Maria non fa rima con Eutanasia

..di Pietro Antonicelli e Filomena Scalise dal Blog “Sposi&Spose di Cristo”:

Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa.

E’ il mese di maggio, mese per eccellenza che noi cristiani dedichiamo alla Beata Vergine Maria. Molte sono state le sue apparizioni in questo mese.

Apparizioni straordinarie che hanno cambiato la vita di molte persone.

Ma oggi vi raccontiamo qualcosa di estremamente ordinario.

Dicevamo che a Crotone nel mese di maggio si vive la devozione alla Beata Vergine Maria venerata col titolo di “Regina di Capocolonna” e tutta la città il secondo sabato del mese accompagna la grande Icona della Madonna che viene trasportata a spalla presso l’ospedale della città.

Non ci passa per caso, l’Icona viene portata volutamente in ospedale per far visita agli ammalati.

Come dicevo nulla di straordinario. Maria esce dalla chiesa per andare a far visita agli ammalati.

E’ una madre. Quale madre non andrebbe a far visita a suo figlio se fosse in ospedale.

E’ una discepola di Cristo, quale discepolo di Cristo non mette in pratica le parole di Cristo?

In realtà Maria è tra i pochi a praticare le parole di suo figlio e a compiere le opere di misericordia corporale tra cui c’è anche “……visitare gli infermi…..”.

Quale gioia per un ammalato vedersi confortato dalla presenza della Madre di Dio. Quale sollievo nell’anima e nel corpo.

Ma veniamo a noi.

L’altro giorno sentivo nuovamente parlare di proposte speciali per l’uomo libero di oggi. Leggi “giuste” che fanno rabbrividire nel loro essere così asettiche.

L’altro giorno sentivo ancora qualcuno proporre anche in Italia l’eutanasia.

Non vogliamo entrare nel merito della questione per un motivo particolare: la sofferenza è e riamane un mistero.

Chi ha fede in Cristo sa che la sofferenza può diventare uno strumento di redenzione non solo per sé stessi, ma anche per il mondo.

La stessa Beata Vergine Maria a Fatima invitava i pastorelli ad offrire le sofferenze per la salvezza altrui.

Ma chi non crede di questa sofferenza che se ne fa? A cosa giova soffrire? A chi?

Ma forse, in realtà, non è questo il solo aspetto che porta a giustificare l’eutanasia per un non credente.

Guardiamoci intorno.

Secondo un  nostro superficialissimo e stupidissimo parere, uno degli elementi che rafforza il fascino dell’eutanasia, ovvero della morte, è la solitudine in cui viviamo quotidianamente; anzi, l’isolamento – che è ancora peggio – ossia la sempre più significativa assenza di qualcuno (o più di qualcuno) con cui stabilire relazioni profonde, legami belli.

Spesso la nostra esistenza si gioca in quattro mura di case in cui sempre meno viviamo con amore e all’esterno in cui sempre meno viviamo con amore.

Le relazioni significative, quelle vere per cui ti giochi la vita sono sempre meno.

Perché? I motivi sono tanti…forse rincorriamo il benessere a vari livelli e abbiamo dimenticato che è la ricerca del bene che ti porta a stare veramente, profondamente, inesorabilmente bene; mentre la ricerca del benessere fine a sé stesso ti porta velocemente a stare male.

Ed è così che ci ritroviamo svuotati ed abbastanza incapaci di amare e lasciarci amare. Soli ed isolati.

Facciamo un esempio: quante volte abbiamo sentito dire dagli anziani: “nessuno viene a trovarmi”?

Quante volte se siamo stati ricoverati in ospedale per lunghi periodi abbiamo ricevuto visite?

La gente non ha tempo per fare visite. Ti manda un whatsapp e pensa che basti questo. Beh, almeno un whatsapp può essere qualcosa…meglio di niente.

Dicevamo che Maria durante la processione del secondo sabato di Maggio, qui a Crotone, fa visita agli ammalati.

E lo fa per ricordare a tutti noi che gli ammalati si vanno a trovare, che agli ammalati si sta vicino, che agli ammalati bisogna volergli bene.

