La passeggiata di Chagall

Chagall_Promenade_La_Passeggiata

La riflessione di oggi ci porta ad approfondire un’opera d’arte. Si tratta de La passeggiata di Marc Chagall. Un artista che io amo in modo particolare, non solo per le forme e colori delle sue opere che rimandano ad un mondo sfumato, delicato e fiabesco. Lo amo per il ricchissimo contenuto simbolico che si può trarre dai suoi dipinti, sono vere e proprie opere iconografiche. Oggi vorrei approfondire, da un punto di vista sponsale, questa opera, dipinta in Russia tra il 1917 e 1918. Ci sono elementi molto interessanti. La cittadina sullo sfondo è Vitebsk (Bielorussia). I due giovani raffigurati nell’opera sono Chagall stesso e la moglie Bella. Il pittore nel 1917 ha circa 30 anni ed è sposato con Bella da meno di 2. Hanno appena concepito la loro primogenita Ida. Questo è il contesto personale in cui l’artista dipinge questo quadro. E’ un’opera molto spirituale. La cittadina è rappresentata in modo molto semplice e indefinito. L’unico edificio che si distingue è quello di culto (potrebbe essere una sinagoga come una chiesa ortodossa) che è di un rosa pallido. Il colore rosa si forma per unione del rosso e del bianco e di conseguenza mutua da essi il suo significato di amore e sapienza divina. Per questi attributi la sua portata simbolica è analoga al colore giallo, con la differenza che oro e giallo sono considerati superiori perché si riferiscono a Dio e alla sua rivelazione, mentre il rosa incarna l’uomo che riceve la Parola divina. C’è una netta separazione tra il colore della sinagoga che richiama il Cielo rispetto a quello delle altre costruzioni che richiama la Terra. Chagall ci sta dicendo che il loro amore è concreto e vissuto nella realtà della società in cui si trovano, ma è altrettanto spirituale, vissuto alla luce della Parola e della presenza di Dio. Chagall nasce nella tradizione e religione ebraica, ma sembra che il suo percorso di vita e artistico lo abbia condotto a Cristo. Tanto che uno dei suoi ultimi pensieri prima di morire rimanda in modo evidente a Gesù: Un giorno, io lo so, mi accoglierai e della morte svanirà il ricordo ma non l’amore, e della vita svanirà il mistero ma non l’incanto. Ed al compagno delle mie paure potrò mostrare finalmente quanto – segretamente – io desideravo che mi fosse accanto nel giorno della Tua rivelazione.

Proseguiamo con l’opera. I due giovani sposi sono in una posizione alquanto originale. Lui con i piedi ben piantati a terra e lei che vola, come fosse un aquilone. Se non ci fosse lui a trattenerla lei volerebbe su nel cielo. Qui c’è tutta la sua concezione del maschile e femminile. Una concezione che io condivido pur riconoscendo che non sempre sia così e che tutte le coppie di sposi hanno una loro originalità unica. Lui, l’uomo è colui che resta saldo con i piedi per terra. Lui è colui che guida e che riesce a mantenere una concretezza necessaria per affrontare la vita e i problemi che la vita mette innanzi ad ogni coppia. Lei è colei che aiuta il suo sposo ad avere uno sguardo verso il Cielo, verso Dio, verso l’eterno. Lo aiuta a comprendere che ogni problema e tutta la loro vita vanno letti alla luce dell’amore eterno di Dio.

A terra c’è una tovaglia di sfondo rosso con tanti fiori di tanti colori. Sopra di essa è poggiata una bottiglia di vino con un calice. Quanti simboli in una sola immagine! Io non conosco il sentimento religioso di Chagall in quel periodo. Chiaramente, da cristiano, leggo tantissimo da questa raffigurazione. Lo sfondo rosso è l’amore carnale, erotico. I fiori rappresentano i colori, i profumi, la bellezza dell’amore sponsale. Rimandano al Cantico dei Cantici. All’esplosione dell’amore delle origini: puro e autentico, ma proprio per questo autenticamente erotico e carnale. Un paradiso terrestre dove Marc e Bella sono i nuovi Adamo e Eva. La felicità che aveva preceduto la cacciata sembra adesso ritrovata, in questo attimo il pittore dipinge l’eternità dell’amore. Poi c’è il vino e il calice. L’amore oblativo. Il sacrificio di Cristo. L’agape. Il connubio di queste due diverse e complementari dimensioni dell’amore fanno sì che l’amore sponsale sia un’esperienza piena e mistica per chi la viva. Un’esperienza che rimanda a Dio stesso. Non c’è acqua, c’è vino. C’è il vino buono. quello che dona Cristo e fa sì che il matrimonio sia sempre una festa perchè vissuto alla presenza dello Sposo, nonostante tutte le nostre fragilità e imperfezioni e nonostante le difficoltà della vita. Chagall dipinge questo quadro tra il 1917 e il 1918 in Russia. Non proprio un periodo tranquillo da quelle parti.

