Sposi sacerdoti. Uccidete il sogno (61 capitolo)

E’ terminato il quarto poema. Cosa ci lascia? Credo che nei versetti di questo poema possiamo trovare uno degli insegnamenti più importanti ed utili per la nostra relazione sponsale. E’ una lettura molto bella dei coniugi Gillini. Una lettura che io  trovo molto vera e profonda. Davvero l’uomo e la donna del Cantico siamo noi. Sono passati migliaia di anni, viviamo in contesti culturali e sociali molto diversi rispetto a loro, eppure desideriamo le stesse cose e viviamo le stesse dinamiche. Esiste un momento sacro nel percorso di vita di una coppia. In questo momento non solo ci si scopre diversi, sfasati. Io sono pronto e tu no. E viceversa. C’è un momento in cui ogni coniuge deve lasciar cadere, deve liberarsi del sogno che aveva dentro di sè dell’altra persona. Questo è un momento che appartiene alla storia reale di ogni coppia. Lasciar cadere il sogno e accogliere in noi la verità dell’altro. Chiamarlo finalmente per nome. Chiamarlo in senso biblico. Accogliere e riconoscere con il nome tutta la persona che abbiamo di fronte. Questo processo può essere anche un duro colpo. Tante aspettative e tanti progetti. Tanti desideri che l’altra persona avrebbe dovuto incarnare e realizzare. Non è così. Spesso la persona che abbiamo sposato non è quella che pensavamo di aver sposato. Spesso l’idea che ci costruiamo è idealizzata e non è reale. Vogliamo che l’altro/a sia ciò che non è. E’ importante superare questo momento cruciale. Momento che può giungere per alcuni prima e per altri dopo, per alcuni in modo repentino e per altri in modo graduale, ma arriva per tutti. Tranquilli che arriva. E’ importante saperlo e riuscire a superarlo. E’ importante disinnescare il pericolo che si cela dietro. Il pericolo di pensare che lui non sia quello giusto, che lei non sia quella giusta, e quindi provare con qualcun’altro/a. L’amore chiede invece questo salto di qualità. Saper riconoscere e accogliere l’altro per quello che è. Solo così l’amore diventa maturo. Quando ci si rende conto della caduta del sogno si sperimenta davvero di perdere la vita. Solo facendo questa esperienza che è un’esperienza di crisi, di smarrimento, di solitudine, magari di sofferenza e dolore. Solo passando attraverso questa morte possiamo essere finalmente pronti a farci dono all’altro senza pretendere nulla. Solo morendo possiamo risorgere in una nuova relazione questa volta fondata sulla verità e non su un desiderio idealizzato che non esiste. La famiglia del mulino bianco lasciamola alla pubblicità. La nostra non è così, ma se riusciamo a fare questo salto di qualità, se riusciamo ad uccidere il sogno che abbiamo in testa,  beh la nostra famiglia può essere anche più bella di quella del mulino bianco, con tutto il casino e l’imperfezione da cui è abitata.

