L’Amore che rischia rimane per sempre

Eravamo insieme e stavamo pranzando; ed era davvero un giorno come un altro, non ricordo quale. Era Agosto. Venne fuori un argomento che, oggi, è visto quasi come un tabù: il matrimonio. Ma non era la prima volta. In realtà, noi avevamo cominciato a parlarne circa tre anni prima, cioè quando ci siamo conosciuti. Anzi, è bene che faccia un appunto: io mi presentai a Michele (questo è il suo nome) e poi usai, più o meno, queste parole: “Se stiamo insieme dovremo avere un fine per cui stare insieme”. E non intendevo certo un “obiettivo per arrivare a”, ma piuttosto un “obiettivo da cui partire per”.

Che poi certamente non mi riferivo, nel senso pratico, al matrimonio (ci eravamo conosciuti da circa dieci minuti, pensate quel poveretto -voglio sottolineare, di 23 anni- che cosa ha potuto pensare).  Mi riferivo al vivere una relazione di coppia non in base ad una sensazione, al “stiamo insieme finché dura”, ma di viverla con un fine inteso come PROGETTO.

E siamo partiti. E abbiamo continuato; ma non è stato per niente facile. Perché, diciamocelo chiaramente, non è mai facile scegliere tutti i giorni -e dico tutti i giorni- la stessa persona. Non è facile quando in quella persona, ai tuoi occhi i difetti prevalgono sui pregi, quando ti lasci sopraffare da ciò che senti o non senti, da ciò che ti piace o non ti piace.

L’errore sta nel credere che essere innamorati ed amare coincidano. Da una parte c’è l’emozione della conoscenza di quella persona, di tutte le sensazioni che si provano in sua presenza, e anche in sua assenza; dall’altra c’è la capacità di guardarlo e volerlo aldilà di ciò che mi dà, di ciò che ha…

E viene da sé capire che l’uno si basa su una sensazione, l’altro si basa su una scelta.

E quando ci siamo trovati di fronte all’incapacità di amarci per quelli che eravamo, che siamo, siamo rimasti insieme -nella Fedeltà- per imparare a farlo.  Ed eccoci, alla fine è andata, e siamo arrivati al giorno in cui abbiamo deciso la data del nostro matrimonio. E non tanto come “giorno in cui sposarci”, ma come data entro cui domandarci in quale direzione portare il nostro fidanzamento.  Ed è qui che, quando mi chiedono la data del nostro matrimonio, la risposta -quasi sempre- è: “Da qui ad un anno fate in tempo a lasciarvi, siete innamorati!”.
Io faccio le cosiddette “spallucce”; le motivazioni che ci hanno spinti a decidere di sposarci, sono state proprio i dubbi che nutrivamo l’uno per l’altra, e verso noi stessi. È stato il non sapere di voler continuare la nostra vita insieme, che ci ha fatto decidere di continuarla.  È un paradosso, ma tutto in questo lo è stato: la scelta di una data più di due anni prima e senza una proposta vera e propria, l’uno a qualche mese dalla laurea, l’altra all’inizio del percorso universitario, entrambi senza lavoro; la scelta di un abito 400 giorni prima…

Quando si è di fronte a dei dubbi esistenziali, c’è da chiedersi se si è disposti a fare -INSIEME- un salto nel vuoto. C’è da chiedersi se si è disposti a volere di più, a volere “ […] la parte destra della barca” (Gv 21,6), ma anche a dare di più; se si è disposti ad andare oltre a tutto ciò che ci sembra di sentire o non sentire.

Perché le sensazioni vanno e vengono ma l’Amore, quello fatto di scelte, anche rischiose, quello resta.

Per sempre.

Vittoria Epicoco

Annunci

Per Grazia siamo salvi!

Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati,
da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia infatti siete stati salvati.
Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù,
per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.
Per questa grazia infatti siete salvi mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio;
né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene.
Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone che Dio ha predisposto perché noi le praticassimo.

Ero morto è vero. Non ero capace di amare. Ci provavo. Ero debole, il mio egoismo mi dominava. Ero innamorato di Luisa. Cosa significa? Ero innamorato di ciò che mi provocava, del fatto che mi facesse stare bene, delle emozioni e delle sensazioni che mi provocava. Ero innamorato del suo essere donna e di quanto fosse diversa da me. Ero innamorato del suo modo di pensare e del suo atteggiamento così diverso dal mio. Ero innamorato per le carezze, i momenti di dialogo e di condivisione. Ero innamorato dei momenti speciali. Non c’è nulla di male in questo. Anzi credo che sia storia comune a tanti giovani innamorati. C’è però un grande pericolo in tutto questo. Il centro ero io. Ero completamente centrato su di me. Lei era funzionale alla mia felicità prima che io alla sua. La stavo usando in un certo senso.

