Il matrimonio è quello di Wikipedia?

Oggi ho un momento in più. Non devo, come solitamente accade, scrivere in venti minuti la mia riflessione. Posso prendermela con più calma. Cercherò quindi di avventurarmi in riflessioni che non mi appartengono normalmente. Cosa significa il matrimonio per me? Perchè è così importante non fallire questa occasione unica di relazione? Perchè sento che mi sto giocando tanto, forse tutto?

Non è facile rispondere. Non è facile comprendere cosa ci sia dietro questa sfida. Certo per la società civile è semplice descrivere cosa sia. Wikipedia, la nuova enciclopedia della società 2.0, lo identifica così:

Il matrimonio è un negozio giuridico che indica l’unione fra due o più persone, a fini civili, religiosi o ad entrambi i fini e che di norma viene celebrato attraverso una cerimonia pubblica detta nozze.

E’ un negozio giuridico, un contratto, che determina obblighi e diritti. Nulla più di questo. Un contratto che, se rescisso, provoca spesso un risarcimento economico e nulla più. Qualcosa a cui si può dare un valore, un prezzo, un inizio e una fine. Come fosse un rapporto di collaborazione qualunque tra due persone, o addirittura più di due persone. Collaborazione manageriale e di gestione. Gestione della casa, dei figli, dei soldi fino ad arrivare alla gestione del tempo libero, del sesso e dell’affettività. Certo una collaborazione più piacevole di altre prettamente professionali, ma pur sempre qualcosa da pesare continuamente tra utile e perdita.

Se davvero il matrimonio fosse soltanto questo, sarebbe davvero di una tristezza enorme. Penso tutti siano d’accordo su questo. Eppure tanti si sposano con questa idea radicata dentro. Promettono nella buona e nella cattiva sorte, ma intendono solo nella buona. Solo quando conviene. Io stesso ho promesso tutto, ma con un’enorme riserva su questo punto. Mi sono fidato, ho chiesto a Dio la forza e, naturalmente, ero sostenuto dalla convinzione che tutto sarebbe andato bene. Tanti si fermano a questo livello di relazione. Si accontentano di questa miseria che non permette loro di entrare in un altro mondo. Non permette di incontrare Gesù nell’altro. Perchè questo fa la differenza.

Il matrimonio è concreto e tangibile, guai se non lo fosse. Ma non basta. Non può restare solo questo o, come ho scritto prima, resta una relazione povera, anzi misera, che non apre ad orizzonti altri.

Cristo cambia tutto. Il matrimonio in Cristo è qualcosa che non c’entra nulla con tutta la miseria del matrimonio civile o di una convivenza.  Tanto che amici, che hanno iniziato con una convivenza o un matrimonio civile, quando la loro relazione è entrata nella verità del dono totale, hanno avvertito la necessità di sposarsi in Cristo, perchè non si accontentavano più di ciò che avevano. Il matrimonio in Cristo apre ad una prospettiva eterna. Più lo vivi intensamente, senza riserve e senza porre limiti, e più l’orizzonte si aprirà all’eterno, al trascendente, a Dio. Più sarò capace di donarmi sempre e completamente, e più entrerò nella profondità di me stesso. del mio essere uomo. Entrare sempre più dentro per ampliare sempre di più lo sguardo. Più comprendo questo,più vivo questo, e più avrò pace e senso nella mia vita. Perchè nella nostra profondità di uomini c’è l’eterno di Dio. Ma la nostra profondità ci è inaccessibile, non abbiamo la chiave. La chiave non è in me, ma nel dono di me. Nel dono di me stesso alla mia sposa. Più sarò dono per lei e più conoscerò chi sono, e più incontrerò Cristo. Questo vale nella buona e nella cattiva sorte. Tutti desiderano un matrimonio felice. Guai se non fosse così. Ricordiamo però una verità che spesso cerchiamo di rimuovere.  La Chiesa ci insegna che un matrimonio riuscito non è necessariamente un matrimonio felice. Chiara Corbella spiegava tutto questo in modo semplice:

La logica è quella della croce: regalarsi per primi senza chiedere nulla all’amato, arrivando fino al dono radicale di sé. Se non si risponde a questa richiesta, non si tratta più di vocazione, ma di un semplice accompagnarsi fino alla morte

Un matrimonio che si regge sulla convenienza reciproca è accompagnarsi fino alla morte. Terribile. In una vita insieme non si impara a donarsi fino in fondo, ma solo a prendere dall’altro/a. Ad usarlo per certi versi. Ci sono matrimoni che si reggono sulla paura della solitudine o sull’abitudine.

Adesso dirò qualcosa di scandaloso. Quando penso a certe persone che hanno perseverato, che hanno perdonato, che hanno pregato, che hanno sofferto grandemente, che hanno pianto e che hanno vacillato senza per questo mollare. Persone che hanno, soprattutto, continuato a restare fedeli alla loro promessa, a Dio, allo sposo o alla sposa, anche quando quest’ultimo/a se n’è andato. Anche quando ha tradito la fiducia, il talamo e il sacramento. Persone che hanno vissuto fino in fondo la loro vocazione. Sono convinto che il loro matrimonio è più riuscito di tanti altri, perchè alla fine quello che conta è dare tutto per incontrare Cristo in quel dono, e loro lo hanno fatto e lo stanno facendo più di tutti. Più di me, più della mia sposa e, a maggior ragione, più di chi vivacchia in un rapporto basato sul dare e avere, in un rapporto che non cresce e che non fa progredire nessuno, in un rapporto sterile, non fecondo.

Antonio e Luisa

Annunci

Maria ha capito tutto!

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti.
E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali.
Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell’unguento.