Antonio e Luisa

1 Introduzione 2 Popolo sacerdotale 3 Gesù ci sposa sulla croce 4 Un’offerta d’amore 5 Nasce una piccola chiesa 6 Una meraviglia da ritrovare 7 Amplesso gesto sacerdotale 8 Sacrificio o sacrilegio 9 L’eucarestia nutre il matrimonio 10 Dio è nella coppia11 Materialismo o spiritualismo 12 Amplesso fonte e culmine 13 Armonia tra anima e corpo 15 L’amore sponsale segno di quello divino 16 L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia 17 Un libro da comprendere in profondità 18 I protagonisti del Cantico siamo noi 19 Cantico dei Cantici che è di Salomone 20 Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro.21 Ricorderemo le tue tenerezze più del vino.22 Bruna sono ma bella 23 Perchè io non sia come una vagabonda 24 Bellissima tra le donne 25 Belle sono le tue guance tra i pendenti 26 Il mio nardo spande il suo profumo 27 L’amato mio è per me un sacchetto di mirra 28 Di cipresso il nostro soffitto 29 Il suo vessillo su di me è amore 30 Sono malata d’amore 31 Siate amabili 32 Siate amabili (seconda parte) 33 I frutti dell’amabilità34 Abbracciami con il tuo sguardo 35 L’amore si nutre nel rispetto. 36 L’inverno è passato 37 Uno sguardo infinito 38 Le piccole volpi che infestano il nostro amore. 39 Il mio diletto è per me. 40 Voglio cercare l’amato del mio cuore 41 Cos’è che sale dal deserto 42 Ecco, la lettiga di Salomone 43 I tuoi seni sono come due cerbiatti 44 Vieni con me dal Libano 45 Un giardino da curare 46 L’eros è un amore tenero 47 La tenerezza è amare come Dio ci ama 48 Mi hai rapito il cuore con un tuo sguardo 49 Fammi sentire la tua voce. Perchè la tua voce è soave 50 Mi baci con i baci della sua bocca 51 Quanti sono soavi le mie carezze sorella mia, sposa 52 Venga il mio diletto nel suo giardino e ne mangi i frutti squisiti 53 Le carezze dell’anima 54 Un rumore! E’ il mio diletto che bussa. 55 Il mio diletto ha messo la mano nello spiraglio  56 Io venni meno per la sua scomparsa 57 Mi han tolto il mantello 58 Che ha il tuo diletto di diverso da un altro? 59 Il matrimonio non è un armadio

La vie di Chagall. Nel mondo ma non del mondo.

Quest’opera di Chagall è difficile da comprendere. E’ difficile in apparenza almeno, per chi la accosta con uno sguardo superficiale. Fermatevi qualche minuto in sua contemplazione e potrete comprendere qualche cosa in più. Io metterei un sottotitolo a quest’opera: Nel mondo ma non del mondo.

Guardate bene. Gli sposi hanno i piedi ben radicati in città. Una metropoli. Si tratta di Parigi. E’ ben riconoscibile la Tour Eiffel. Ma ci torneremo. Volgete lo sguardo all’estrema destra del quadro. C’è un’altra coppia. Sono gli stessi sposi che stanno osservando dall’esterno la loro relazione. La donna, che ci arriva sempre prima, tiene le braccia cinte alle spalle dell’uomo. Come a volerlo trattenere. Trattenere con le sue armi, con dolcezza e accoglienza. L’uomo si lascia vincere. Lei gli sta sussurrando: ammira quello che siamo. Lui ha una tavolozza in mano. Come ad evidenziare che, rapito da quella bellezza che sta contemplando, troverà il desiderio di costruire e perfezionare ancora con più decisione il suo matrimonio e la santità della sua relazione. L’uomo ha bisogno della donna per entrare in questa ottica. Almeno questo è quello che ci dice Chagall. Cosa stanno contemplando? La loro è una relazione radicata nella società, nella loro città. Hanno i piedi ben piantati a terra. Non sono spiritualisti fuori dal mondo. Per questo rischiano di essere confusi, illusi, distolti dalla autentica verità e dall’autentico amore. Mille luci, mille voci, mille promesse, che invitano ad un piacere immediato. Quante coppie saltano perchè uno dei due non è capace di perseverare e si lascia corrompere da tutto ciò che il mondo offre. Senza capire che tutto ciò che del mondo gli serve per essere davvero felice e santo è in quella relazione che sta abbandonando. Questi sposi non fanno questo errore. Hanno i piedi radicati nella città, ma le loro figure si innalzano verso il cielo. In alto c’è il sole. Il sole che è Dio. Il Dio cristiano in questo caso. C’è infatti il pesce. Pesce che è un tipico simbolo paleocristiano usato per indicare il Cristo. Quello rappresentato nell’opera, non è un Dio statico. Non è un Dio che sta nel cielo immobile. Si muove, come in un vortice per attirarci a lui. La forza dell’amore, della misericordia, della verità, della Parola. La forza di un Dio che non si stanca mai di cercarci e di chiamarci a lui. All’estrema sinistra c’è invece una macchia scura. Gli sposi sono al centro tra il sole e la macchia scura. La macchia scura indica il male. Indica la tenebra. L’incapacità di farsi dono e di credere nella bellezza di un amore autentico. Indica il fallimento, la divisione. L’eterna lotta tra il bene e il male. Gli sposi non ci cascano. I loro visi sono voltati verso il sole. Non guardano però il sole direttamente. Sarebbe troppo accecante. Ma attraverso la luce di quel sole si guardano l’un l’altro. Sono così vicini ed uniti che formano una sola figura. Figura che mantiene la distinzione tra l’uomo e la donna ma che assume un contorno dato dall’unione dei due. Una coppia così è feconda. Fecondità ben rappresentata dal bambino che sta esattamente al centro dei due, seppur mantenuto solo dalla madre. Un ultimo dettaglio importantissimo. I due sono sotto un baldacchino. Significa che sono protetti dalla Grazia di Dio. La coppia di sposi che si affida al Signore non ha nulla da temere. Nessuna situazione della vita potrà dividerli. Il baldacchino racchiude come in un piccolo recinto i due sposi. Quello è il sacer. Nessuno può entrare. Quello è terreno sacro. E’ quel noi della coppia che benedetto da Dio nel sacramento del matrimonio non appartiene più al mondo. Diventa divino. Diventa proprietà di Dio. Diventa casa di Dio. Rompere quel sacer significa rubare a Dio. Ricordiamolo bene.