Il matrimonio non è questo. Questo atteggiamento può andar bene per qualche tempo finchè tutto fila. Finchè non si trova qualcun’altro/a che ci piace di più e che ci provoca sensazioni ed emozioni più forti. Con questo atteggiamento e mentalità ci abituiamo a prendere prima che a dare. E se diamo è solo per poi poter incassare. Siamo completamente fuori dall’amore autentico. Viviamo immersi in un tenerume finto fatto di gesti e parole frutto di quel sentimentalismo e spontaneismo tipico di chi sa solo prendere e confonde l’egoismo con l’amore.

Mi sono sposato immerso in tutto questo. Avevo iniziato si un cammino di purificazione, ma ne ero ancora influenzato.

Il matrimonio dona forza, dona lo Spirito Santo che plasma le persone degli sposi. Il matrimonio chiede il per sempre perchè diventi una sicurezza e non una catena. Il matrimonio, se compreso e vissuto in modo pieno, non permette la fuga. Chiede una continua educazione. Ci chiede continuamente di impegnarci, ma impegnarci davvero. Completamente. Ci chiede volontà, tempo, cura, umiltà, capacità di accogliersi e di donarsi. Ci chiede di aspettarci e perdonarci. A volte sembra davvero difficile farlo. Ma non è nelle nostre capacità che dobbiamo fondare la nostra fiducia, ma sui doni che Dio ci ha gratuitamente dato nel matrimonio. Un corredo di Grazia, forza e perseveranza che ci rendono super. Tutto gratis perchè c’è chi ha pagato per noi. Gesù Cristo è morto in croce per noi. Dalla ferita del suo costato sono usciti acqua e sangue. Spirito Santo e vita che riempiono il nostro matrimonio e ci rendono capaci di amarci in modo autentico. Ora sono ancora innamorato della mia sposa, più di prima, ma ciò che davvero conta è che sto imparando ad amarla.

Antonio e Luisa

La palestra dell’amore

Ti amo» – disse il Piccolo Principe.

«Anche io ti voglio bene» – rispose la rosa.

«Ma non è la stessa cosa» – rispose lui. – «Voler bene significa prendere possesso di qualcosa, di qualcuno. Significa cercare negli altri ciò che riempie le aspettative personali di affetto, di compagnia. Voler bene significa rendere nostro ciò che non ci appartiene, desiderare qualcosa per completarci, perché sentiamo che ci manca qualcosa.»

Voler bene significa sperare, attaccarsi alle cose e alle persone a seconda delle nostre necessità. E se non siamo ricambiati, soffriamo. Quando la persona a cui vogliamo bene non ci corrisponde, ci sentiamo frustrati e delusi.

Se vogliamo bene a qualcuno, abbiamo alcune aspettative. Se l’altra persona non ci dà quello che ci aspettiamo, stiamo male. Il problema è che c’è un’alta probabilità che l’altro sia spinto ad agire in modo diverso da come vorremmo, perché non siamo tutti uguali. Ogni essere umano è un universo a sé stante.

Amare significa desiderare il meglio dell’altro, anche quando le motivazioni sono diverse. Amareèpermettere all’altro di essere felice, anche quando il suo cammino è diverso dal nostro. È un sentimento disinteressato che nasce dalla volontà di donarsi, di offrirsi completamente dal profondo del cuore. Per questo, l’amore non sarà mai fonte di sofferenza.

Quando una persona dice di aver sofferto per amore, in realtà ha sofferto per aver voluto bene. Si soffre a causa degli attaccamenti. Se si ama davvero, non si può stare male, perché non ci si aspetta nulla dall’altro. Quando amiamo, ci offriamo totalmente senza chiedere niente in cambio, per il puro e semplice piacere di “dare”. Ma è chiaro che questo offrirsi e regalarsi in maniera disinteressata può avere luogo solo se c’è conoscenza.

Possiamo amare qualcuno solo quando lo conosciamo davvero, perché amare significa fare un salto nel vuoto, affidare la propria vita e la propria anima. E l’anima non si può indennizzare. Conoscersi significa sapere quali sono le gioie dell’altro, qual è la sua pace, quali sono le sue ire, le sue lotte e i suoi errori. Perché l’amore va oltre la rabbia, la lotta e gli errori e non è presente solo nei momenti allegri.

Amare significa confidare pienamente nel fatto che l’altro ci sarà sempre, qualsiasi cosa accada, perché non ci deve niente: non si tratta di un nostro egoistico possedimento, bensì di una silenziosa compagnia.

Amare significa che non cambieremo né con il tempo né con le tormente né con gli inverni.

Amare è attribuire all’altro un posto nel nostro cuore affinché ci resti in qualità di partner, padre, madre, fratello, figlio, amico; amare è sapere che anche nel cuore dell’altro c’è un posto speciale per noi. Dare amore non ne esaurisce la quantità, anzi, la aumenta. E per ricambiare tutto quell’amore, bisogna aprire il cuore e lasciarsi amare.

«Adesso ho capito» – rispose la rosa dopo una lunga pausa.

«Il meglio è viverlo» – le consigliò il Piccolo Principe.