Ed è qui che noi che ci diciamo cristiani siamo interpellati! Non gli atei…ma noi cristiani!

Come si combatte la voglia di eutanasia? Offrendo la vita per i fratelli che stanno male. Accogliendoli in casa propria? Perché no.

Immaginati solo in un letto di ospedale a vita. Vuoi vivere o morire?

Immaginati in un letto di ospedale o in una casa in cui ci siano persone che ti curano, persone che ti fanno sentire il loro calore e affetto, persone che ti vengono a trovare: in questo caso vorresti vivere o morire?

Beh, la risposta non è semplice.

Ma forse con più probabilità se noi cristiani “operassimo le opere” di misericordia corporale e spirituale, forse meno gente vorrebbe morire.

Forse (è solo un’opinione) se noi discepoli di Cristo ci impegnassimo a desiderare, a costruire relazioni (non istituzioni ma relazioni!!!) fraterne…allora forse ad essere dolce (eu) non sarebbe la morte (tanasia)ma dolce… sarebbe la vita.

E allora….“Santa Madre di Dio, in questo mese di Maggio a Te dedicato aiutaci a ristabilire relazioni fraterne tra noi esseri umani, ricordaci che nei piccoli gesti, nello stare insieme, nell’abbraccio del coniuge, nel sorriso dell’amico c’è una promessa di vita eterna che Gesù ha promesso a coloro che amano come ha amato Lui.

Amen.

Piccolo promemoria per essere felici:

Opere di misericordia corporale

  1. Dar da mangiare agli affamati.
  2. Dar da bere agli assetati.
  3. Vestire gli ignudi.
  4. Alloggiare i pellegrini.
  5. Visitare gli infermi.
  6. Visitare i carcerati.
  7. Seppellire i morti.

Opere di misericordia spirituale

  1. Consigliare i dubbiosi.
  2. Insegnare agli ignoranti.
  3. Ammonire i peccatori.
  4. Consolare gli afflitti.
  5. Perdonare le offese.
  6. Sopportare pazientemente le persone moleste.
  7. Pregare Dio per i vivi e per i morti.

+++

Se ti è piaciuta questa riflessione e vuoi conoscerci meglio:

Puoi visitare il nostro Blog cliccando qui: Blog “Sposi&Spose di Cristo”

Puoi visitare la nostra pagina Facebook cliccando qui:Facebook “Sposi&Spose di Cristo”

Puoi iscriverti al nostro canale Telegram cliccando qui:Telegram “Sposi&Spose di Cristo”

+++

Grazie

Alfie. Come combatte una famiglia cristiana.

Oggi non riesco a scrivere un articolo sulla bellezza del matrimonio. Anzi si. Ma in modo diverso. Oggi ho il cuore e la testa per Alfie. Come si può? Sembra un brutto incubo. Purtroppo sono sveglio, è tutto vero. Alfie un bimbo di circa due anni. Un bimbo malato. Il papà Thomas stesso, in una recentissima intervista a famiglia cristiana, racconta in breve la storia di questo piccolo sofferente:

Quando è stato ricoverato, il 14 dicembre 2016, Alfie aveva sette mesi ed era un bambino sanissimo», spiega. «Aveva soltanto un’infezione e soffriva di crisi epilettiche, ma i medici non l’hanno curato. Il giorno successivo il nostro arrivo i medici l’hanno sedato in modo troppo pesante e Alfie non si è più ripreso. I suoi polmoni sono crollati ed è entrato in coma. Il 31 dicembre, due settimane dopo il primo ricovero, i medici ci chiedevano già il permesso di staccare la spina del respiratore e di non rianimarlo più, ma io e sua mamma ci siamo opposti. Questo non è un modo giusto o dignitoso di trattare un bambino. Alfie è stato ignorato e non si sa ancora di che malattia soffra

Alfie non è terminale. E’ attaccato ad un respiratore e monitorato. Ha danni cerebrali Certo è malato. Non si sa di cosa. Non è un vegetale. Papà Thomas dice al riguardo:

Credo in Alfie. Sente il solletico, i pizzicotti, il freddo e il caldo. Ascolta le nostre parole. Apre gli occhi. Sbadiglia. Tossisce. Inghiotte. Succhia il pollice e si stira. Sputa. E’ consapevole.

