Meglio il caos intorno ma la pace nel cuore

Non so voi, io all’inizio di settembre cado sempre in una specie di piccola depressione. Si ricomincia! Presto tornerà la scuola. Ci sono i libri da comprare, le riunioni da ricordare, la matita HB, i fogli da disegno F4 squadrati, lisci,  ruvidi, poi c’è il compasso ecc. Tutto come lo vuole l’insegnante di turno. Poi le attività pomeridiane. Hai ancora voglia di studiare pianoforte o vuoi passare al teatro? Va bene il calcio anche quest’anno? E così via. Sono già stanco prima di cominciare. Poi, neanche a dirlo,  se dimentico qualcosa  è colpa mia! Te l’avevo detto di comprarlo!!! Pretendono i marmocchi! Mi sento sempre così inadeguato.

Cosa mi salva da tutto questo? Mi salva essere sempre più consapevole che io ho scelto e amo quel casino. Oddio, non il casino in sè, ma chi lo provoca. Chi ha portato tutto ciò nella mia vita. Perchè nonostante tutto, nonostante la casa costantemente in disordine, il caos, il rumore e la stanchezza costante, per noi è la vita più bella del mondo? Semplicemente perchè questo è l’amore, siamo fatti per questo, e anche se arrivo a fine giornata stanco morto, ho il cuore pieno,  ho la consapevolezza che nulla può darmi pace e gioa come la mia famiglia. Meglio vivere nel costante rumore di fondo e avere il cuore nella pace, piuttosto che avere tutta la tranquillità che desidero ma il cuore nel tormento. E ringrazio Dio, perchè senza di Lui niente sarebbe stato possibile. Quindi mi lascio qualche giorno di sconforto e poi avanti tutta perchè come dice Ligabue:

Strade troppo strette e diritte per chi vuol cambiar rotta oppure sdraiarsi un po’
che andare va bene, però a volte serve un motivo un motivo.

Ecco, io il motivo ce l’ho ed è il solo motivo che possa dare senso a tutto: essere parte di una comunità d’amore dove amo e sono amato. Tutto il resto non è importante e la fatica costa, ma è davvero poca cosa in confronto al valore che la mia famiglia ha per me.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

L’università dell’amore

Oggi voglio fare un gioco. Noi sposi stiamo frequentando l’università dell’amore? Tanti amici magari sono fermi ancora all’asilo, altri alle medie. Cerco di spiegarmi meglio. Il primo gradino della scuola dell’amore è il sentimento. Si riduce l’amore all’innamoramento. Chi si ferma a questo livello di amore non mette volontà. Crede che l’amore, per essere davvero tale, debba essere sempre spontaneo e sostenuto da una forza propria. L’amore si può solo assecondare. Nulla più. Quando finisce questa forza tutto finisce. Non c’è più nulla da fare. Non vale la pena continuare. Chi si ferma a questo livello non va oltre la scuola dell’infanzia. Vivere in questo modo l’amore significa restare degli infanti nella nostra capacità di vivere una relazione affettiva.

Molti riescono a superare questo step e raggiungono quindi il secondo livello. La scuola primaria. Chi giunge a questo punto riesce a trasformare il sentimento in alleanza. Strano a dirlo, ma non tutti raggiungono questo obiettivo. Nell’alleanza si riconosce qualcosa di positivo in quella relazione e si comprende che non può lasciare che si sostenga da sola. Non basta la sola passione e il solo innamoramento. Ci mettiamo qualcosa in più, il nostro impegno. Riconosciamo di non bastarci e di trovare in quella relazione qualcosa di prezioso che va custodito.

Il terzo livello è la scuola media dell’amore. Chi raggiunge questo step inizia a comprendere qualcosa di più sull’amore. Il terzo passaggio consiste nel riconoscere in quell’alleanza non solo qualcosa di importante, ma di fondamentale. Qualcosa di fondante la nostra vita. E’ così che l’alleanza diventa fedeltà. Qui non ci arrivano in tantissimi. Richiede la consapevolezza che quella relazione è così importante da mettere in gioco tutta la nostra vita. Ci richiede una scelta definitiva. Molti non riescono a superare questo livello. Molti si fermano alla terza media senza prendere il diploma, senza il coraggio di fare il salto e passare alla scuola superiore.

Pochissimi raggiungono le superiori. Questo step porterà la coppia a sostenere l’esame di maturità. Trasformiamo la nostra volontà di fedeltà, la nostra scelta definitiva, in sacramento. Significa offrire le nostre vite e la nostra relazione a Dio. Il sacramento cristiano porta a compimento la fedeltà. La grazia di Dio, il suo amore che ci precede, la promessa di Dio che plasma dal di dentro l’amore umano, riconosce che il luogo concreto in cui essa si attua è la pasqua di Gesù, che si dona nell’Eucaristia della Chiesa. Perciò il sacramento del matrimonio cristiano è esattamente la “grazia di agape” che lavora dal di dentro la “forza di eros”. La maturità consiste nell’accogliere questo significato e viverlo.