Il Vangelo di oggi ci riporta quanto successo a casa di Lazzaro. Ritroviamo Marta e Maria. Guarda caso i ruoli non sono cambiati. Marta a lavorare e Maria ad adorare. Vi ricordate l’altro episodio con Marta che brontola perchè Maria perde tempo con Gesù senza lavorare? Ecco qui si ripropone la stessa dinamica. Marta che sgobba e Maria che apparentemente perde tempo. L’attenzione si focalizza ancora una volta su Maria. Maria che non serve i commensali, come invece fa Marta, ma si occupa di Gesù, lo adora, lo ama teneramente, gli cosparge i piedi con olio di puro nardo e dolcemente li asciuga con i suoi capelli. Cosa ci insegna questo Vangelo a noi sposi? Insegna qualcosa di determinante per la nostra vita insieme. La cosa più importante non è fare, ma rispondere alla chiamata, rispondere a Gesù che ci ha amato per primo. Solo comprendendo, guardando, accogliendo, riamando e adorando Cristo, il nostro fare non sarà più un obbligo e un peso insostenibile, ma una risposta d’amore. Esiste una priorità. Adorare viene prima di fare. Ora un ulteriore e logico passaggio. Va bene, ma come faccio ad adorare Gesù nel mio matrimonio? Semplicissimo (ma non facile): amando Luisa, la mia sposa. Perchè non è facile? Maria mi insegna un’altra cosa importante. Per amare Cristo non c’è misura. Devo dare tutto, senza risparmiarmi.

Maria, infatti, ama senza riserve, senza limite, oltre il necessario, tanto che il suo amore appare quasi uno spreco. Non è necessario darsi così tanto.Invece Gesù la esalta proprio per questo. Perché l’amore deve essere così.

Nel nostro matrimonio abbiamo rotto il vaso di nardo? Oppure siamo avari e diamo qualche goccia ogni tanto per non sprecarne? Ci sprechiamo in gesti di tenerezza, di servizio, di cura, di attenzione oppure limitiamo tutto al minimo indispensabile, dando per scontato l’amore che ci unisce?

Io mi sento molto provocato da questo Vangelo. Ho ancora tanta strada davanti.

Ancora troppo mi risparmio. Troppe volte aspetto una ricompensa o una gratitudine per ciò che faccio. Troppe volte mi sento non apprezzato abbastanza. Troppe volte faccio il minimo. Troppe volte mi risparmio e non do tutto, perchè non credo sia così importante. Troppe volte aspetto che sia Luisa a darsi da fare, quando invece potrei anticiparla. Troppe volte non sono capace di amarla fino in fondo.

Maria mi richiama alla verità dell’amore. Perchè quando ami fino in fondo, come fa lei, poi il profumo del nardo, il profumo dell’amore, si propaga a tutte le persone vicine. Attraverso il mio amore sponsale, il mio amore incondizionato e senza misura posso realmente riempire ciò che mi circonda del profumo dell’amore, del profumo di Dio. Ricordiamo che noi sposi siamo immagine dell’amore di Dio, ma solo quando ci abbandoniamo all’autentico amore sponsale e Maria ci mostra come si fa. Maria concretizza in un gesto ciò che deve essere la nostra vita matrimoniale.

Mi fermo qui. Ci sarebbe da dire tanto su questo Vangelo, sul perchè lavi proprio i piedi e sia importante evidenziarlo. Sarà per il prossimo articolo.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Armonia tra anima e corpo. (13 articolo)

Prima di continuare è d’obbligo una precisazione. Abbiamo,nei precedenti articoli, accennato all’importanza del rapporto fisico all’interno di una relazione sponsale. Amplesso come il gesto sacerdotale più alto e significativo che può essere vissuto tra due sposi. L’amplesso non è quindi un optional di un matrimonio, ma qualcosa di estremamente importante. Attraverso la verità di questo gesto passa la verità di tutta la relazione. Il matrimonio autentico necessita di castità. La castità cosa esprime in sostanza? La castità è stata definita in tantissimi modi. Molto spesso in modi sbagliati. La castità non è altro che perseguire e vivere un’armonia e una verità nella manifestazione dell’amore presente nel cuore attraverso i gesti del corpo. La castità presuppone un’aderenza autentica tra quanto esprime il corpo e quello che è il nostro cuore. La castità è tale quando esprimiamo nel corpo la verità del nostro essere uomo o donna, e la capacità di amare in modo autentico facendoci dono per l’altro/a. Comprendete bene come debba esistere una corresponsione tra l’amore del cuore e l’amore espresso con il corpo. Tra due sposi ciò si manifesta in particolare con l’amplesso. Esistono quindi due grandi pericoli. Uno che riguarda maggiormente il mondo femminile e l’altro invece quello maschile. Naturalmente esistono le eccezioni, e il mio è solo un discorso generale che può essere smentito nelle dinamiche di alcune specifiche coppie. A cosa deve stare attenta una sposa?  Se è sicura di amare profondamente il suo sposo, se si impegna a fondo per lui, si mette al suo servizio,  e poi non è capace di esprimergli amore attraverso il suo corpo, e non è capace di donarsi completamente a lui nell’intimità, non sta vivendo un matrimonio in pienezza e in verità. Se con il corpo non riesce a trasmettere quell’amore che cerca di coltivare nel cuore, non è nell’armonia di un dono totale che presuppone anima e corpo. Il suo sposo non si sentirà amato in modo pieno e soffrirà per questo.

A cosa devono invece prestare attenzione gli uomini? Devono prestare attenzione al rischio inverso. Se con il corpo esprimono un amore che non viene coltivato nel cuore, stanno esprimendo una disarmonia e una menzogna. Cosa di cui una donna si rende benissimo conto. Questo desiderio di cercare l’intimità senza impegnarsi a nutrire e perfezionare una modalità di amare la propria sposa sempre, in una sorta di corte continua, insinuerà nella sposa il dubbio di essere usata e non amata, con il risultato di generare sofferenza e anche freddezza e allontanamento in lei.