Allora perchè ucciderlo? Perchè costa dei soldi mantenerlo. Tanti soldi. L’ospedale non vuole spenderli e ha chiesto di staccare tutto e quindi, di conseguenza, di ucciderlo. Tanto è una persona inutile, come ha esplicitamente scritto e detto il giudice britannico che si occupa del suo caso.  L’aberrante società dello scarto. Tanto condannata da Papa Francesco.

La situazione sarebbe passata sotto silenzio se i genitori avessero acconsentito a questa barbarie. Non l’hanno fatto. Si sono opposti con tutte le forze. Questo ha mandato in tilt il sistema. Creando questo scandalo che è sotto gli occhi di tutti. Comunque andrà a  finire l’Inghilterra e la cultura della morte che rappresenta ne usciranno con le ossa rotte.

Non dico altro sul caso, visto che ci sono tante persone più preparate ed esperte di me. Voglio scrivere un’altra riflessione. Prettamente cristiana. I genitori di Alfie stanno mantenendo fede al loro ministero. Loro, attraverso il battesimo e il matrimonio, sono dei chiamati e dei mandati. Gesù li rende co-creatori. Attraverso di loro, Dio ha creato una nuova persona, una nuova vita. Non solo. Ha affidato  loro Alfie, affinché lo proteggessero, lo educassero, lo preparassero, lo sostenessero durante la sua vita. Per poi riconsegnarlo a Lui. Questo è il nostro compito di genitori e sposi cristiani. Non possiamo lasciarcelo scippare da uno stato che malsopporta la famiglia, questa istituzione sociale e naturale che si frappone tra lui e gli individui. Uno stato buono dovrebbe difendere la famiglia, e invece, sempre più spesso nel nostro occidente, cerca di smantellarla.

Alcuni mesi fa un giornalista del corriere, riflettendo sulla questione vaccini,  scriveva in sostanza che i bambini devono capire che la volontà dello stato viene prima di quella dei genitori. Mi spaventa questa cosa. Mi spaventa e mi ricorda i miei studi, mi ricorda la Hitlerjugend, mi ricorda i balilla. La famiglia dà fastidio a chi governa. L’ha sempre dato. Mi ricordo Sparta, nel momento di massima forza,  che prendeva i bambini alla famiglia e li portava in caserma fin dalla tenera età. Fino ad arrivare alla Hitlerjugend nazista, ai balilla fascisti o ai pionieri comunisti. Ci hanno sempre provato. Chi si è opposto sono stati sempre i cristiani. E allora fermiamoci a guardare ed ammirare questo papà e questa mamma che stanno lottando come leoni. Sanno di non avere la forza di uno stato. Sanno anche, però, che stanno esercitando una missione, missione che è stata loro affidata da Dio stesso attraverso il sacramento del matrimonio. Sanno che Dio è con loro. Finisco con le bellissime parole che Papa Francesco ha lasciato a Thomas durante la sua visita in Vaticano:

Papa Francesco mi ha detto che ho il coraggio e la forza di Dio e faccio bene a condurre la mia battaglia, perché soltanto Dio decide della vita e della morte. Ha anche detto che avrebbe fatto qualunque cosa gli fosse possibile per far arrivare Alfie in Italia e ha chiesto all’ospedale “Bambino Gesù” di far arrivare mio figlio in Italia. Per questo motivo la direttrice dell’ospedale Mariella Enoc vuole venire all’”Alder Hey

Preghiamo per questa famiglia perchè ci rappresenta tutti. Sta lottando per tutti noi. Sta mostrando al mondo la grandezza di una famiglia che si affida al Dio della vita. Nessuna sofferenza o ingiustizia di questo mondo potrà mai distruggerla, ma al contrario, la renderà più grande e bella che mai.

Antonio e Luisa