Ora c’è l’ultimo step. Solo un ristretto numero di persone riesce a raggiungere questo livello. Questo è il massimo. Non le persone più dotate arrivano fin qui, ma quelle che si sono fidate e affidate di più. Qui si studia l’amore ad un livello accademico. Non c’è numero chiuso. Non ce n’è bisogno. Sono sempre troppo pochi quelli che arrivano fino a questo punto. Il sacramento diventa cammino. Ogni giorno della nostra vita insieme siamo chiamati a donarci e ad accoglierci. L’accoglienza del dono plasma e indirizza l’eros umano: rendendo l’altro/a unica per noi e diventando noi unici per lui/lei. L’amore ci fa diventare unici per l’uno per l’altra e di due una sola carne per le altre persone. Il matrimonio cristiano diventa così un punto di partenza, un cammino disteso nel tempo, dove si sperimenta che l’altro riempie giorno per giorno la nostra vita. La vita quotidiana insieme, abitata dal sacramento, è fonte di pienezza e di gioia, è forza per sostenere la pazienza del quotidiano, è consolazione per guarire le ferite della vita, è speranza per costruire insieme una storia. È una storia di attese e desideri, di scelte e di realizzazioni, una storia che diventa feconda per i due sposi stessi, attorno a loro e nella loro carne, fino a generare la vita in pienezza, realizzando quell’unico bene che è la comunione di vita nei coniugi e il frutto dell’amore nei figli.

Antonio e Luisa

Cliccate qui per entrare nel gruppo whatsapp

Iscrivetevi al canale Telegram

Iscrivetevi alla nostra pagina facebook

Iscrivetevi alla pagina facebook dell’intercomunione delle famiglie

Siamo pronti?

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome.
Questo vi darà occasione di render testimonianza.
Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa;
io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e metteranno a morte alcuni di voi;
sarete odiati da tutti per causa del mio nome.
Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà.
Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime».

Questo Vangelo mi mette tanta paura. Non sono sicuro di essere pronto. Stiamo costruendo una società dove il desiderio diventa legge e dove la percezione individuale diventa reato. Un mondo dove lo stato entra pesantemente nella vita delle famiglie. Uno stato che vuole educare e omologare la testa dei nostri ragazzi. Esperti di affettività, sessualità, bullismo, cyberbullismo, educazione civica e alimentazione. Questo per citare quelli di cui ho avuto esperienza diretta nelle scuole frequentate dai miei figli. Tutte ottime iniziative all’apparenza. C’è però un grosso limite a tutto questo. Lo stato diventa educatore dei nostri figli e noi lo lasciamo fare perchè ci fa comodo così. Meno impegno per noi. Sarà per il lavoro, il poco tempo che possiamo spendere con i nostri ragazzi, le famiglie distrutte e tante altre motivazioni personali e sociali. Resta il fatto che la famiglia non è più il primo attore nella crescita morale e umana delle nuove generazioni. Prendiamo ad esempio l’educazione sessuale. In Inghilterra, dove è inserita da tempo come proposta curriculare, c’è un peggioramento netto nelle gravidanze di adolescenti. Vengono fornite informazioni di profilassi igienica, ma manca una vera sostanza. Manca l’esempio di papà e mamma che mostrano come in un rapporto fedele e casto si possa essere felici e vivere un amore che riempie e dona autenticità alla vita e che sanno rendere conto ai figli di questa bellezza.

Ho apprezzato molto, invece, una serie di incontri organizzati dal consultorio diocesano della mia città, dove la formazione era rivolta ai genitori. Così ha senso. Preparare i genitori perchè possano svolgere al meglio il loro compito, con competenza e preparazione. Vi lascio in fondo la trascrizione degli incontri. Molto interessanti.

Dobbiamo essere pronti a scontrarci con questa società quando i suoi insegnamenti contrastano con i nostri valori. Educazione su  orientamento, genere, religione, rispetto, libertà e tutte le altre componenti della profondità morale e costitutiva della persona umana spettano principalmente a noi genitori. Non dimentichiamolo. Dobbiamo essere pronti alla resistenza e alla disobbedienza se necessario. Io lo sono? Non ne sono sicuro, ma chiedo a Dio continuamente la forza di poter portare a termine il compito educativo che lui stesso mi ha assegnato facendomi genitore.

Termino con le parole di Papa Francesco durante l’udienza del 20 maggio 2015:

Intellettuali “critici” di ogni genere hanno zittito i genitori in mille modi, per difendere le giovani generazioni dai danni – veri o presunti – dell’educazione familiare. La famiglia è stata accusata, tra l’altro, di autoritarismo, di favoritismo, di conformismo, di repressione affettiva che genera conflitti.

Di fatto, si è aperta una frattura tra famiglia e società, tra famiglia e scuola, il patto educativo oggi si è rotto; e così, l’alleanza educativa della società con la famiglia è entrata in crisi perché è stata minata la fiducia reciproca. I sintomi sono molti. Per esempio, nella scuola si sono intaccati i rapporti tra i genitori e gli insegnanti. A volte ci sono tensioni e sfiducia reciproca; e le conseguenze naturalmente ricadono sui figli. D’altro canto, si sono moltiplicati i cosiddetti “esperti”, che hanno occupato il ruolo dei genitori anche negli aspetti più intimi dell’educazione. Sulla vita affettiva, sulla personalità e lo sviluppo, sui diritti e sui doveri, gli “esperti” sanno tutto: obiettivi, motivazioni, tecniche. E i genitori devono solo ascoltare, imparare e adeguarsi. Privati del loro ruolo, essi diventano spesso eccessivamente apprensivi e possessivi nei confronti dei loro figli, fino a non correggerli mai: “Tu non puoi correggere il figlio”. Tendono ad affidarli sempre più agli “esperti”, anche per gli aspetti più delicati e personali della loro vita, mettendosi nell’angolo da soli; e così i genitori oggi corrono il rischio di autoescludersi dalla vita dei loro figli. E questo è gravissimo!

Meditiamo e ricordiamoci che non solo abbiamo diritto ad educare i nostri figli, ma ne siamo anche responsabili davanti a Dio.

Cliccate qui per scaricare il materiale degli incontri svolti al consultorio.

Antonio e Luisa