Il contrario di famiglia è solitudine. 

In ogni celebrazione familiare, si avverte la presenza di tutti: padri, madri, nonni, nipoti, zii e zie, cugini, chi non è potuto venire e chi vive troppo lontano, tutti. Oggi a Dublino siamo riuniti per una celebrazione familiare di ringraziamento a Dio per quello che siamo: una sola famiglia in Cristo, diffusa su tutta la terra. La Chiesa è la famiglia dei figli di Dio. Una famiglia in cui si gioisce con quelli che sono nella gioia e si piange con quelli che sono nel dolore o si sentono buttati a terra dalla vita. Una famiglia in cui si ha cura di ciascuno, perché Dio nostro Padre ci ha resi tutti suoi figli nel Battesimo. Ecco perché continuo a incoraggiare i genitori a far battezzare i figli appena possibile, perché diventino parte della grande famiglia di Dio. C’è bisogno di invitare ciascuno alla festa, anche il bambino piccolo! E per questo va battezzato presto. E c’è un’altra cosa: se il bambino da piccolo è battezzato, entra nel suo cuore lo Spirito Santo. Facciamo una comparazione: un bambino senza Battesimo, perché i genitori dicono: “No, quando sarà grande”, e un bambino con il Battesimo, con lo Spirito Santo dentro: questo è più forte, perché ha la forza di Dio dentro!

Voi, care famiglie, siete la grande maggioranza del Popolo di Dio. Che aspetto avrebbe la Chiesa senza di voi? Una Chiesa di statue, una Chiesa di persone sole…

Oggi iniziamo una nuova serie di articoli. Cercherò di dire qualcosa sul discorso che il Santo Padre ha rivolto alle famiglie durante l’incontro di Dublino.

Cosa mi provocano queste prime righe del suo discorso? Mi rimandano al viaggio che ho appena concluso in Umbria. Ho visitato Assisi, Cascia e Perugia. Durante questo incontro ho avuto la grazia di incontrare Cristina e Marco. Entrambi scrivono su questo blog. Perchè vi riporto questo aneddoto personale? Perchè in entrambi mi ha colpito una realtà. Qualcosa di non visibile, ma perfettamente percepibile. Erano da soli. Giorgio, il marito di Cristina, era occupato a lavorare, mentre Ilaria, la moglie di Marco, era fuori con i figli. Ebbene non erano presenti, ma erano presenti. Cristina portava in sè la presenza di Giorgio. Marco quella di Ilaria. Non so spiegarla bene questa percezione, ma è qualcosa di cui tutti possono fare esperienza quando si avvicinano ad una persona sposata che vive autenticamente la sua vocazione. Io posso dire di aver conosciuto anche Ilaria e Giorgio. Come se in Cristina e Marco abitassero anche i rispettivi sposi. Penso che il Papa intenda questo quando dice che una persona porta con sè, anche nella celebrazione irlandese, tutta la famiglia. L’amore ti cambia, l’amore è l’unica cosa che ci si porta dappertutto anche nella morte. L’amore non è un concetto astratto. L’amore ha un volto. Per noi sposi ha il volto della famiglia. Questo vale per figli, nonni, genitori ecc. Vale anche, e soprattutto, tra marito e moglie, dove l’amore diventa sacramento e relazione sacra. La Chiesa di Gesù non può esistere senza le piccole chiese domestiche.  In famiglia si impara a condividere e compatire. Compatire sembra una brutta parola, ma in famiglia non lo è. Le gioie condivise diventano più belle e più grandi. I dolori compatiti da tutta la famiglia, che è sostegno e balsamo d’amore, sono meno pesanti e più sopportabili. In famiglia si impara inoltre a prendersi cura. Si impara a fare attenzione all’altro. Si impara a cercare di comprendere il punto di vista dell’altro. La famiglia permette di spostare il centro da me ad un tu. Ed è così che l’immagine più bella per definire la Chiesa è quella che usa il Papa in questo discorso: la Chiesa è la famiglia dei figli di Dio. Una grande famiglia dove si compatisce per ogni fratello (e sorella), dove si condivide la gioia di ogni fratello, dove ci si prende cura di ogni fratello. Se volete comprendere qualcosa della Chiesa, e di come l’ha pensata e voluta Gesù, guardate come si amano i membri di una famiglia. Il contrario di famiglia non è libertà o indipendenza, come molti credono. Il contrario di famiglia è solitudine.

Antonio e Luisa

 

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Il contrario di famiglia è solitudine. 

  1. Pingback: I santi della porta accanto | Matrimonio Cristiano

  2. Pingback: Il nostro matrimonio è un tè da gustare. | Matrimonio Cristiano

  3. Pingback: L’abbraccio del perdono | Matrimonio Cristiano

  4. Pingback: La carità non avrà mai fine | Matrimonio Cristiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...