Perle da Sanremo (Prima parte)

Una delle prerogative dei nostri articoli è che non nascono da una Legge calata dall’alto, ma da quanto il nostro cuore ci comunica. L’amore non è un attenersi ad una legge ma dare risposta alla nostalgia di pienezza del nostro cuore. Per questo la legge morale naturale, ripresa dalla Chiesa, non è una serie di norme frustranti ma un libretto delle istruzioni per vivere in pienezza ciò che siamo. Per questo ho cercato delle perle in tutte le canzoni di Sanremo. Quelle belle e quelle meno belle. Da qui una serie di articoli dedicati a questa mia ricerca.

Ricorda che devi fare benzina (Sincero – Bugo feat Morgan)

Abbiamo un serbatoio dell’amore che va riempito. Nel matrimonio non ci viene chiesto di prendere dall’altro/a ma di darci all’altro/a. Poi se l’altro/a fa altrettanto riceviamo anche ma non è scontato e non è qualcosa su cui possiamo agire direttamente noi. Il darsi dell’altro è solo un dono da accogliere e non una pretesa da imporre. Darci nel servizio, nella cura, nel corpo, nel tempo. Insomma darci completamente. E’ come se il nostro cuore fosse un serbatoio. Il matrimonio è fatto per dare il contenuto del nostro cuore all’altro/a. Questo serbatoio va però riempito ogni tanto. Per questo è importante trovare dei momenti nostri dove riempire il serbatoio facendo ciò che amiamo. Può essere la partita di calcetto, può essere andare a teatro, può essere un giro in bici, può essere andare dal parrucchiere. Ognuno sa cosa gli piace fare. Lo faccia. El’altro/a non si opponga. Fa bene alla coppia.

In cui tu sei il mio tempo ( Il sole ad est Alberto Urso)

Il matrimonio è il nostro tempo. La vocazione è il modo che Dio ha pensato affinché noi uomini e donne imparassimo ad amare, imparassimo a rispondere al Suo amore gratuito, fedele e misericordioso. La vocazione matrimoniale è esattamente questo. Imparare a riamare Gesù. Il matrimonio è una scuola che, giorno dopo giorno, ci aiuta a combattere il nostro egoismo. Ci aiuta a decentrare l’attenzione da noi stessi verso un’alterità diversa da noi. Ci aiuta a sentirci parte di una comunione d’amore (così definisce la famiglia Giovanni Paolo II in Familiaris Consortio). Tu sei il mio tempo per prepararmi al matrimonio eterno con Cristo. Tu sei il mio tempo per imparare ad amare e, non meno importante, a farmi amare.

Tu sei l’unica messa a cui io sono andata (Ho amato tutto Tosca)

Questa mi è piaciuta tanto. Per tanti è così! Quanti sposi sono lontano dalla fede? Quanti sposi non partecipano alla Santa Messa? Quanti sembrano lontanissimi da Dio? Molti! Alcuni, magari inconsapevolmente, non sono proprio lontani. Ricordate che saremo giudicati sull’amore! Quegli sposi che non credono nel Dio uno e trino, non credono in Gesù vero uomo e vero Dio, ma vivono il loro matrimonio in modo autentico nel dono ricevuto e accolto non sono lontanissimi da Gesù. Sia chiaro che partecipare alla Santa Messa è importante ed è fonte di Grazia. Fare esperienza di Gesù nei sacramenti è una ricchezza enorme, ma Gesù non abbandona chi non lo riconosce nella Messa. Così il matrimonio diventa una Messa, cioè il luogo dove fare esperienza dell’amore, del dono gratuito ricevuto e dato, del perdono, della gratuità. Capite che per alcuni il matrimonio è l’unica occasione che hanno per fare esperienza di Dio. San Giovanni II durante uno dei suoi discorsi ebbe a dire: spesso per un uomo di oggi la sua fedeltà al matrimonio sarà l’unica occasione che avrà per diventare cristiano.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Benigni peccato! Hai mancato il bersaglio.

