La passeggiata di Chagall

Chagall_Promenade_La_Passeggiata

La riflessione di oggi ci porta ad approfondire un’opera d’arte. Si tratta de La passeggiata di Marc Chagall. Un artista che io amo in modo particolare, non solo per le forme e colori delle sue opere che rimandano ad un mondo sfumato, delicato e fiabesco. Lo amo per il ricchissimo contenuto simbolico che si può trarre dai suoi dipinti, sono vere e proprie opere iconografiche. Oggi vorrei approfondire, da un punto di vista sponsale, questa opera, dipinta in Russia tra il 1917 e 1918. Ci sono elementi molto interessanti. La cittadina sullo sfondo è Vitebsk (Bielorussia). I due giovani raffigurati nell’opera sono Chagall stesso e la moglie Bella. Il pittore nel 1917 ha circa 30 anni ed è sposato con Bella da meno di 2. Hanno appena concepito la loro primogenita Ida. Questo è il contesto personale in cui l’artista dipinge questo quadro. E’ un’opera molto spirituale. La cittadina è rappresentata in modo molto semplice e indefinito. L’unico edificio che si distingue è quello di culto (potrebbe essere una sinagoga come una chiesa ortodossa) che è di un rosa pallido. Il colore rosa si forma per unione del rosso e del bianco e di conseguenza mutua da essi il suo significato di amore e sapienza divina. Per questi attributi la sua portata simbolica è analoga al colore giallo, con la differenza che oro e giallo sono considerati superiori perché si riferiscono a Dio e alla sua rivelazione, mentre il rosa incarna l’uomo che riceve la Parola divina. C’è una netta separazione tra il colore della sinagoga che richiama il Cielo rispetto a quello delle altre costruzioni che richiama la Terra. Chagall ci sta dicendo che il loro amore è concreto e vissuto nella realtà della società in cui si trovano, ma è altrettanto spirituale, vissuto alla luce della Parola e della presenza di Dio. Chagall nasce nella tradizione e religione ebraica, ma sembra che il suo percorso di vita e artistico lo abbia condotto a Cristo. Tanto che uno dei suoi ultimi pensieri prima di morire rimanda in modo evidente a Gesù: Un giorno, io lo so, mi accoglierai e della morte svanirà il ricordo ma non l’amore, e della vita svanirà il mistero ma non l’incanto. Ed al compagno delle mie paure potrò mostrare finalmente quanto – segretamente – io desideravo che mi fosse accanto nel giorno della Tua rivelazione.

Proseguiamo con l’opera. I due giovani sposi sono in una posizione alquanto originale. Lui con i piedi ben piantati a terra e lei che vola, come fosse un aquilone. Se non ci fosse lui a trattenerla lei volerebbe su nel cielo. Qui c’è tutta la sua concezione del maschile e femminile. Una concezione che io condivido pur riconoscendo che non sempre sia così e che tutte le coppie di sposi hanno una loro originalità unica. Lui, l’uomo è colui che resta saldo con i piedi per terra. Lui è colui che guida e che riesce a mantenere una concretezza necessaria per affrontare la vita e i problemi che la vita mette innanzi ad ogni coppia. Lei è colei che aiuta il suo sposo ad avere uno sguardo verso il Cielo, verso Dio, verso l’eterno. Lo aiuta a comprendere che ogni problema e tutta la loro vita vanno letti alla luce dell’amore eterno di Dio.

A terra c’è una tovaglia di sfondo rosso con tanti fiori di tanti colori. Sopra di essa è poggiata una bottiglia di vino con un calice. Quanti simboli in una sola immagine! Io non conosco il sentimento religioso di Chagall in quel periodo. Chiaramente, da cristiano, leggo tantissimo da questa raffigurazione. Lo sfondo rosso è l’amore carnale, erotico. I fiori rappresentano i colori, i profumi, la bellezza dell’amore sponsale. Rimandano al Cantico dei Cantici. All’esplosione dell’amore delle origini: puro e autentico, ma proprio per questo autenticamente erotico e carnale. Un paradiso terrestre dove Marc e Bella sono i nuovi Adamo e Eva. La felicità che aveva preceduto la cacciata sembra adesso ritrovata, in questo attimo il pittore dipinge l’eternità dell’amore. Poi c’è il vino e il calice. L’amore oblativo. Il sacrificio di Cristo. L’agape. Il connubio di queste due diverse e complementari dimensioni dell’amore fanno sì che l’amore sponsale sia un’esperienza piena e mistica per chi la viva. Un’esperienza che rimanda a Dio stesso. Non c’è acqua, c’è vino. C’è il vino buono. quello che dona Cristo e fa sì che il matrimonio sia sempre una festa perchè vissuto alla presenza dello Sposo, nonostante tutte le nostre fragilità e imperfezioni e nonostante le difficoltà della vita. Chagall dipinge questo quadro tra il 1917 e il 1918 in Russia. Non proprio un periodo tranquillo da quelle parti.

Mi fermo, potrei andare avanti per ore tanto quest’opera è ricca di spunti. Spero di avervi fatto comprendere come dietro un dipinto, soprattutto quando si tratta di Chagall, c’è un mondo da scoprire.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...