In entrambe queste situazioni non c’è verità e non c’è castità. A lungo andare la disaffezione, le rivendicazioni  e spesso anche il rancore, si faranno sempre più forti con il rischio di dividere la coppia.  Dio si è fatto maestro per noi. Conosce le nostre debolezze e fragilità. Per questo ci ha donato un intero libro della Bibbia che tratta la modalità autentica di amare che due sposi devono cercare, trovare, vivere nel loro matrimonio per essere felici ed avere una relazione casta che sia piena ed autentica.  Mi riferisco al Cantico dei Cantici. Nei prossimi articoli andremo ad approfondire alcuni passaggi di questo bellissimo testo.

Antonio e Luisa

Un amore così grande

Oggi vi propongo una testimonianza molto forte. Una donna che è riuscita ad andare oltre gli errori. Una donna che non ha mai smesso di cercare tenacemente ciò che sentiva profondamente radicato dentro. Non sapeva cosa fosse, chi fosse, ma sentiva di doverlo cercare e trovare per essere felice. La verità esiste. La verità è Cristo. Lui ci salva, ci dona la vita, quella vera, ci dona un senso e una prospettiva eterna. Katia è andata oltre gli errori perchè l’amore è più forte di ogni male e quando lo incontri tutto trova senso. Katia ha trovato la strada.

A 17 anni, come tanti ragazzi di quell’età, non credevo in nessun Dio e non avrei mai immaginato che un giorno mi sarei ritrovata a parlare di fede in pubblico. Tutto ha avuto inizio quando, proprio a 17 anni, scoprii di essere incinta di un ragazzo con cui uscivo all’epoca. Mia madre decise che ero troppo piccola per mettere al mondo un figlio e abortii. Entrai però in un periodo di forte depressione, in cui mi sentivo in colpa per non essere riuscita a proteggere quella vita. Fu proprio in quel momento che iniziai a frequentare la parrocchia vicino casa, perché mi sentivo colpevole anche nei confronti di quel Dio in cui non avevo mai creduto prima. Tuttavia il mio cuore era ancora molto lontano da lui e lo immaginavo come un giustiziere, piuttosto che come un padre che mi amava. L’aborto aveva lasciato in me segni indelebili, la relazione con quel ragazzo si era conclusa e io avevo troppa paura di vivere altre relazioni. Fu in questo contesto che iniziai a uscire con delle ragazze e ad avere relazioni omosessuali. Per anni il mio rapporto tra fede e sessualità è stato tormentato, non mi sentivo libera, né accettata da Dio e dalla chiesa, nonostante in parrocchia avessi trovato supporto da parte delle persone. Mi avvicinai così al buddismo della Soka Gakkai, ma sentivo che non era quella la mia strada. In breve tempo abbandonai anche quella direzione. Un giorno scoprii “per caso” che alla mia parrocchia si svolgeva l’adorazione perpetua per un mese, così iniziai ad andarci ogni giorno e ripresi anche ad andare a messa. Un giorno, un gruppo di amici di fede evangelica pentecostale, mi ha invitato a un incontro di preghiera. Io stavo vivendo di nuovo un periodo di depressione, tristezza e mal di testa continui. Mi recai da loro solo per salutarli, non perché fossi davvero interessata. Quando però arrivai, mi sentii subito coinvolta in un clima di preghiera e di pace e finii per rimanere con loro tutto il giorno. Nel pomeriggio, un ragazzo che non conoscevo, salì sul palco e prese la parola. Disse che c’era una ragazza presente in sala e descrisse i sintomi che avevo.

“Vieni sul palco, perché oggi il Signore vuole guarirti!” Disse.

Io cercai di nascondermi tra la folla, mi dissi che forse non parlavano di me, però pensai che volevo accettare veramente Gesù nella mia vita, perché fino a quel momento lo avevo fatto in maniera molto superficiale. Il ragazzo riprese la parola, dicendo che sapeva che avevo appena pensato che volevo accettare Gesù e che, anche se mi vergognavo a salire sul palco, avrebbe pregato per me con tutta l’assemblea e ci invitò a ripetere tutti insieme: “Gesù, io ti accetto come mio Signore e Salvatore …” Avvertii una forte sensazione di calore e da quel giorno sono tornata a stare bene, senza più mal di testa … Iniziai anche a pregare Dio che mi facesse incontrare la persona giusta con cui costruire una relazione vera e poco dopo conobbi Francesco, con cui mi fidanzai pochi mesi più avanti. Francesco non era credente, ma io ho pregato molto per lui e, dopo circa quattro mesi che stavamo insieme, si è convertito. Il 30 settembre 2017 ci siamo sposati e oggi serviamo insieme Dio nel Rinnovamento nello Spirito, che è un movimento carismatico cattolico. Abbiamo deciso di dare lode a Dio e al suo “amore così grande”, scrivendo un libro testimonianza proprio dal titolo “Un amore così grande”. L’opera è in stampa proprio in questi giorni e il ricavato sarà devoluto a un’associazione pro-life.

 

Katia Pellegrinetti

Sposi sacerdoti. Amplesso fonte e culmine. (12 articolo)