Benigni a Sanremo ha parlato del Cantico dei Cantici. Avendo scritto con la mia sposa Luisa un libro sul Cantico (Sposi sacerdoti dell’amore – Antonio e Luisa De Rosa – Tau Editrice) mi sono sentito particolarmente interessato al tema proposto dal comico. Ho letto di tutto. Commenti entusiastici, gente scandalizzata, addirittura c’è chi ha accusato il premio Oscar di blasfemia. Ridimensioniamo tutto. Benigni non è un esegeta e si vede. La gente non lo ascolta per comprendere la Sacra Scrittura, almeno lo spero, ma per lasciarsi meravigliare e avvolgere dalla bellezza che traspare spesso da ciò che dice e da come lo dice. Al netto di tutto Benigni ha avuto un grande merito. Quello di portare al pubblico televisivo un testo meraviglioso come il Cantico dei Cantici. Ha avuto il grande merito di svelare la lettura più umana e letterale di questo testo senza per questo renderlo meno bello e meno regale. Non ha avuto, però, il coraggio o la capacità di andare a fondo nel testo e per questo alla fine ha mancato il bersaglio. Si è fermato all’elogio dell’amore erotico, della carnalità dell’amore. Che non è l’amore. L’amore erotico è davvero amore solo quando è parte di un amore totale. Quando è parte di un amore fatto sì di carne, ma anche di dono e di amicizia. Il Cantico dei Cantici è parola di Dio proprio perchè è capace di raccontare l’amore nella sua dimensione più completa. L’Eros è fatto di meraviglia e contemplazione proprio perchè è capace di andare oltre la superficiale dimensione corporea della persona e l’attrazione erotica, e diventa la porta che apre al cuore dell’altro/a. Una relazione che si concretizza nel corpo, nei baci, nelle carezze, negli abbracci fino ad arrivare all’amplesso e alla compenetrazione dei corpi, ma che non si esaurisce alle sole sensazioni corporee. Gesti che non servono ad un effimero e superficiale piacere corporeo, ma che permettono un piacere molto più profondo fatto di relazione, di comunione, di anime che si fondono e di cui l’orgasmo è una parte importante, ma non la sola e non la più appagante. Il Cantico è scandaloso per questo. E’ stato scritto 500 anni prima di Cristo in una società seminomade maschilista e patriarcale. Eppure la donna ha un ruolo attivo, partecipa all’amore perchè l’amore non si subisce ma si accoglie e si dona. Per questo è entrato con difficoltà tra i libri sacri. Per questo per secoli si è preferito evidenziare soltanto il suo significato mistico. L’amore tra Dio e il suo popolo. L’amore tra Gesù e la sua Chiesa, per noi cristiani. Pian piano però la verità sta venendo fuori. Perchè lo Spirito Santo non si può ingabbiare nelle nostre paure e nei nostri tabù. Finalmente tanti autori raccontano oggi il Cantico per quello che è: una meravigliosa relazione d’amore tra un uomo e una donna. Questo non nega la lettura mistica e allegorica del Cantico. Il Cantico continua a raccontare l’amore di Dio. Semplicemente l’immagine che più rappresenta l’amore di Dio, cioè come Dio ama, è proprio costituita dalla coppia di sposi. Guardando due sposi che si amano possiamo comprendere qualcosa di come Dio ama. Quindi una lettura non esclude l’altra, ma al contrario l’una richiama l’altra rendendo l’amore di Dio qualcosa di concreto e di cui possiamo ammirarne il volto. Ammirarlo in quello di due sposi che si amano e si donano l’un l’altra anche nell’amplesso fisico che diventa per loro una vera liturgia del loro sacramento e gesto sacro, gesto voluto da Dio. Gesto con cui fare esperienza di Dio. Dicevo però che Benigni ha sbagliato il bersaglio. Ha scoccato la sua freccia verso la direzione giusta, ma poi la traiettoria ha deviato e non è riuscito a raccontare l’amore del Cantico. Non è riuscito a raccontare la bellezza autentica dell’amore. Bellezza che nasce da un amore fatto di dono, servizio ed amicizia e che si concretizza nel corpo attraverso un amore tenero ed erotico. Solo amando così il corpo dell’amato/a resterà qualcosa da contemplare, una meraviglia di cui non ci si stanca mai perchè sarà trasfigurato da una vita d’amore che gli sposi sperimentano ogni giorno, nella loro quotidianità. Questo è l’amore del Cantico, questo è l’amore che Dio ha pensato per noi, questo è l’amore che voglio sperimentare con la mia sposa. Non quello proposta da Benigni che, seppur raccontato con enfasi e sentimento, mi appare una briciola in confronto a ciò che ho sperimentato in questi 18 anni di vita matrimoniale con la mia sposa. Rendiamo merito comunque a Benigni di averci dato la possibilità di ribadire qualcosa di vero ma poco conosciuto. Come dice Costanza Miriano: i cattolici lo fanno meglio. Non vergogniamoci mai di raccontare quanto è bello amarsi con Gesù. Come è bello fare l’amore e farci amore l’un l’altra.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Per acquistare il libro Sposi sacerdoti dell’amore cliccate qui