Bellissimo passaggio del Piccolo Principe. Questo concetto così ben scritto credo esprima benissimo quello è il fine del matrimonio. La Chiesa ci insegna a mettere l’altro sempre davanti a noi, ci insegna a farci piccoli e a prendere esempio da Gesù vero uomo e vero Dio, così umano da essere la pienezza dell’umanità. Pienezza che non si concretizza in bacetti e cuoricini. Pienezza che si concretizza nella lavanda dei piedi, nell’ultima cena, nella passione e nella morte e resurrezione. Gesù ci mostra cosa significa amare e la croce ne è il punto più alto. Il matrimonio è una palestra per comprendere questo. E’ un continuo allenamento che ci permette ogni giorno di essere più forti e più vicini a quell’amore che Gesù ci ha mostrato e ha vissuto. Quando ho iniziato il mio matrimonio con Luisa non amavo così. Volevo bene a Luisa perchè lei riempiva il mio serbatoio affettivo e soddisfava i miei desideri carnali. Le volevo bene perchè mi faceva stare bene. Era un amore condizionato. All’epoca non ne ero consapevole, ma oggi con l’esperienza e la maturazione lo comprendo chiaramente. Il matrimonio ti cambia. Non puoi restare come prima. Il matrimonio ti chiede questo salto in avanti, questo cambio di prospettiva e di priorità. Chi non riesce a fare questo scatto è destinato a fallire. E’ una palestra fatta di apparenti rinunce per un bene più grande, di dialogo, di compassione e di condivisione, di sostegno, di scontro e di perdono. E’ fatto soprattutto di intimità e di libertà. Giorno dopo giorno l’amore diventa sempre più disinteressato e dopo anni di matrimonio posso dire che amo la mia sposa non per quello che mi dà o fa, ma perchè è lei. La amo per quella che è, con tutti i suoi limiti e difetti. Prendo tutto, il pacchetto completo. Non voglio toglierle nulla.

Il piccolo principe esprime benissimo questo passaggio che ci viene chiesto. Dall’essere semplicemente innamorato all’amare in modo consapevole e disinteressato.

Il matrimonio ci prepara ad accogliere l’amore autentico, quello di Cristo, sconfiggendo il nostro egocentrismo e il nostro egoismo.

L’amore è verità.

Oggi ascoltavo il commento al vangelo di don Antonello Iapicca. Riesce sempre a provocarmi. C’è sempre una sua frase o anche solo una parola che mi cattura e mi apre a un’intima riflessione. Quando mi sono sposato, quando preparavo il matrimonio, i giorni dell’attesa, dove finalmente vedi quel progetto d’amore prendere vita e forma, senti sempre più forte quella chiamata che nel profondo ti spinge sempre più verso la scelta definitiva del matrimonio. Quando ero ubriacato da queste sensazioni ed emozioni fortissime, mi sono mai chiesto, anche solo per un attimo, se in caso di tradimento, o peggio, di abbandono da parte  di mia moglie,  avrei continuato ad amarla e ad esserle fedele? Sinceramente no. Quando ci si sposa non si pensa a queste cose, almeno non l’ho fatto io. Non so, forse è un meccanismo mentale che naturalmente ho messo in atto. Se avessi avuto il dubbio reale che potesse davvero accadere una situazione del genere non mi sarei sposato. Avevo bisogno di credere che tutto sarebbe andato bene per trovare il coraggio di un passo tanto definitivo. La verità è che non ero pronto a dire il mio si in ogni situazione. Il matrimonio non è un punto di arrivo ma di partenza. L’innamoramento viene, nel corso del tempo, sostenuto dall’amore. Innamoramento che dipende da tante cose, che non è mai stabile, soggetto ad alti, a picchi ma che possono cadere in voragini e buttarti giù fino a toccare il fondo. L’innamoramento non basta nel matrimonio, serve la volontà, serve la determinazione, serve l’agire, serve amare. L’amore diventa così quella roccia sicura che sostiene la leggerezza dei sentimenti e che permette di attutire le cadute e che comunque, consente che la voragine non sia mai troppo profonda, tanto da impedirci di riemergere.

Oggi , dopo 14 anni di matrimonio, posso dirlo. Voglio amare mia moglie sempre, anche se lei un giorno dovesse smettere di farlo. Voglio amarla perchè sulla mia relazione con lei ho giocato tutto di me, le ho donato la parte migliore e peggiore di ciò che sono. Voglio amarla perchè ho promesso di amarla per sempre senza porre condizioni. Voglio amarla perchè attraverso di lei passa la mia relazione con Dio e perchè la mia santità è solo con lei.

Mi è capitato più volte in questi anni di rinnovare le promesse matrimoniali davanti a Dio ed ogni volta è stato più bello. Perchè c’è sempre più consapevolezza e verità in quelle parole che spesso restano solo parole ma che quando si realizzano sono il miracolo più bello che possa accadere nella vita di un uomo o di una donna.

Antonio e Luisa