Voglio tornare, ora, a quello che è il gesto sacerdotale più importante tra due sposi. Il gesto sensibile e corporeo più importante. Parlo dell’amplesso fisico. Ho cercato di spiegare come ogni gesto di tenerezza e di cura tra me e la mia sposa sia gesto sacerdotale. Il culmine di tutta questa modalità di amare e di essere sacerdoti nel matrimonio, cioè di mettersi al servizio dell’amore e dell’altro nel dono totale di sè, è l’intimità fisica, che esprime nella carne del corpo quell’amore totale che dovrebbe albergare nel cuore. Sono tutto tuo. Sono tutta tua. E’ il mio corpo a dirlo. Il linguaggio della tenerezza espresso attraverso il corpo. Non è solo culmine, ma è anche fonte. Fonte, perchè da lì, da quel dono totale d’amore, riceviamo Grazia nuova, perfezioniamo i doni dello Spirito Santo già ricevuti, e nutriamo il nostro amore naturale. Fonte e culmine. Come in un circolo virtuoso che ci aiuta a entrare sempre di più nella verità di quel gesto e del nostro matrimonio. Il desiderio di cercare questo gesto, di prepararlo bene e di viverlo in modo autentico ed ecologico (secondo la verità del nostro essere uomo e donna) è via di santità per me e Luisa e per tutti gli sposi. E’ una logica conseguenza di tutto quello che è stato detto fino ad ora. Più lo vivo perfettamente e più posso affermare, con la mia vita, con la nostra vita di sposi, quella verità ontologica che ci lega: io e Luisa siamo una cosa sola. Don Renzo Bonetti afferma qualcosa di molto forte: io e Luisa, come ogni coppia di sposi, siamo una nuova creazione, la creazione del noi. Il rapporto fisico esprime nel corpo questa verità ontologica, naturale  e teologica. Ogni tanto sento il desiderio di esprimere alla mia sposa quanto per me sia meraviglioso sperimentare non tanto il piacere fisico, ma proprio questa realtà di essere uno, di essere accolto completamente e di donarmi completamente. Penso a quale miseria si condannano quegli uomini e quelle donne che non comprendono tutto questo. Donne e uomini alla ricerca di sensazioni ed emozioni sempre più estreme. Cercano il piacere con adulterio, scambio di coppia, pornografia, prostituzione fino ad arrivare a pratiche sessuali pervertite e da pazzi. Cercano il piacere sempre più, ma si limitano a quello fisico. Il piacere autentico e profondo viene da una scelta oggi considerata anticonformista. Viene dalla fedeltà alla stessa donna o allo steso uomo per tutta la vita. L’incontro sessuale non è mai routine, ogni volta migliora e si perfeziona, perchè il gesto è arricchito da un amore sempre più completo e profondo. Il piacere fisico non è che una piccola parte di un piacere che abbraccia anima e corpo, tanto da far sperimentare nell’abbraccio dei corpi momenti di eternità e di Dio.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Materialismo o spiritualismo. (11 articolo)

Dobbiamo evitare due pericoli grandissimi, per vivere appieno il nostro sacerdozio sponsale, cioè per essere dono autentico l’uno per l’altra. Sono due opposti. Il materialismo e lo spiritualismo sono entrambi, e allo stesso modo, pericolosi per il nostro matrimonio. Se imbocchiamo una di queste due derive rischiamo davvero di non essere capaci di amarci, o di farlo in modo molto parziale, limitato ed inquinato. Sicuramente poco felice. Padre Raimondo ci ripeteva continuamente di custodire la nostra comunione e intimità coniugale. Di impegnarci a fondo per questo. Vorrei ora provocarvi con una piccola riflessione su ognuno di essi.

Papa Francesco definisce a suo modo il materialismo. Lui parla di mondanità. E’ la stessa cosa. Ci siamo dentro tutti, chi più chi meno, nello spirito mondano. Spirito del mondo. La mondanità è una delle corruzioni principali in cui finiscono gli uomini di Chiesa e anche gli sposi. Quante volte mettiamo davanti alla nostra unione sponsale altro. Io stesso ne ho la tentazione. Possiamo mettere la ricchezza economica, il lavoro, la carriera o chissà cos’altro. Se non abbiamo in testa le giuste priorità cadiamo per forza nel materialismo. Ci illudiamo di raggiungere la felicità attraverso beni materiali o potere sociale ed economico. Dissipando energie e forze per questo. Distruggendo il paradiso che potremmo avere in casa, nel nostro matrimonio. Se cerchi fuori la felicità è perchè non comprendi l’importanza del tuo matrimonio, o forse, stai scappando da esso. Non bisogna per forza pensare alla famiglia di Berlusconi per scovare questa mentalità. Io conosco amiche che hanno optato per scelte coraggiose. Una dottoressa assunta in un ospedale che ha lasciato il lavoro perchè non le consentiva di dedicare abbastanza tempo a suo marito e a suo figlio. Ora lavora in proprio, ha lo studio dentro casa, guadagna molto meno, ma è più felice. Si tratta di priorità nella vita. Questo è solo un esempio, ma ognuno di noi dovrebbe fare un esame di coscienza e verificare con quale priorità considera la famiglia. Non riguarda solo le donne, ma anche gli uomini. Quanto tempo dedichiamo alle attività fuori casa? Quanto di questo tempo è davvero necessario?

Passiamo ora alla seconda grave deriva: lo spiritualismo. Quante coppie saltano su questo. Pensare che il matrimonio non sia soprattutto carnale è gravissimo. Inteso non solo come rapporto fisico, ma come relazione vissuta ed espressa nel corpo. Quando sento dire che l’importante è condividere un’idea di famiglia, andare d’accordo, non avere grandi scontri, collaborare nel lavoro familiare e dividersi i compiti. Che l’importante è andare a Messa, pregare e avere una vita spirituale attiva. Quando sento queste riflessioni sono convinto ci sia qualcosa che non vada in quella coppia. Per carità, sono tutte ottime cose, caratteristiche importanti di una famiglia e di una relazione, ma non vedo il matrimonio. Non vedo nulla di diverso rispetto a ciò che possono sperimentare delle comunità religiose di frati e di suore. Dov’è il dono totale? C’è una pacifica convivenza, ma nulla più. Pacifica finchè non crolla tutto. Il matrimonio o è carnale o non è matrimonio. Senza attenzioni, carezze, baci, abbracci e amplesso non è un matrimonio. Se non si cura questo aspetto diventa una ipocrisia pazzesca. Magari si può fingere di andare d’accordo e che tutto vada bene. Si può trovare anche un equilibrio, ma che nasconde una grande povertà e miseria. L’uomo tende ad evadere nel materialismo. Quindi lavoro, sport, pornografia, adulterio e prostituzione. La donna tende a dedicarsi ai figli, a trovare in loro quell’affetto anche fisico che non trova nel marito.