Mi fermo, potrei andare avanti per ore tanto quest’opera è ricca di spunti. Spero di avervi fatto comprendere come dietro un dipinto, soprattutto quando si tratta di Chagall, c’è un mondo da scoprire.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Sposi sacerdoti. Bruna sono ma bella. (22 articolo)

Bruna sono ma bella,
o figlie di Gerusalemme,
come le tende di Kedar,
come le cortine di Salomone.
6Non state a guardare se sono bruna,
perché il sole mi ha abbronzato.
I figli di mia madre si sono sdegnati con me:
mi hanno messo a guardia delle vigne;
la mia vigna, la mia, non l’ho custodita.

 

Prima caratteristica che salta all’occhio scorrendo questo paragrafo del testo è il continuo richiamo alla natura. Richiami a luoghi, animali, fiori, profumi ben noti in quella comunità rurale, di pastori seminomadi.  Per noi è molto più difficile comprendere immagini come le tende di Kedar. A chi invece leggeva questi versi all’epoca in cui furono scritti richiamava un determinato colore, una determinata caratteristica. Noi, quindi, dobbiamo faticare un po’ di più.

Bruna sono ma bella. La sulamita non è perfetta. E’ bruna, bruciata dal sole. Non rientra nei canoni di bellezza dell’epoca. Nonostante questo la sulamita afferma la sua bellezza. Lei si sente bella.

Non state a guardare se sono scura. Quasi si giustifica. E’ stato il sole ad abbronzarmi. I miei fratelli mi guardano con sdegno. Non sono riuscita a custodire la mia vigna.

Qui mi fermo con il testo. C’è già abbastanza per farne una bella riflessione.

La vigna cosa indica? La vigna indica l’intimità della donna, indica il corpo e le parti intime. Lei non è riuscita a custodirle. Non sappiamo cosa sia successo. Possiamo immaginarlo. Sicuramente un dramma che la sulamita si porta dentro. Una sofferenza forte nata da qualcosa del suo passato. Non è perfetta. Non lo è nel corpo e non lo è nelle sue esperienze. Questo non le impedisce, però,  di sentirsi bella. Non le impedisce di sentirsi degna del suo re. Non importa tutto il resto. Quante donne, invece, non accettano i propri limiti, le proprie imperfezioni, il proprio passato,  e per questo non riescono ad aprirsi totalmente allo sposo? Troppe. Come fare, allora, a sentirsi belle? Ciò che fa sentire una donna bella è lo sguardo dell’amato. Vale per tutte. Anche per Luisa è stato così. Ha vissuto una vita sentendosi brutta e inadeguata. Fino a quando non ha alzato lo sguardo e ha incrociato quello di Cristo. Li si è sentita per la prima volta bella, bellissima. Nonostante i suoi difetti e i suoi limiti. Nonostante le sue cadute e i suoi errori. Io ho visto quella bellezza e me ne sono innamorato. Probabilmente se non avesse incontrato Cristo prima di me non me ne sarei accorto. Ora che siamo sposi tocca a me prestare gli occhi a Cristo. Luisa può continuare a sentirsi bella e amabile, attraverso il mio sguardo, specchiandosi nei miei occhi.

Lo sguardo è immediato arriva prima di ogni altro gesto, perchè è diretto, ma non per forza ravvicinato. Uno sguardo può incoraggiare ad avvicinarsi o al contrario può allontanare e far sentire la persona amata non desiderata. Lo sguardo è la prima parte di me che interagisce con l’altro e instaura un dialogo. Come non pensare alla nostra vita di coppia? Se ci si conosce profondamente e dopo anni di matrimonio di solito è così, uno sguardo dice tutto.  Uno sguardo, che viene dal profondo di me stesso e che si arricchisce di tutto il vissuto carico di amore e tenerezza, mi permetterà di far sentire la mia sposa bellissima sempre, e a me di vedere in lei una creatura che mi meraviglia ogni giorno. Questa è la bellezza del matrimonio. Questo è il miracolo del matrimonio. Perchè se la mattina quando la guardi nello stato in cui si ritrova, con i capelli che sparano, le borse sotto gli occhi e l’orrendo pigiamone di flanella e, nonostante questo, ti appare bellissima, beh allora di vero miracolo si tratta. Miracolo dell’amore.

Sentite quello che scrive don Oreste Benzi a proposito dello sguardo:

Sentirete, guardandovi negli occhi l’un l’altro di essere costruttori di pace, di essere misericordiosi, di essere miti e semplici, di essere affamati e assetati di giustizia. Sentirete la gioia stupenda che viene dal sentirsi chiamati: questa è la vocazione che il Signore ci dona.

E allora, ripieni di Dio, tu sposa leggerai la tua bellezza negli occhi del tuo sposo, perchè credo che una sposa non possa leggere la propria bellezza guardandosi allo specchio, ma guardandolo negli occhi del proprio marito sente tutta la propria preziosità e la propria bellezza.

La mia sposa ha bisogno di sentirsi bella e desiderata, e io con il mio sguardo posso darle questa certezza o posso distruggerla. Anche questo è amare.

Antonio e Luisa

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croce Un’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegio L’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppia Materialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmine Armonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi  Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino.