Sposi sacerdoti. Abbracciami con il tuo sguardo. (34 articolo)

[8]Una voce! Il mio diletto!
Eccolo, viene
saltando per i monti,
balzando per le colline.

Dopo quasi due mesi ho deciso di riprendere le riflessioni sul Cantico dei Cantici. L’avevo accantonato alla fine del primo poema. Ripartiamo quindi con il secondo. Per comprendere quanto andrò a spiegare, e per addentrarci nel modo corretto e in profondità nel proseguo di questo Libro sacro, è necessaria una premessa. L’amato  sta giungendo per incontrare la sua amata. Una voce! Il mio diletto! Eccolo, viene saltando per i monti, balzando per le colline.  Stop! Fermiamoci. Rewind! Torniamo indietro all’inizio del primo poema. Bruna sono, ma bella. Perchè è importante questo passaggio per poter proseguire? Perchè queste parole, che possono passare lisce e inosservate ai più, sono il punto di partenza indispensabile per cedere e abbandonarsi all’amore. Bruna sono, ma bella esprime l’autoconsapevolezza della Sulamita. Sono bella perchè sono io, ci sta dicendo la Sulamita. Non sono perfetta, ma sono stata capace di accettarmi per come sono. Ho accettato di essere io, con tutti i miei pregi, ma anche con i miei difetti. Con tutti i miei inestetismi. Con la mia pelle bruciata dal sole. Nell’amore metterò me stessa. Non quello che aspiro ad essere, non quella che vorrei essere. Non mi farò distruggere dai miti di bellezza e da ciò che vorrei nascondere. Nell’amore si mette tutto. Anche quello che non piace. Perchè solo così sarà possibile abbandonarmi completamente all’amore del mio sposo. Solo così sarà possibile svelarmi completamente e lasciare che il suo sguardo possa posarsi su di me. Lasciarmi desiderare da lui nel mio essere me stessa. Perchè solo così, nell’abbandono completo, può manifestarsi in pienezza la mia bellezza, che va oltre i miei difetti, i miei inestetismi, le mie fissazioni e le mie insicurezze. Perchè così, svelandomi in pienezza, mostrando al mio amato, tutta la mia persona, lui possa accogliermi e assaporare tutta la mia bellezza, che lui già intravede e non desidera altro che farne esperienza completamente. Donne, è un cammino che dovete fare. A volte serviranno anni, serviranno battaglie e sofferenze, ma il risultato sarà grandioso. Rischiate un’eterna competizione con le altre. Non solo, rischiate anche un’eterna competizione con il vostro ideale di voi stesse. Con una donna perfetta che non esiste se non nella vostra testa. Liberatevi! Lasciatevi amare senza nessun velo, senza il velo della vergogna, senza il velo dell’insicurezza, senza il velo della competizione, senza il velo della paura, riusciteci e sarà per voi un’esperienza meravigliosa. Un’esperienza che vi riaprirà davvero la porta del’Eden. Sentirsi accolte così, completamente,  è fare esperienza di  un autentico amore incondizionato e disinteressato, come nelle origini.

Voi mariti amate le vostre mogli. Non siate avari di complimenti. Mostrate con il vostro sguardo il desiderio, la stima, la meraviglia che vostra moglie vi provoca. Nulla può farle più bene di questo. Sentirsi amata in tutta la sua persona, sentire su di sè lo sguardo dell’amato che si perde in quella meraviglia di sensazioni ed emozioni per lei non ha prezzo. La cosa bella sapete qual’è? Che nonostante il tempo che passa, nonostante il corpo che pian piano invecchia, la meraviglia non passa, ma al contrario, diventa sempre più intensa. L’amore è così, quando è curato e nutrito cresce, l’amore trasfigura il corpo e la vista. E’ per questo che la mia sposa continua ad apparirmi ogni giorno più bella. E’ difficile da credere, anche per me, ma vi assicuro che è così.

Antonio e Luisa

Articoli precedenti

Introduzione Popolo sacerdotale Gesù ci sposa sulla croce Un’offerta d’amore Nasce una piccola chiesa Una meraviglia da ritrovare Amplesso gesto sacerdotale Sacrificio o sacrilegioL’eucarestia nutre il matrimonio Dio è nella coppiaMaterialismo o spiritualismo Amplesso fonte e culmineArmonia tra anima e corpo L’amore sponsale segno di quello divino L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia Un libro da comprendere in profondità I protagonisti del Cantico siamo noi Cantico dei Cantici che è di Salomone Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro. Ricorderemo le tue tenerezze più del vino. Bruna sono ma bella Perchè io non sia come una vagabonda Bellissima tra le donne Belle sono le tue guance tra i pendenti Il mio nardo spande il suo profumo L’amato mio è per me un sacchetto di mirra Di cipresso il nostro soffitto Il suo vessillo su di me è amore  Sono malata d’amore Siate amabili Siate amabili (seconda parte) I frutti dell’amabilità

 

 

Annunci

10 Pensieri su &Idquo;Sposi sacerdoti. Abbracciami con il tuo sguardo. (34 articolo)

  1. Pingback: Sposi sacerdoti. L’inverno è passato.(36 articolo) | Matrimonio Cristiano

  2. Pingback: Sposi sacerdoti. Uno sguardo infinito. (37 articolo) | Matrimonio Cristiano

  3. Pingback: Sposi sacerdoti. Le piccole volpi che infestano il nostro amore. (38 articolo) | Matrimonio Cristiano

  4. Pingback: Sposi sacerdoti. Il mio diletto è per me. (38 articolo) | Matrimonio Cristiano

  5. Pingback: Sposi sacerdoti. Voglio cercare l’amato del mio cuore. (40 articolo) | Matrimonio Cristiano

  6. Pingback: Sposi sacerdoti. Cos’è che sale dal deserto. (41 articolo) | Matrimonio Cristiano

  7. Pingback: Sposi sacerdoti. Ecco, la lettiga di Salomone. (42 articolo) | Matrimonio Cristiano

  8. Pingback: Sposi sacerdoti. I tuoi seni sono come due cerbiatti. (43 articolo) | Matrimonio Cristiano

  9. Pingback: Sposi sacerdoti. Vieni con me dal Libano. (44 articolo) | Matrimonio Cristiano

  10. Pingback: Sposi sacerdoti. Un giardino da curare. (45 articolo) | Matrimonio Cristiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...