Per acquistare il libro L’ecologia dell’amore cliccate qui

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Abbi cura di me. La fragilità e la grandezza dell’amore. (2 parte)

Dopo aver pubblicato ieri la prima parte della mia personale lettura della canzone di Cristicchi oggi vi propongo la seconda. Per leggere la prima cliccate qui.

Tu non cercare la felicità semmai proteggila

La felicità è nel nostro matrimonio. Quanti errori. Quante coppie saltano per la ricerca della felicità! Quante persone cercano altrove quello che possono trovare solo in quello che hanno già. Proteggiamo il nostro matrimonio. Custodiamoci l’un l’altra. Proteggiamo il nostro tesoro. Non diamolo mai per scontato. Non diamoci mai per scontati. Non smettiamo mai di guardarci con tenerezza e di servirci amorevolmente e con pazienza. Un lavoro a volte duro ma che dà i suoi frutti.

Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso

Siamo in guerra. In guerra con il nostro passato. In guerra con le nostre miserie e i nostri limiti. In guerra con noi stessi. La coppia può essere il luogo della pace. Ti sono grato cara mia sposa per avermi accolto nella mia interezza. Non hai accolto solo la parte migliore di me, ma anche la mia parte oscura. La parte di cui mi vergogno e che non mostro a nessuno. Che mi tengo dentro e che fatico io stesso ad accettare e a perdonarmi. Tu lo ha fatto. Con il tempo, con la Grazia del sacramento ci sei riuscita. Il suo abbraccio è stato una medicina potentissima. Attraverso il tuo amore sono stato capace di perdonarmi e di vedermi con gli occhi di Dio. Già perchè nei tuoi occhi vedo lo sguardo misericordioso e amante di Dio.

Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre

Attraversare il dolore è necessario. E’ molto difficile e pesante perchè mi ha obbligato  a tirar fuori gli scheletri che avrei voluto tenere sepolti in fondo al cuore. Non è possibile lasciarli lì. Per essere uomini e donne capaci di amare è necessario tirare fuori tutto e farci i conti. Perchè è proprio lì in fondo che ho trovato finalmente la capacità di alzare lo sguardo a Dio e di sentirmi profondamente amato. Solo nella profondità delle mie ferite, nella fragilità della mia esistenza, ho potuto  comprendere quanto Dio mi ama e di quanto ho bisogno di quell’amore. Solo dopo sono stato capace di restituire quell’amore a Dio nella mia sposa. Certo in modo imperfetto e con tante cadute ma ora ho un amore grande che mi sostiene.

Abbi cura di me
Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare.
Abbi cura di me

Questa è la chiusa della canzone Non c’è molto da dire se non che può essere una bellissima preghiera che gli sposi possono alzare insieme a Dio. Affinchè non smetta mai di sostenerli come solo una mamma e un papà sanno fare con il loro bambino. La nostra coppia è una creatura di Dio. Il noi che siamo diventati è come il bambino di Dio. Ha bisogno di essere tenuto per mano per non perdersi nella notte.