Le poche cose che contano. Seconda parte.

In questo articolo proseguiamo l’analisi e la lettura in chiave sponsale del bellissimo testo della canzone Le poche cose che contano di Simone Cristicchi. Cliccate qui per la prima parte.

E’ la fatica e la forza di chi sa perdonare. E’ la fragilità che ti rende migliore. E’ l’umiltà di chi non ha mai smesso di imparare. Perdonare è una fatica ma perdonare è anche la nostra forza. Perdonare significa essere capaci di riconoscerci noi stessi bisognosi di perdono. Solo facendo questa fatica di riconoscerci poveri e bisognosi della misericordia di Dio saremo capaci di mostrare misericordia per chi come noi ne ha bisogno e la desidera.

Di chi sacrifica tutto in nome dell’amore. La fedeltà di chi crede che non è finita. La dignità di portare avanti la vita. Non c’è nulla che è più sacro del nostro amore. Solo Dio che ne è sorgente e fine. Il verbo sacrificare evoca una fatica e una sofferenza. In realtà sacrificare significa soprattutto rendere sacro, rendere di Dio. Rendere a Dio ciò che è suo. Il nostro amore nel matrimonio diventa suo. La nostra vita diventa sua. Ed è per questo che la fedeltà può davvero andare oltre la fine di un matrimonio, di una relazione. Quanti sposi continuano ad amare nonostante siano stati abbandonati. Ecco lì in quella scelta, in quella promessa d’amore mantenuta c’è tutta la dignità di chi va fino in fondo di chi sa che non è finita. Una scelta che porterà frutto in questa vita e anche nell’eternità di Dio.

Sono le poche cose che contano. Sono le poche cose che servono. Quelle poche cose che restano. Sono le poche cose che contano.

Noi siamo il senso, la ragione, il motivo, la destinazione. Noi siamo il dubbio, l’incertezza, la verità, la consapevolezza. Noi siamo tutto e siamo niente. Siamo il futuro il passato e il presente. Il senso della nostra vita non è il matrimonio. Certo. Però il senso della nostra vita possiamo scoprirlo nel matrimonio. Il senso della nostra vita è l’amore, l’amore vissuto fino in fondo. Solo l’amore crea (cit. don Fabio Rosini), solo l’amore ci offre uno sguardo e un orizzonte eterno. Solo nell’amore possiamo trovare quelle scintille di luce che squarciano il buio del non senso. Quando ci sposiamo prendiamo tutto. Accogliamo il suo passato accogliendo i suoi pregi e i suoi difetti che si sono plasmati nella sua storia. Accogliamo il suo presente donandoci completamente e accogliamo il suo futuro perchè abbiamo promesso di amarla/o fino alla fine della nostra vita senza mettere condizioni o limiti.

Siamo una goccia nell’oceano del tempo. L’intero universo in un solo frammento. Siamo una goccia nell’oceano. Don Renzo Bonetti spiega così l’amore degli sposi. Una piccola goccia esprime bene l’amore che noi siamo capaci di dare. C’è il sacramento che ci permette di tuffarci nell’oceano dell’amore di Dio. Restiamo una piccola goccia ma acquistiamo la forza e la grandezza dell’oceano intero. In noi c’è l’amore di Dio. L’infinito nella finitezza di due creature.

Sono le poche cose che contano. Sono le poche cose che servono. Quelle poche cose che restano. Sono le poche cose che contano.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri L’ecologia dell’amore o Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui

Le poche cose che contano. Prima parte.

Simone Cristicchi ne ha combinata un’altra. Ha composto un altro capolavoro. Sto parlando della splendida canzone Le poche cose che contano. Canzone scritta per la trasmissione in onda in questi giorni su TV2000 condotta dallo stesso Simone con don Luigi Verdi.

In questo articolo ho cercato di analizzare il testo del brano e di rileggerlo in chiave sponsale. E’ una meraviglia. Si percepisce tutta la profondità di questo artista che negli ultimi anni, trascorsi accanto a don Luigi, ha trovato una maturità e una capacità di raccontare la bellezza dell’amore che sono possibili solo a chi ha incontrato Gesù. Iniziamo, buon viaggio!

Ti sei mai guardato dentro? Ti sei mai chiesto del tuo desiderio profondo? La nostalgia che si nasconde dentro te. Che cosa ti abita? Il matrimonio prima di essere un istituto giuridico e religioso è proprio la risposta alla nostalgia che si nasconde dentro il nostro cuore. Noi siamo nati con un desiderio grande nel cuore. Desideriamo amare ed essere amati. Ma veramente. In modo radicale. Desideriamo trovare qualcuno che ci sia complementare con cui entrare in comunione e sperimentare un amore radicale e totale. Un amore che sia indissolubile, fedele ed esclusivo. Tanta sofferenza del nostro tempo è dovuta proprio all’incapacità di comprendere che il cuore dell’uomo (inteso maschio e femmina) desidera radicalità nell’amore. Le relazioni affettive del nostro tempo sono sempre più fluide e precarie. Tutto questo in nome di una libertà che in realtà è un’illusione e ci rende sempre più soli ed infelici.

E’ l’infinita pazienza di ricominciare. E’ il coraggio di scegliere da che parte stare. L’amore sponsale è proprio così. E’ un continuo ricominciare. Ricominciare quando ci si fa del male perchè il male non abbia l’ultima parola, e ricominciare quando le cose vanno bene perchè l’amore matrimoniale non ti permette di vivere di rendita, ma va rinnovato ogni giorno. Va nutrito affinchè non muoia. L’amore è anche il coraggio di scegliere sempre il bene. Quando pronunciamo il nostro sì stiamo facendo una scelta. Scegliamo di rispondere con il bene al male che l’altro/a può farci.

E’ una ferita che diventa feritoia. E’ una matita spezzata che colora ancora. Nel matrimonio non si può fare finta. Le nostre ferite vengono a galla. Ed è proprio in quel momento, quando ci mostriamo nudi senza difese che le nostre fragilità diventano feritoie. Le nostre ferite diventano occasione di essere amati anche nella nostra debolezza. Per chi lo ha sperimentato è una sensazione meravigliosa. Ci si sente amati senza paura di mostrarsi completamente. Perchè chi ci sta di fronte ci guarda non per giudicare ma per accoglierci così come siamo. Paradossalmente è proprio l’amore gratuito che può darci la forza di migliorarci e cambiare alcuni aspetti di noi.

La meraviglia negli occhi quando ti fermi a guardare. La sconfinata bellezza di un piccolo fiore. Fermiamoci a contemplare l’altro/a. Contempliamo la bellezza di ciò che siamo insieme. Riscopriamo la bellezza di ammirarci. Riscopriamo quella meraviglia che ci ha fatto innamorare. Quell’uomo o quella donna che abbiamo di fronte è una meraviglia. E’ facile dimenticarlo presi da tanti impegni e da tanti pensieri. Lui/lei è una meraviglia ed è una meraviglia anche il dono di sè che mi fa quotidianamente senza chiedere nulla in cambio e senza risparmiarsi.

Sono le poche cose che contano. Sono le poche cose che servono. Quelle poche cose che restano. Sono le poche cose che contano.

(continua)

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp 

Iscrivetevi al canale Telegram

Per acquistare i nostri libri L’ecologia dell’amore o Sposi sacerdoti dell’amore

Per iscrivervi al canale youtube cliccate qui