Il nemico lo abbiamo in casa

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico;
ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?
E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. »

Credo che con queste parole Gesù non ci lasci via d’uscita. Questo Vangelo è difficile ed indigesto. I nemici non sono sempre lontani da noi, Spesso li abbiamo in casa. Nella coppia non si va sempre d’accordo. Ci sono momenti difficili. Ci sono litigi, incomprensioni, freddezze, musi, silenzi carichi di tensione. Si può arrivare al tradimento e a ferire profondamente l’altro/a. Quando l’altro/a ci fa del male, volontariamente o anche solo per superficialità, diventa un nemico nel nostro cuore. Con il tempo si rischia davvero di saltare. Non ci sono spesso grandi battaglie come causa di separazioni e divorzi. Ci sono piccole imboscate, piccole contese. Piccole incomprensioni che con il tempo uccidono sempre di più. A volte si smette anche di litigare. L’altro/a diventa indifferente e invisibile. Lo cancelliamo dal nostro cuore tanto è nemico. Don Antonello Iapicca ha scritto qualcosa che mi ha colpito molto. E’ vero quello che dice. Scrive:

 Certo, hai provato ad amarlo, ma in realtà cercavi di raggiungere l’obiettivo del demonio, cioè conquistare e possedere l’altro, perché la felicità che cercavi era diventare come il dio che ti aveva dipinto lui. Un dio che fa ciò che vuole, riverito, compreso, adorato. E quando i tuoi limiti si sono scontrati con la differenza e i peccati dell’altro hai sperimentato la morte, ti sei impaurito chiudendoti in un cerchio nel quale vorresti difenderti, ma che invece ti avvolge come una prigione. L’obiettivo che ti aveva fissato il demonio era falso; inducendoti a ribellarti e a farti nemico di Dio ha trasformato ogni persona in un tuo nemico. E li hai uccisi per riprenderti la vita che ti hanno tolto, anche stamattina, giudicando tua moglie per esempio.

Questo è il mondo. Questo è il modo dei pagani di vivere l’amore. Pagani che magari si sono anche sposati in chiesa. Una cerimonia non ci rende cristiani. Questo è l’inganno in cui tanti credono e cadono. Cosa differenzia un matrimonio sacramento vissuto alla luce di Cristo da qualsiasi altra unione? Il cristiano sa che il peccato può essere trasformato in amore. Il peccato che allontana, che divide, che crea distanze, ferite e tradimenti può essere un modo privilegiato di vivere l’amore. Possiamo, grazie a Dio e allo Spirito Santo effuso in noi, vivere un amore gratuito e incondizionato. Quell’amore che travolge tutto e può davvero frantumare le resistenze dell’altro. Mi spiego meglio. Io non sono stato un marito facile per la mia sposa. Avevo tanti pregiudizi, tante ferite e peccati che mi avvelenavano il cuore. Non mi comportavo sempre bene con lei, non ero spesso amorevole, ma scontroso e acido. Alla fine ha vinto lei. Mi ha fatto sentire profondamente amato tutte le volte che mi ha mostrato un sorriso, mi ha donato una carezza, mi ha sempre accolto anche nei momenti in cui non meritavo nulla. Questo mi ha cambiato. Mi ha aiutato a capire che lei era nella verità e che in quel momento io stavo sbagliando. Noi sposi cristiani siamo chiamati a questo. Io amo Luisa e lei ama me. Ci siamo scelti per quello che siamo. Ci siamo scelti con tutte le nostre debolezze, le nostre incoerenze e i nostri spigoli. L’amore sponsale va oltre tutto questo. Ogni volta che riusciamo ad amarci profondamente è un’esperienza meravigliosa di unità e di fraternità. Ogni volta che non riusciamo è bellissimo comunque, perchè sperimentiamo la grandezza del perdono e dell’amore incondizionato dell’altro. Ci sentiamo amati per ciò che siamo e non solo per quello che facciamo e che diamo. Credo che questa sia la differenza grande tra un matrimonio autentico e qualsiasi altra unione. Nel matrimonio si acquisisce il modo di amare di Dio. Per Grazia e per dono, non per merito. Il matrimonio diventa una piccola e imperfetta Trinità. Piccola e imperfetta, ma pur sempre una scintilla che mostra il fuoco dell’amore di Dio.

Antonio e Luisa

Siamo come i pagani?

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico;
ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?
E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. »

Il Vangelo di questo sabato è, come al solito, un boccone indigesto. Come tutte le medicine è amaro, ma porta guarigione e pace. Leggendo questo passo siamo portati a pensare ai nemici quelli lontani. A guerre che non ci appartengono se non per quello che leggiamo sui giornali o vediamo in tv. Molto più difficile pensare che il nemico, spesso lo abbiamo in casa. Gesù ci sta dicendo proprio questo. Il matrimonio non è una relazione che si basa sul dare e avere. Io do perchè tu mi dai. Un reciproco scambio di servizi, di affetto, di soddisfazione e di compagnia. Questo può essere una situazione anche piacevole, ma non è il matrimonio cristiano. Questi sono due egoismi che si incontrano e si nutrono a vicenda. Poi accade qualcosa. La persona che abbiamo sposato diventa un nemico. Incomprensioni, litigi, tradimenti, miserie e fragilità che abitano più o meno, tutte le relazioni, ci mettono alla prova. Ed ecco che le parole di Gesù in questo passo diventano la cartina tornasole del nostro matrimonio. Su cosa è costruito il nostro matrimonio? E’ un matrimonio costruito su di me? Sul mio egocentrismo ed egoismo? Un matrimonio che si fonda sulle emozioni, sensazioni e soddisfazione personale? A cosa serve un sacramento per questo? Anche i pagani si sposano per questo. I pagani spesso sono anche meglio di noi in questo. Tante coppie di conviventi, finchè il sentimento è forte, sono più belle della nostra famiglia. Ne conosco tante di coppie che stanno bene insieme pur non essendo sposate. Noi ci sposiamo per un altro motivo. Sarei falso se dicessi che alla base, anche del mio matrimonio, non c’è stata un’attrazione forte verso la mia sposa, ma poi il mio atteggiamento è cambiato nel tempo. Sono riuscito a spostare il centro da me a lei. Il noi è diventato il mio bene più prezioso da proteggere e perfezionare. Ed è così che anche quando lei si è trasformata in una nemica sono riuscito ad amarla concretamente con il mio agire e con la mia cura verso di lei. Questo vale per le piccole incomprensioni di ogni giorno, ma vale anche per i grandi tradimenti. Attraverso questa pagina sono venuto in contatto con persone che sono state abbandonate, tradite e sostituite con altre nella vita e nel cuore del loro coniuge. Queste persone continuano ad amare quella persona, che per il mondo è il nemico. Quella persona che avrebbe dovuto amarle e che invece provoca loro sofferenza e dolore. Loro vedono in lui una persona da amare ancora di più. Perchè questa è la logica di Cristo. Più una persona si allontana e più Cristo la ama, perchè possa riattirarla a sè. Fino alla morte in croce. Questo è l’amore cristiano. Questo è l’amore a cui siamo chiamati. Per questo c’è bisogno di un sacramento. Per questo c’è bisogno della presenza di Cristo e della Grazia nella nostra relazione. Da soli non saremmo meglio dei pagani.

Antonio e Luisa