L’equilibrio sta proprio nell’evitare queste derive, avendo presente due importanti impegni da prendersi:

  1. mettere la famiglia al primo posto, in particolare il coniuge
  2. nutrire il bisogno di tenerezza con tutti i gesti del corpo propri di una relazione sponsale. (naturalmente cambiano anche questi con le varie stagioni della vita)

 

Antonio e Luisa

Marta e Maria nella coppia

Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo accolse nella sua casa. Essa aveva una sorella, di nome Maria, la quale, sedutasi ai piedi di Gesù, ascoltava la sua parola; Marta invece era tutta presa dai molti servizi. Pertanto, fattasi avanti, disse: «Signore, non ti curi che mia sorella mi ha lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». MaGesù le rispose: «Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola è la cosa di cui c’è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta».

Luca 10, 38-42

Questa pagina del Vangelo mi ha sempre colpito, soprattutto immaginandomi Maria seduta ai piedi di Gesù, completamente assorbita dall’ascoltare Nostro Signore.

In questi giorni ho riflettuto calando le due figure delle sorelle nella coppia, mi spiego meglio: molto spesso i coniugi sono molto indaffarati a gestire i figli, la casa, tutte occupazioni legittime, ma il problema nasce quando tutto ciò prende il sopravvento, quando diventa pre-occupazione. Ci viene molto facile essere la Marta della situazione. Purtroppo ci sono situazioni in cui si fa fatica a lasciare il comando della barca a Gesù, penso ad esempio alle famiglie in cui si vive una situazione di disabilità, ma tante altre piccolezze meno degne della nostra attenzione ci assorbono e perdiamo di vista “la parte migliore”, trascuriamo quello che Cristina Epicoco chiama il primo figlio della coppia, cioè il “noi”. Anche i discorsi tra coniugi diventano un elenco o un riepilogo delle cose da sbrigare, non lasciando spazio ad un dialogo vero e costruttivo.

Mi piacerebbe chiedere a Gesù di bussarmi sulla spalla ogni tanto e dirmi: “Marco Marco tu ti preoccupi e agiti per molte cose…”, così mi distoglierei dalle occupazioni quotidiane, non mi porterei il lavoro a casa, che a volte occupa la mia mente, distoglierei la mia attenzione dallo smartphone che sembra diventato indispensabile anche quando sono in casa e sarei più attento, disponibile e amabile per mia moglie e i miei figli.

Tu chi sei? Ciò che vi dico.

Nel Vangelo di oggi c’è questo passaggio, che potrebbe sfilare inosservato, potrebbe scivolare via, ma in tre righe c’è tutto, c’è la nostra salvezza e, nel medesimo tempo, la nostra condanna.

«Tu chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che vi dico. Avrei molte cose da dire e da giudicare sul vostro conto; ma colui che mi ha mandato è veritiero, ed io dico al mondo le cose che ho udito da lui».

Tu chi sei? Sono ciò che dico. In quel momento per Gesù non è importante raccontare chi è lui. Poteva rispondere in tanti modi. Ha voluto sottolineare chi portava lui. Lui ci porta Dio, non lo porta nelle tavole della Legge, ma in se stesso. Chi vede me vede il Padre. Lui incarna tutto ciò che è il Padre. Lui è l’amore incarnato. Io sono la via, la verità e la vita.

Noi uomini siamo bravissimi a cambiare le carte, a rivoltare la frittata. Quante volte ho sentito frasi del tipo: Non è giusto che io debba sopportare questo, Buono si stupido no, Quando è troppo è troppo, Dio mi vuole felice, perchè dovrei sopportare tutto questo, Gesù non ha mai detto questo.

Gesù non ha mai detto questo. Probabilmente è vero che Gesù non ha mai parlato di tante realtà e tante problematiche. Gesù ha fatto molto di più. Ha mostrato cosa significa amare e quello non si cancella, non ci permette di rivoltare la frittata.

C’è quella croce, quei chiodi nella carne, quella corona di spine, quel suo sguardo d’amore che giustifica fino alla fine un popolo che lo ha tradito e abbandonato. Ha perdonato Pietro uno di quelli a lui più vicino. Morendo ha pensato prima a noi che a sè. E’ spirato, non prima di averci affidato sua madre. La sua morte che sembrava la vittoria del male, è stata, grazie al suo dono d’amore, la più grande vittoria del bene. Attraverso quella morte ci ha redento, ha pagato per i nostri peccati.

Noi sposi come facciamo a raccontarci balle se abbiamo negli occhi questa immagine. Quanti sposi fuggono da relazioni spente. Quanti sposi sono logorati dall’orgoglio, dai litigi, dalle prevaricazioni, dalle incomprensioni. Quanti sposi si nascondono dietro la convinzione di essere nel giusto e nella ragione. Cosa si aspetta l’altro se si comporta in quel modo? Io merito più rispetto, e se non lo capisce mi comporterò di conseguenza.

Quante volte mostriamo le nostre miserie e non siamo capaci di amarci ed onorarci. Racconto ora un episodio, l’ho già raccontato spesso, ma lo ripeto per chi non lo conosce ancora. Per me è stato un gesto banale e piccolo, ma di quelli che cambiano la vita. Io non sono stato facile come marito all’inizio. Ero uno di quelli che pretendeva tanto e dava solo se aveva ricevuto. Quanti musi e litigi con Luisa. Dovevo fargliela pagare quando non si comportava come io volevo. Ero un cretino, diciamola tutta.  Un giorno, durante uno dei nostri litigi, la trattai male. Una questione stupida, dove avevo anche torto. Me ne andai sbattendo la porta. Mi aspettavo che fosse offesa e arrabbiata invece, dieci minuti dopo arrivò, con il caffè in una mano mentre con l’altra girava il cucchiaino. Me lo porse con tenerezza e se ne andò. Quel gesto mi lasciò senza parole e mi fece sentire tutto il suo amore immeritato , che andava oltre l’orgoglio, oltre la ragione o il torto e mi mostrò tutta la sua bellezza e forza, facendomi sentire piccolo piccolo. Mi ha ricordato Gesù sulla croce. E’ morta a se stessa per far vivere me, per riempirmi del suo amore. Sono rimasto senza parole. L’ho vista come bellissima e da quel giorno di tanti anni fa ho desiderato di essere capace di amarla come lei mi amava.