Antonio e Luisa

L’amore come un gallo al mattino

Quando si parla di matrimonio, di relazione affettiva sponsale, c’è un pittore che probabilmente si è interessato più di altri a questa realtà. Chagall ha dimostrato un grande interesse  per l’amore, e per il matrimonio in particolare.

L’immagine di questa opera esprime benissimo tutta la ricchezza dell’amore. Un amore tenero e che, attraverso il colore e la vivacità della scena, esprime benissimo la vita che si genera attraverso un amore fecondo. Vita e amore come un unico e indivisibile binomio. Dall’amore nasce sempre la vita, sia essa una nuova creatura oppure l’aumento dell’amore stesso tra gli sposi.  Chagall ha uno stile inconfondibile. Come sempre sogno e realtà si mescolano in un flusso continuo e armonioso. In questa opera ci sono tantissimi simbolismi. Iniziamo dai due sposi. Si abbracciano teneramente. Lei, vestita di bianco, indica tutta la purezza di una relazione autentica, vissuta alla luce della verità e del dono totale. Lui le tiene teneramente la mano e, nel contempo, sembra carezzarle il grembo, come ad evidenziare la fecondità del loro amore. Amore che deve essere custodito e protetto. Sembra che tra i due ci sia un intruso. Un gallo enorme. Perchè lo ha inserito in una posizione tanto centrale e con dimensioni uguali, se non superiori, a quelle degli sposi? Il gallo simboleggia la luce. Il gallo canta all’alba. Il gallo rappresenta il giorno che sconfigge la notte. Il loro amore sarà mezzo attraverso cui questi due sposi riusciranno a sconfiggere le tenebre, ad abbracciare la bellezza, la verità, la pienezza. Noi diamo un nome a tutto questo: Cristo. Il loro amore è via per incontrare Cristo. La loro unione è quindi presagio di vita, espressa anche dal bambino disegnato accanto a loro. Le immagini si proiettano su di un luminoso sfondo, non solo personale, ma della società intera, concretizzata nel villaggio sottostante. Dell’impegno assunto di vivere semplicemente insieme, danzando il loro amore, fa fede la tenda che si intravede nel quadro. Sappiamo bene il significato della tenda. La tenda rappresenta la presenza di Dio e la volontà di formare una nuova famiglia e una nuova casa. Famiglia custodita e protetta da quel Dio che ha benedetto e voluto quell’unione amorosa. Non solo. C’è un significato molto più grande. La tenda è segno della presenza reale di Cristo. Prima che fosse posta nel Tempio di Gerusalemme, l’Arca dell’Alleanza era custodita in una tenda. Tenda che veniva chiamata tabernacolo. Questa coppia è tabernacolo di Dio. Un sole fiammeggiante trasmette speranza e colore, mentre il violino esprime la sinfonia della vita vissuta nella fedeltà e nel dono reciproco.

Chagall si è formato in un ambiente impregnato della cultura giudaica e nell’ortodossia cristiana. Conosceva bene il valore teologico spirituale e mistico delle icone. Le opere d’arte di Chagall sono vere icone. Esprimono benissimo tutte quelle realtà profonde e trascendenti di esperienze comuni e naturali come può essere il matrimonio.

