La famiglia come rifugio di montagna

Sono una siciliana atipica, perché odio il caldo, il mare mi distrugge e le mie vacanze rigeneranti sono in montagna. In questi giorni regalati in Valtellina, non solo mi sto godendo il fresco, il profumo intenso di alberi e prati, ma anche l’intimità e il calore di famiglie con cui camminare insieme verso il GUSTO DELL’AMORE.

amati per amare-235b32.jpg

A fare da collante Don Roberto Secchi, un sacerdote giovane e simpatico, che nella mia fantasia immaginavo grasso, pelato, vecchio e noioso, responsabile della Pastorale Familiare per la diocesi di Como. Prima di cominciare i nostri interventi come relatori, il Don (…lo chiamiamo tutti così) fa il masterchef della Bibbia, guidandoci sul significato dei cibi e dei banchetti nella Parola. Quando parla sentenzia. Il don non si rende conto di quanto è bravo e capace, e di quanta passione e intensità mette in ogni suo intervento. E comincia così. Quanto la mia famiglia è tavola imbandita per le persone che mi circondano e che incontro. Con quale cura e attenzione preparo la tavola per i miei figli, per mio marito. E non si tratta solo della tavola materiale, dei cibi cucinati, ma di ingredienti come l’accoglienza, lo spazio e il calore emotivo per ciascuno. L’altra pomeriggio ho sbottato con mio figlio grande lamentandomi che mentre gli altri bambini delle altre famiglie collaboravano al laboratorio, i miei figli si facevano beatamente gli affari loro. Lui mi guarda e affonda il colpo: “mamma il mondo non è perfetto come lo vuoi tu!”. Figlio 1 madre 0. Quanto spesso le mie aspettative, i miei schemi, il mio bisogno di controllare, diventano gli ingredienti principali della relazione con la mia famiglia, di quel banchetto che diventa solo una rigida porta stretta. Ma non è la porta stretta che porta al paradiso. È la strettoia che chiude la relazione con l’altro quando non è come voglio io. Che spazio do alla personalità di cui ogni figlio, ogni membro della mia famiglia è portatore, e che lo può portare a dire si o dire no a cose che per me magari sono importanti e per loro secondarie. Fosse anche il loro rapporto con Dio, su cui ho aspettative altissime, che loro però hanno il diritto di scoprire, digerire e scegliere, in un incontro personale che possono avere in base alla loro età, e a partire dalla loro libertà e dal modello che io gli offro. Che tavola imbandisco per la mia famiglia. Per i miei genitori. I miei suoceri. Le mie cognate. I miei nipoti. Gli occhi del don brillano quando predica e ci parla dritto al cuore. Possano le vostre famiglie essere come rifugi di montagna, che sono luoghi di passaggio, di ristoro, tra un’impervia salita e una discesa. Possa la mia e la tua famiglia avere sempre un posto vuoto a tavola, apparecchiato per chiunque ha bisogno di conforto, appoggio, sostegno, consiglio. Famiglie aperte che camminano insieme, il cui cibo in sovrabbondanza non è solo per me, ma posso condividerlo con chi mi è prossimo.

Claudia e Roberto Reis

Canale Telegram

Pagina facebook Amati per amare

Blog Amati per amare

Il matrimonio non è una passeggiata.

Oggi voglio condividere un pensiero di Sara, una moglie e mamma veneta. E’ riuscita, a mio parere, a presentare ciò che è il matrimonio in modo molto concreto attraverso un immagine molto semplice: la montagna. Sara scrive:

Il matrimonio non è una passeggiata. È una camminata in montagna, di quelle che parti la mattina presto quando ancora è quasi buio… non sai bene dove vai. Non l’hai mai fatta, quella strada. Sai che sarà lunga ma sei pieno di voglia, di energie, sai che ne vale la pena. Sei curioso! Bisogna partire attrezzati bene, scarponi, zaino pronto, cibo, acqua, poncio se piove, cerotti bende acqua ossigenata, un pile se fa freddo… non sai bene dove vai. A volte sembra insulso, a volte non ce la fai più. Ti fermi respiri, riposi, hai bisogno di pregare.
Poi arrivi in un punto panoramico, ti giri, guardi indietro… ecco, la meraviglia! Oh, ecco perché ne valeva la pena! Quanta bellezza, quanto amore! Gioia piena!
E vedi qualcuno a cui vuoi bene iniziare la salita, laggiù… e ti riempi di gioia, lo chiami “Vieni, è dura la salita ma qui è bellissimo!!!”
Perché, quando guardi una donna vestita da sposa sempre il cuore palpita di gratitudine

Il matrimonio non è una passeggiata dove non c’è fatica, dove il sentimento ti trascina come una bici in discesa. Si parte con il buio,  senza sapere cosa t’aspetta solo con la fiducia nel tuo compagno/a e in Dio. Il matrimonio è una salita, che costa fatica, a volte sembrerà facile altre invece la pendenza sarà proibitiva e dovremo aiutarci a vicenda, salire in cordata se necessario. Ci saranno momenti in cui la fatica sarà avvertita più da uno, altri in cui sarà l’altro a boccheggiare e a sentire le gambe pesanti, ma se si resta uniti non ci sarà il rischio di mollare e di voler tornare indietro. Sara parla poi dell’attrezzatura. Quanta verità. Se non partiamo attrezzati bene faremo tanta fatica, e forse troppa fatica, potremmo anche non riuscire ad arrivare in cima. Oggi le coppie si preoccupano soprattutto delle sicurezze materiali, del lavoro, della casa e di tutto ciò che può rendere la vita “facile”. Non sono queste le cose più necessarie di cui dotarsi. Non che non siano importanti, sia chiaro, ma c’è qualcosa che è più determinante per la riuscita di un matrimonio. Preparare il cuore al dono di sè. Bisogna educarsi al sacrificio, all’apertura all’altro, al perdono, alla misericordia e a occuparsi e a prendersi cura dell”altro. In una parola educarsi alla castità. Certo anche chi parte senza zaino e senza acqua può arrivare in cima, ma certamente con molta più difficoltà e sofferenza.  Sara ci ricorda di pregare. Sara ci ricorda che ci sposiamo in tre e che il socio di maggioranza, quello che ci mette più ricchezza, non siamo noi ma Gesù. Pregare significa chiedere a Gesù un aumento di capitale per la nostra società, un surplus di Grazia perchè con le nostre misere risorse non riusciamo a continuare.

Infine arrivi in cima, o meglio la cima non la raggiungi mai, ma arrivi in alto. Tanto in alto che puoi voltarti e restare senza fiato. Puoi ammirare un panorama mozzafiato e puoi condividere ciò che vedi con la tua sposa o con il tuo sposo. Vedi in basso il punto da cui sei partito.  Ti meravigli di come tu, così fragile, ferito e inadeguato abbia potuto fare tanta strada ed arrivare tanto in alto, tanto da poter godere di una bellezza che ti commuove. Una passeggiata non ti sarebbe costata tanto impegno e tanto sudore, ma non ti avrebbe consentito di ammirare una bellezza tanto grande.

Antonio e Luisa