Non c’è scampo. Gesù dice Io sono la via, la verità e la vita. E’ vero, l’ho sperimentato. Quella via, passa però, presto o tardi dalla croce. Dalla morte del nostro egoismo e del nostro egocentrismo.

Antonio e Luisa

 

Educarla all’amore

Oggi festa del papà voglio scrivere due parole sul rapporto tra padre e figlia. Io ho la grazia di aver quattro figli per casa. Solo una di questi è femmina. Maria, la mia terza. Oggi ha 11 anni. In questo articolo parlo del mio rapporto con lei e di quello che ho compreso essere importante. Ho una grande responsabilità come genitore maschio nei suoi confronti. Io sono per lei il primo e più importante confronto con il mondo maschile. C’è un rapporto molto stretto tra di noi. Cerca coccole, conferme, tenerezza. Cerca sicurezza e regole. Io che sono il primo ad avere mille dubbi, mille fragilità e mille insicurezze, visto con i suoi occhi sono un super uomo. Sono quello che fa le cose giuste e che protegge la famiglia. Ne è così convinta che quando sbaglio e per nervosismo o rabbia la tratto male, leggo la delusione, e quasi la paura di perdere certezze, nel suo sguardo. Non capita spesso, ma è successo. Per questo è importante ammettere gli errori, anche con i figli. E’ giusto rilevare i comportamenti sbagliati. L’educazione è anche correzione. Non è giusto invece che la nostra incapacità, la nostra frustrazione e la nostra povertà ricada sui figli. Chiedere scusa è il più importante e forse l’unico modo che può colmare la distanza e rassicurare che nulla è cambiato. E’ importante che mia figlia comprenda alcune importanti lezioni e che le assimili. Non sono concetti che posso insegnarle con discorsi o filippiche. Sono verità che può assimilare quasi per osmosi dal mio comportamento.

E’ importante capisca che io sono suo padre, ma che c’è un altro Padre che la ama molto più di quello che riuscirò mai a fare io. E’ importante che capisca che lei è preziosa e merita rispetto. Lei ha una dignità che nessun uomo ha il diritto di calpestare.

In me comprende il Padre

Dio è Padre. Come si può spiegare questo a dei bambini? Non si può. Si può solo mostrare cosa significhi e come si concretizza l’amore paterno di Dio. Per il figlio, in questo caso maschio o femmina non fa differenza, l’idea di Dio è molto influenzata dal rapporto che instaura con il papà. Un padre violento o che non è capace di incoraggiare il figlio porterà il figlio a pensare a Dio con paura e non con fiducia. Un padre incapace di amare il figlio sempre, ma che condiziona l’amore al comportamento o ai risultati del bambino, facilmente porterà il piccolo a farsi un’idea di Dio come qualcuno sempre pronto a giudicare e a condannare. Queste sono convinzioni che si radicano nella profondità delle persone, e che poi, anche da adulti, è molto difficile modificare. Mi rendo conto di questa grande responsabilità che mi è stata affidata da Dio stesso. Nel matrimonio sono consacrato ad essere educatore dei figli, consacrato a riconsegnarli a Lui. E’ un vero è proprio ministero. Per questo è importante chiedere scusa quando si sbaglia. Chiedere scusa a loro e a Gesù. Perchè capiscano che il Padre che tutto può e che non sbaglierà mai è solo Dio.

Da me comprende la sua preziosità

Questo secondo punto non è meno importante del primo. Di questi tempi, forse, è anche più urgente e necessario. Lei deve comprendere da me come una donna deve essere considerata, curata e rispettata da parte di un uomo. E’ importante certamente come io mi rapporto con lei. E’ importante quanto io riesco a darle tenerezza, la giusta parola, mi accosti a lei con la sensibilità dovuta e tutte queste belle e giuste cose. Ma c’è qualcosa di altrettanto importante che lei osserva e di cui si nutre. Lei guarda come io tratto sua madre, la mia sposa. Lei osserva tutte le volte che ci abbracciamo, tutte le volte che ci baciamo, tutte le volte che le faccio un complimento, che la ascolto, che la vedo stanca e cerco di fare di più per sollevarla da qualche impegno. Lei guardando me e Luisa si sta costruendo una sua idea precisa di come dovrà essere la persona da amare. Si sta facendo un’idea di cosa significa amare e essere amati. Si sta costruendo una consapevolezza di quanto sia preziosa in quanto donna. Spero e prego affinché l’amore che cerco di mostrarle ogni giorno,  e l’amore manifestato  tra me e Luisa di cui lei è spettatrice, possa aiutarla a non svendersi a uomini che non hanno nessuna intenzione di amarla, ma solo di usarla. Spero che possa comprendere che nessuno merita il suo dono totale  se non chi mostra di volersi donare a sua volta totalmente a lei nel matrimonio.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Dio è nella coppia. (10 articolo).

