Abbi cura di me. La fragilità e la grandezza dell’amore. (2 parte)

Dopo aver pubblicato ieri la prima parte della mia personale lettura della canzone di Cristicchi oggi vi propongo la seconda. Per leggere la prima cliccate qui.

Tu non cercare la felicità semmai proteggila

La felicità è nel nostro matrimonio. Quanti errori. Quante coppie saltano per la ricerca della felicità! Quante persone cercano altrove quello che possono trovare solo in quello che hanno già. Proteggiamo il nostro matrimonio. Custodiamoci l’un l’altra. Proteggiamo il nostro tesoro. Non diamolo mai per scontato. Non diamoci mai per scontati. Non smettiamo mai di guardarci con tenerezza e di servirci amorevolmente e con pazienza. Un lavoro a volte duro ma che dà i suoi frutti.

Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso

Siamo in guerra. In guerra con il nostro passato. In guerra con le nostre miserie e i nostri limiti. In guerra con noi stessi. La coppia può essere il luogo della pace. Ti sono grato cara mia sposa per avermi accolto nella mia interezza. Non hai accolto solo la parte migliore di me, ma anche la mia parte oscura. La parte di cui mi vergogno e che non mostro a nessuno. Che mi tengo dentro e che fatico io stesso ad accettare e a perdonarmi. Tu lo ha fatto. Con il tempo, con la Grazia del sacramento ci sei riuscita. Il suo abbraccio è stato una medicina potentissima. Attraverso il tuo amore sono stato capace di perdonarmi e di vedermi con gli occhi di Dio. Già perchè nei tuoi occhi vedo lo sguardo misericordioso e amante di Dio.

Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre

Attraversare il dolore è necessario. E’ molto difficile e pesante perchè mi ha obbligato  a tirar fuori gli scheletri che avrei voluto tenere sepolti in fondo al cuore. Non è possibile lasciarli lì. Per essere uomini e donne capaci di amare è necessario tirare fuori tutto e farci i conti. Perchè è proprio lì in fondo che ho trovato finalmente la capacità di alzare lo sguardo a Dio e di sentirmi profondamente amato. Solo nella profondità delle mie ferite, nella fragilità della mia esistenza, ho potuto  comprendere quanto Dio mi ama e di quanto ho bisogno di quell’amore. Solo dopo sono stato capace di restituire quell’amore a Dio nella mia sposa. Certo in modo imperfetto e con tante cadute ma ora ho un amore grande che mi sostiene.

Abbi cura di me
Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare.
Abbi cura di me

Questa è la chiusa della canzone Non c’è molto da dire se non che può essere una bellissima preghiera che gli sposi possono alzare insieme a Dio. Affinchè non smetta mai di sostenerli come solo una mamma e un papà sanno fare con il loro bambino. La nostra coppia è una creatura di Dio. Il noi che siamo diventati è come il bambino di Dio. Ha bisogno di essere tenuto per mano per non perdersi nella notte.

 

Un pensiero su &Idquo;Abbi cura di me. La fragilità e la grandezza dell’amore. (2 parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...