Sposi sacerdoti. Un rumore! E’ il mio diletto che bussa. (54 articolo)

Abbiamo lasciato i due protagonisti alla fine del terzo poema in una situazione perfetta di amore e di gioia. I due sposi finalmente avevano dato compimento e  sperimentato nell’unione intima quel desiderio profondo dei loro cuori. Desiderio alimentato dall’attesa, dagli sguardi, dai profumi, dai colori, dai movimenti, e dal farsi sempre più prossimi l’uno all’altra fino ad essere uno. Un sol corpo e un sol cuore. Ora il quarto poema cambia completamente atmosfera. Non c’è più gioia. Il Cantico dei Cantici racconta l’amore. L’amore è così. Non è mai stabile. Raggiunto il culmine si può cadere per poi risalire. E’ la storia di ognuno di noi che conferma che è così. E vissero felici e contenti non è la realtà della nostra vita. La casa del nostro amore è abitata da momenti alti e da altri bassi, da momenti di avvicinamento fino ad essere davvero una cosa sola ad altri di allontanamento fino a non capirsi e a non riconoscersi. Non c’è contraddizione in questo. L’allontanamento non contraddice l’amore di prima. Ci sono entrambi. Non pretendiamo di essere sempre al massimo o ne soffriremo. Accettiamo i bassi come opportunità per amare con tutta la nostra volontà e tornare più in alto di prima.

Io dormo, ma il mio cuore veglia.

La traduzione che ho riportato è quella CEI ma non è delle migliori, almeno a detta di esegeti molto autorevoli. In realtà i verbi, nella versione originale in ebraico, sono tutti participi presenti.  In particolare nelle prime righe troviamo la Sulamita che dorme. Sulamita che è dormiente e vegliante. L’autore sembra voler evidenziare lo stato di vigilante attesa della ragazza. Dorme, ma il suo io profondo è sveglio. Il cuore nella tradizione ebraica è il centro  di tutta la persona. Il cuore identifica la Sulamita in tutto il suo essere. Il cuore è la sede dell’affettività, della ragione e dell’autodeterminazione personale.

Un rumore! E’ il mio diletto che bussa:
«Aprimi, sorella mia,
mia amica, mia colomba, perfetta mia;
perché il mio capo è bagnato di rugiada,
i miei riccioli di gocce notturne».

Proprio perchè veglia con il cuore in attesa riesce a percepire l’arrivo dell’amato. Nelle parole dell’amato si comprende tutto il desiderio che ancora c’è in lui verso di lei. Lui sembra tornare da un viaggio. E’ stato via del tempo. Questo non ha fatto che aumentare il desiderio verso colei che ama. Un’assenza che si fa desiderio.

«Mi sono tolta la veste;
come indossarla ancora?
Mi sono lavata i piedi;
come ancora sporcarli?».

L’amata esita. Non si alza immediatamente. Cosa succede? Perchè questa improvvisa pigrizia? Sembrano scuse banali. In realtà è il sentimento che è così. Crediamo di governarlo e comprendere il motivo che ci spinge e ci attrae verso l’altro e invece d’improvviso ci troviamo svuotati e svogliati. Non ci attira. Sono momenti normali nella vita di una coppia. Eppure possono essere momenti di sofferenza e solitudine.  Un’altra possibile lettura ci viene data da don Carlo Rocchetta che parla di contrasto nell’intimo della donna. Contrasto tra il desiderio profondo di donarsi completamente all’amato e la paura che questo abbandono fiducioso e disarmato comporta. Paura di soffrire e di stare male. Di essere delusa e usata. Credo che anche questa sia un timore comune a tante spose. Soprattutto quelle che si portano nel cuore ferite non sanate.

Antonio e Luisa

1 Introduzione 2 Popolo sacerdotale 3 Gesù ci sposa sulla croce 4 Un’offerta d’amore 5 Nasce una piccola chiesa 6 Una meraviglia da ritrovare 7 Amplesso gesto sacerdotale 8 Sacrificio o sacrilegio 9 L’eucarestia nutre il matrimonio 10 Dio è nella coppia11 Materialismo o spiritualismo 12 Amplesso fonte e culmine 13 Armonia tra anima e corpo 15 L’amore sponsale segno di quello divino 16 L’unione intima degli sposi cantata nella Bibbia 17 Un libro da comprendere in profondità 18 I protagonisti del Cantico siamo noi 19 Cantico dei Cantici che è di Salomone 20 Sposi sacerdoti un profumo che ti entra dentro.21 Ricorderemo le tue tenerezze più del vino.22 Bruna sono ma bella 23 Perchè io non sia come una vagabonda 24 Bellissima tra le donne 25 Belle sono le tue guance tra i pendenti 26 Il mio nardo spande il suo profumo 27 L’amato mio è per me un sacchetto di mirra 28 Di cipresso il nostro soffitto 29 Il suo vessillo su di me è amore 30 Sono malata d’amore 31 Siate amabili 32 Siate amabili (seconda parte) 33 I frutti dell’amabilità34 Abbracciami con il tuo sguardo 35 L’amore si nutre nel rispetto. 36 L’inverno è passato 37 Uno sguardo infinito 38 Le piccole volpi che infestano il nostro amore. 39 Il mio diletto è per me. 40 Voglio cercare l’amato del mio cuore 41 Cos’è che sale dal deserto 42 Ecco, la lettiga di Salomone 43 I tuoi seni sono come due cerbiatti 44 Vieni con me dal Libano 45 Un giardino da curare 46 L’eros è un amore tenero 47 La tenerezza è amare come Dio ci ama 48 Mi hai rapito il cuore con un tuo sguardo 49 Fammi sentire la tua voce. Perchè la tua voce è soave 50 Mi baci con i baci della sua bocca 51 Quanti sono soavi le mie carezze sorella mia, sposa 52 Venga il mio diletto nel suo giardino e ne mangi i frutti squisiti 53 Le carezze dell’anima