Fermatevi! Ammirate questa icona. State ammirando ciò che siete, o che potreste essere.

La cavallerizza: inno alla coppia.

Oggi prendo spunto da un libricino molto interessante. “I colori della carne” è un testo molto breve che, partendo da alcune opere d’arte, lancia alcune riflessioni e provocazioni suscitate dalle stesse agli autori, esperti d’arte, e che, attraverso l’arte stessa, guidano esercizi spirituali per coppie di sposi.

Il quadro che prendiamo in esame in questa riflessione è “La cavallerizza” di Chagall. Non certo uno dei più conosciuti. Sinceramente non trovavo grandi significati se non l’eleganza e la bellezza di forme e colori. Qualcosa di onirico come tutte le opere di Chagall. Vediamo invece cosa hanno letto gli autori.

Questo quadro sembra voler comunicare quali potenzialità ha il non essere soli quando ci si muove tra le tante pieghe della vita, quale forza sia inscritta nell’essere in due.

Proprio a partire da quell’abbraccio, da quella vicinanza fisica, da quello uno stare nello sguardo dell’altro, la scena può continuare in un dinamico e vitale movimento.

Potremmo immaginare che il cavallo parta e porti i due amanti sopra la città.

Un uomo dietro di loro si è arrampicato su un palo, forse per vedere meglio le cose dall’alto, per vedere meglio quali strade intraprendere, Forse anche loro hanno fatto così, hanno provato a sollevarsi per guardare la loro vita dall’alto, per vedere la storia compiuta, per distinguerne meglio prospettive e confini, consolazioni e desolazioni, come le due sponde di un fiume collegate da un ponte, proprio come quello lì sotto che ora vedono meglio.

Al cavallo che è quell’amore capace di sognare, è chiesto di compiere un percorso; agli amanti è chiesto di rendere possibile quel volo fidandosi del loro essere due, in cammino.

Provate, una volta letto, a mettervi in silenzio, magari con gli occhi chiusi, e assaporate quello che questa descrizione vi suscita. Io l’ho fatto. Mi suscita bellezza, calore e riconoscenza. Bellezza per gli abbracci, gli sguardi e la vicinanza. Un’intimità fatta di libertà e di tenerezza. Un amore che non ha paura o vergogna di mostrare le nudità. Nudità fisiche certo, ma anche quelle forse più difficili da mostrare che sono quelle dell’anima, mostrarsi per chi si è davvero, senza maschere per coprire insicurezze e fragilità.

Bellissima anche l’immagine della persona sul palo. Mi ricorda me stesso. Di quando finalmente sono riuscito a sollevarmi da una vita vissuta solo in una prospettiva immanente. Una vita senza un vero valore e uno sguardo limitato a quelle poche cose che potevo vedere e capire. Quando finalmente mi sono alzato, mi sono aperto al senso, al trascendente, quando ho alzato lo sguardo e ho incontrato Cristo tutto è cambiato. Ero sul palo, ma non sono rimasto al palo. Con quella nuova prospettiva ho finalmente compreso la mia bellezza e l’amore di Dio per me. Solo questo mi ha permesso di aprirmi ad un’alterità e al matrimonio.

Infine voglio parlare del cavallo. L’amore. Non sono i due amanti a condurre. Il cavallo sa dove andare. Agli amanti è chiesto di non perdersi di vista, perchè solo così il loro viaggio può continuare. L’amore è un cavallo perchè l’amore è un viaggio. Un viaggio che non conduce in luoghi diversi, ma in profondità diverse della persona, di sè e dell’altro. Quelle profondità dove è possibile incontrare Dio e l’essenza di ciò che siamo. Siamo amore e siamo creati per amare. Il cavallo è bianco, come bianco è il colore della purezza e della castità, qualità che caratterizzano un amore autentico. Amore che è bellezza come solo le cose di Dio sanno essere. Non a caso il cavallo tiene in bocca dei fiori e un violino. Significato molto evidente per me. La bellezza della natura creata da Dio e dell’arte che è la nostra capacità di uomini di essere a nostra volta creatori, creatori di bellezza.

Antonio e Luisa