Ha scelto sempre Lui prima di me. Per fortuna!

Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: «Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano».
Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?».
Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli!
Chi compie la volontà di Dio, costui è mio fratello, sorella e madre».

Questo Vangelo mi ha sempre lasciato un po’ perplesso. Perchè Gesù dice questo?

C’è una verità di fondo che mi è risultata chiara solo dopo il mio matrimonio. Non c’è amore autentico se non in chi ama secondo Dio. Che ne sia consapevole o meno. Che sia cristiano o meno. La verità dell’amore l’abbiamo scritta in noi perchè ci costituisce come persone. Siamo fatti per amare così. Gesù supera i legami umani. Va oltre e afferma che io riconosco davvero mio padre, mia madre, i miei fratelli e, adesso, anche la mia sposa e i miei figli, se li amo nella verità. Non basta il legame di sangue o coniugale. Non basta, se non mi relaziono a loro con il rispetto, l’amore, l’accoglienza, la pazienza, la misericordia e la verità che Dio ci insegna attraverso la Parola e la sua legge. Se non metto Dio prima di ogni altra cosa. Ho compreso tutto questo grazie a Luisa.  La mia sposa ha sempre messo Gesù davanti a me, è sempre stato più importante Lui di me. Mi avrebbe lasciato senza pensarci se l’avessi messa davanti ad una scelta tra me e Lui. Questo è stata la nostra salvezza come coppia e come uomo e donna. Quando l’ho conosciuta ero un ragazzo del nostro tempo, pieno di pornografia e di impulsi erotici e sessuali. Ero pieno di fantasie che volevo mettere subito in pratica con lei. Lei, seppur attratta da me, innamorata e desiderosa di costruire qualcosa di importante, ha sempre detto di no, non ha mai assecondato questa mia richiesta, anche quando si faceva insistente. Abbiamo passato momenti difficili, dove lei si sentiva sbagliata, perchè tutto il mondo faceva l’opposto, ed io mi sentivo arrabbiato e represso perchè, in definitiva, non mi sembrava di pretendere nulla di strano. Lei ha sempre messo la volontà di Cristo davanti alla mia e questo mi ha salvato. Mi ha costretto a pormi delle domande. Mi ha costretto a comprendere che la bellezza di quella ragazza andava oltre l’aspetto fisico, ma era trasfigurata dal suo tenace abbandono a Gesù, che era davvero Signore e Salvatore per lei. Lei, amando Gesù più di me, è riuscita a volermi bene in un modo che nessun altro era mai stato capace di fare. Lei nella sua fragilità e debolezza di donna ferita, ma forte come solo chi  fonda la vita sulla roccia di Cristo, mi ha penetrato con la spada e mi ha aperto la ferita del cuore liberandolo da tutto il pus del peccato che lo ammorbava. Grazie al suo no ho iniziato un percorso di guarigione e di purificazione che mi ha permesso di assaporare il vero gusto di un amore profondo e autentico.

Grazie alla mia sposa che non ha mai amato me più di Gesù.

Un consiglio che mi sento di dare a tutti. So per certo da medici e psicologi amici che sono sempre più le spose (ma anche gli sposi) che si lamentano delle richieste dei coniugi. Sesso anale, pornografia, scambio di coppie, sex toys e tante altre depravazioni. Abbiate il coraggio di dire no a queste cose. Per il bene vostro e del vostro coniuge. La sessualità autentica è dono, incontro d’amore, dove l’abbraccio intimo è già cosa che più bella non si può sperimentare. Tutto il resto è solo frutto dell’egoismo e della concupiscenza. Tutto il resto serve solo a rendere la persona da amare una cosa da usare, un pezzo di carne.

Antonio e Luisa

Annunci