Gli alti e bassi nella coppia

Davanti al mare puoi ispirarti per tanti paragoni, come, ad esempio, cosa accade nella vita di una coppia.
Questa mattina, la grande distesa d’acqua, è di una calma indescrivibile.
Tempo fa, un saggio frate francescano al quale spesso apro il mio cuore, mi fece una domanda:
«Secondo te, figliola mia, dove si vede la potenza di Dio? Nel mare calmo o nel mare in tempesta?»
In genere, siccome lui ha molta sapienza, non rispondo mai perché so che, sicuramente, la mia osservazione non corrisponderebbe al quesito.
Cosi mi lascio sempre guidare dal suo intento e ascolto il suggerimento che consegue tanto utile alla mia vita.
Di seguito appresi una cosa molto vera.
La potenza di Dio si manifesta nel mare assolutamente calmo!
Infatti, «Come si fa a tenere ferma ed immobile una massa d’acqua così sterminata?»
Solo un Dio Potente può riuscire in una cosa del genere e qui si manifesta ai nostri occhi una profonda riflessione data dal Creato.
Dio esiste negli alti della coppia, cioè quando tutto è calmo, quando addirittura tutto sembra correre così linearmente che spesso ci si aspetta una tragedia imminente ……come mai stiamo così bene? Cosa dovrà succedere?

coppia crisi
La cosa più scontata si dà spesso per scontata, cioè il fatto che, nei momenti in cui la distesa della vita è tranquillissima, tutto dipende dalle nostre capacità e quindi, difficilmente ci svegliamo la mattina ringraziando il Signore per avere ancora due gambe, due braccia, un marito che ti dice che sei bella, una salute perfetta, una giornata da benedire perché andremo a lavorare in un tempo in cui questo non è facile per niente eccetera, eccetera.
Come mai abbiamo trascorso tanti anni, nella calma di una relazione felice e, nel contempo ci siamo allontanati da Dio? Ci siamo accomodati nella tranquillità?
Eppure era Lui che teneva «calma» la sterminata nostra esistenza, addirittura di due persone tanto diverse.
È un po’ come quel mare calmissimo che tanti bagnanti rischiano di agitare con i loro movimenti natatori, comprese le barchette e i motoscafi, e, nonostante questo, riesce a rimanere calmo e liscio come l’olio.
Anche se intorno ci sono gli agitatori, Dio riesce a tenere ferma l’acqua. Noi lo diamo per scontato, ma Lui c’è!
Così la vita di quella coppia: agitata da mille perché e per come, eppure Dio la tiene calma!

E noi che facciamo?

Soltanto quando il mare è agitato ci ricordiamo del nostro Creatore.
Quando cominciano ad arrivare le onde grosse e arriva la tempesta ecco che la paura sopravanza e cominciamo a urlare: “dove sei Dio mio? Ti sei dimenticato di me? Non vedi che sto affogando, sto soffrendo e la mia vita va a rotoli?”
Allora si che cerco Dio, perché l’uomo, di dura cervice, non comprende che Dio era lì ad aspettarci nella calma delle sue acque confortanti.
Abbiamo bisogno della tempesta per cercare la Sua potenza, perché prima, la sua Onnipotenza è abbassata dalla nostra supponenza.
Conosco tante coppie, in crisi, che alla domanda : “Dov’era Dio quando il tuo mare era calmo?” sovente mi rispondono “mi ero distaccato, stavo bene e non sentivo più il bisogno di pensare a Lui”.
E adesso? Dov’e Dio nel tuo mare in tempesta?
Adesso sì che lo rivoglio, ho bisogno di Lui, cosa fare per non affogare?
Allora forza, cerca e contempla il tuo Signore nella distesa calma di quell’acqua dove vedi scorrere la vita. Frequentalo e ringrazialo quando tutto scorre serenamente perché sentirai la sua presenza quando le acque diventeranno alte e le onde ti spaventeranno e ti scoraggeranno.

ISAIA,43
1 Ora così dice il Signore che ti ha creato, o Giacobbe,
che ti ha plasmato, o Israele:
«Non temere, perché io ti ho riscattato,
ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni.
2 Se dovrai attraversare le acque, sarò con te,
i fiumi non ti sommergeranno…

La potenza di Dio è nel mare calmo, non perdere tempo ad aspettare la tempesta, abbraccialo oggi e contempla con stupore la grandezza dell’ infinito Amore che nutre per te, coppia che Lui ha congiunto.