Come si può quindi definire il nostro sacerdozio? Cosa significa essere sacerdoti e sposi?Significa che dobbiamo perfezionare sempre più l’unione coniugale che ci lega l’uno all’altra . Significa  custodire la nostra relazione, perfezionare la nostra relazione e di renderla sempre più autentica e perfetta. Significa custodire la comunione d’amore tra noi e i nostri figli quale chiesa domestica. Se non custodiamo la nostra comunità domestica, mettendola al centro delle nostre preoccupazioni, e perdiamo tempo e ci affanniamo in altro, stiamo sbagliando strada. Fatica vana. Badate bene: non significa che non è importante ciò che facciamo al di fuori della coppia e della famiglia. Anzi è importantissimo. E’ però determinante che la sorgente dell’amore, che poi può essere luce per i figli e per la comunità in cui viviamo ed abitiamo, sia nella coppia. La sorgente è Cristo che va ricercato nell’amore sponsale. Amore generato nel noi che diventa tenda di Dio. Il noi abitato dalla presenza reale di Cristo. Il noi che è sacramento perenne. Solo così si può essere nella verità e nel dono autentico. Ricordo padre Raimondo come era duro con certi atteggiamenti sbagliati di alcuni cristiani che frequentavano la sua comunità. Persone che si adoperavano in mille modi nella parrocchia o nel movimento di appartenenza, ma incapaci di amare la propria sposa o il proprio sposo. Gente che cercava gratificazione e soddisfazione al di fuori della coppia perchè incapace di trovarle nella coppia. Non si può trovare Dio fuori se non lo si trova prima all’interno dell’unione sponsale. Trascurare la famiglia per dedicarsi ai gruppi di preghiera o a qualsiasi altra attività di culto significa non esercitare il nostro sacerdozio, ma esercitare quello del prete o della suora. Non è il nostro sacerdozio quello.

Ogni tanto dovremmo ricordarci che Gesù non è solo in chiesa nel tabernacolo. Andate dalla vostra sposa, dal vostro sposo e abbracciatevi. All’interno di quell’abbraccio c’è il noi degli sposi. Quello è luogo sacro, abitato da Gesù vivo e reale, in modo molto simile all’Eucarestia. Questo è un mistero grande. E’ un mistero talmente grande che non ci pensiamo mai. Eppure è proprio così. All’interno del nostro abbraccio c’è Gesù. Il nostro sacerdozio è custodire quella presenza nel dono e servizio vicendevole e tenero. Se non capiamo questo e se non facciamo questo rendiamo vana ogni Messa, ogni preghiera, ogni pellegrinaggio, ogni novena e rosario.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. L’Eucarestia nutre il matrimonio. (9 articolo)

Ci soffermiamo un attimo, ora, al momento in cui partecipiamo alla celebrazione dell’Eucarestia. Da soli o anche in coppia. Vivere l’Eucarestia da sposi non è la stessa cosa che viverla da singoli. Ci sono realtà e finalità diverse che intervengono. La finalità ultima è sempre rispondere all’amore dello Sposo, di Gesù. Quando sono sposato cosa cambia? La risposta d’amore che io do a Gesù passa attraverso la mia sposa. La risposta di Luisa passa attraverso Antonio e viceversa. Quindi quando io mi nutro della presenza viva e reale di Gesù, Lui mi dà quella Grazia, quella presenza rinnovata di sè, affinchè la mia risposta d’amore possa essere ancora più perfetta. Affinché, quindi, io possa amare sempre più profondamente e autenticamente la mia sposa. Non si scappa da questo. Io non posso rispondere all’amore di Cristo se non attraverso la mia sposa. Principalmente attraverso di lei. Il nostro cammino verso il Cielo non è più in solitudine, ma andiamo a mani unite. Non possiamo prescindere da questo. E’ compito della sposa portare a Cristo lo sposo e viceversa. Che non significa costringere o ricattare l’altro ad andare a Messa. Non si ottiene nulla se non il peggiorare le cose. Significa aspettare l’altro se è più indietro. Significa pregare per lui/lei e amarlo concretamente e teneramente di più affinchè vedendo l’amore con cui l’amate possa desiderare di incontrare il vostro Cristo.

A me è successo. Posso testimoniarlo. Ho davvero desiderato Cristo quando ho visto il miracolo che aveva compiuto nella mia sposa. Anche io volevo essere come lei, amarla come lei mi amava. Non si fa proselitismo, ma si contagia per amore e con amore.

La Messa diventa quindi nutrimento per amare di più Gesù in Luisa. Se non comprendo questo sto perdendo tempo.

Mi capita spesso, dopo aver assunto l’Eucarestia, di inginocchiarmi e prendere la mano della mia sposa. E’ un gesto spontaneo. Ha un duplice significato, almeno per me. Significa dire a Cristo: Voglio sempre essere più uno con lei, saldaci sempre più con il tuo Santo Spirito. Significa dire a lei: ti ho affidata a chi ti ama più di me.  

La grandezza del matrimonio non finisce mai di sorprendermi e stupirmi.

Gesù, da quell’attimo importantissimo della nostra vita, in cui ci ha donato l’uno all’altra , ci ama non più solo come Antonio e Luisa, ma ci ama come coppia, e noi a nostra volta ricambiamo il suo amore amandolo insieme, con un solo cuore, nutrendoci di Lui e di noi,  nutrendo l’amore per Lui con il nostro amore sponsale e il nostro amore sponsale con l’amore per Lui.

In questo contesto la mia preghiera, il mio partecipare all’Eucarestia, il mio aprirmi a Gesù diventa salvifico e fonte di grazia e di forza anche per la mia sposa.

In quante situazioni di suo scoraggiamento e sconforto  l’ho affidata nelle mani di Gesù partecipando alla Santa Messa. Noi battezzati siamo tutti legati  gli uni agli altri come i tralci alla vite, ma gli sposi di più. Ricordiamocelo.

