo amore.

Ora non per lussuria io prendo questa mia parente, ma con animo retto. Anche questo è un passaggio fondamentale. Tobia non prende Sara per lussuria. Non la prende per possederla, per farla cosa sua, per usarla. Tobia la prende con animo retto, in greco viene trascritto con aletheias. Aletheia significa verità. Nella Bibbia indica l’agire secondo la legge di Dio. Legge che è scritta nel nostro cuore. In sintesi Tobia sente il desiderio di unirsi a Sara non per la passione del momento o per una pulsione sessuale. Nulla di tutto questo. Tobia desidera unirsi a Sara per portare a compimento l’unione dei loro cuori. Desidera vivere in pienezza e verità il suo matrimonio con Sara. Non è meraviglioso vivere la nostra sessualità così? L’avevo già scritto in un altro articolo. E’ davvero incredibile come lo stesso rapporto sessuale possa essere considerato in modo completamente diverso a seconda di come lo si vive. Si dice consumare un rapporto. Consumare può essere inteso con l’etimologia cumsumere, che significa portare a logorio, ma anche con l’etimologia cumsummare che vuol dire portare a compimento, condurre allo scopo. E’ questo il vero significato che la Chiesa vuole dare al verbo consumare. La sessualità all’interno di una coppia di sposi porta a compimento il matrimonio stesso. Il dono reciproco e totale di due sposi è la consumazione del matrimonio, ovvero è la realizzazione del matrimonio. 

Dio non ci promette solo che avremo il centuplo nei Cieli. Dio ci promette che possiamo averlo già oggi nella nostra relazione. E’ importante però che anche noi facciamo la nostra parte impegnandoci a fondo per essere sempre più uno con l’altro e uno per l’altro.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri Influencer dell’amore – L’ecologia dell’amore – Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...