Antonio e Luisa

 

Come sigillo sul cuore

Ci siamo. Si parte. Come ho spesso cercato di spiegare, tutta la nostra crescita spirituale e matrimoniale è maturata in un cammino condiviso con tante famiglie. Famiglie che fanno rete, che si aiutano e che sono esempio l’una per l’altra. Un cammino iniziato circa 10 anni fa e che ha dato vita ad una associazione: L’intercomunione delle famiglie (www.intercomunione.it) . Contemplando la bellezza di queste famiglie riusciamo a comprendere meglio la nostra bellezza. Tutte famiglie diverse, ma unite dal desiderio di vivere un matrimonio e un amore pieno.

Quando si vive qualcosa di meraviglioso si desidera condividerlo. Ho creato un blog per raccontare tutta la bellezza che Luisa ed io sperimentiamo. Ho scritto un libro dove racchiudere e sintetizzare le conoscenze sull’amore e sul matrimonio che ci hanno permesso di comprendere, almeno in parte, la grandezza dell’unione sponsale. Avete sempre risposto alla grande. Il blog è attivo da 2 anni circa e conta ben 433000 visite. Il libro è in vendita da settembre ed è stato distribuito in 1000 copie tra versione di carta ed ebook. Sono convinto di una cosa. Il mio merito non è quello di scrivere bene, di essere particolarmente preparato o dotato. Il merito mio e di Luisa, se ne esiste uno, è quello di esserci aperti alla bellezza di una relazione piena. Questo traspare da quello che scrivo. Tutti hanno nostalgia di un amore pieno. Soprattutto in una società come la nostra dove è sempre più difficile trovarlo. La bella notizia è che tutti possono. Basta volerlo e impegnarsi. Prima ancora bisogna capire cosa volere e per cosa impegnarsi. Tutta questa premessa per tornare all’inizio dell’articolo. Ci siamo! Dal 29 aprile al 1 maggio vi aspettiamo ad Angolo Terme, nelle montagne bresciane, per immergervi in questa bellezza. Noi abbiamo cominciato con un corso così. Questo corso ci ha cambiato la vita, in meglio. Dopo questo corso abbiamo capito cosa significa essere sposi, come nutrire il nostro rapporto, quali sono i pericoli da evitare. Come vivere non solo un matrimonio vero, ma soprattutto, un matrimonio felice. Pregheremo, adoreremo, parleremo, insegneremo, ma non solo. Ci saranno tanti momenti per la coppia. Marito e moglie avranno tanto tempo per dialogare su quei temi che cercheremo di provocare. Si parlerà di amore, di tenerezza, di Grazia, di intimità fisica, di cura, di servizio.  Si parlerà dell’amore naturale degli sposi e dell’amore perfezionato dal sacramento. Si parlerà di amplesso come momento di profonda intimità e di amplesso come modalità di riattualizzare un sacramento. Il tutto sarà guidato da noi, ma non solo. Saremo un’equipe di cinque famiglie accompagnate da un sacerdote. Le iscrizioni sono aperte da solo una settimana e già 10 famiglie si sono iscritte. State rispondendo ancora alla grande. Grazie.

La bellezza è attraente. E’ ciò che più desideriamo, tutti, nel profondo. Perchè la bellezza è la caratteristica dell’amore e di Dio.

Il corso è aperto a sposi e anche ai fidanzati (saranno collocati in camere separate)

Si può partecipare anche senza pernottare.

Per informazioni Antonio 3388575865

VI ASPETTIAMO!

Sposi sacerdoti. Sacrificio o sacrilegio (8 articolo)

Oggi, prima di proseguire ed addentrarci ancora di più nella nostra dimensione sacerdotale di sposi, vorrei sul significato di due parole di cui ho già accennato all’inizio di questa serie di riflessioni: sacrificio e sacrilegio. Sono una il contrario dell’altra.

Quando nel nostro matrimonio compiamo un sacrificio? Quando invece un sacrilegio?

Dopo i sette articoli già pubblicati dovreste averne almeno un’idea. Dovreste intuire la risposta.

Noi nel matrimonio siamo consacrati, resi di Dio. La nostra relazione sponsale appartiene a Dio prima che a noi sposi. Certo sta a noi, nella nostra libertà di figli, riconoscere la sua maestà e consegnarci a Lui nella nostra relazione.

Il nostro amore diviene di Dio, per Dio, strumento di Dio, via di salvezza di Dio per noi e per il mondo intero.

Ogni qualvolta riconosciamo questa realtà e rendiamo sacro il nostro amore attraverso gesti d’amore, di servizio, di accoglienza e di tenerezza l’uno verso l’altra, stiamo facendo un sacrificio. Non servono spesso grandi gesti. A volte vengono richiesti, ma non a tutti. Dio chiede però a tutti di amarlo nell’altro. Gesti semplici, concreti, ordinari di una vita insieme. Io stesso, spesso, sono “stressato” dagli impegni che la famiglia mi richiede. Mi innervosisco e mi agito. A volte ho voglia di mandare tutti a quel paese. Ma poi, basta poco: un pensiero. Penso a quello che sto scrivendo in queste righe. Penso alla mia sposa, alla mia famiglia e a Dio. Penso che mi viene chiesto di amarli nel servizio. Di amarli concretamente in servizi, che mi pesa fare, ma che sono importanti per prendermi cura e servire l’amore e la mia famiglia. Così diventa tutto più leggero. C’è un’altra consapevolezza. C’è gioia, senso e pace. E’ così, che pulire casa, fare una carezza o un sorriso allo/a sposo/a, cambiare un pannolino, fare la spesa, fare il tassista, e tantissimi altri gesti che compiamo ogni giorno, diventano gesti sacri, gesti per Dio e di Dio.

Jovanotti in una sua canzone esprime benissimo questo concetto. Non so quanto consapevolmente, ma forse, qualcosa sull’amore lo ha capito da solo facendone esperienza. Nella canzone A te dice: A te che riesci a render la fatica un immenso piacere.

E’ esattamente così. La fatica diventa bella e piena di significato, perchè diventa modo per vivere la nostra vocazione, per esercitare il nostro sacerdozio.

Ogni qualvolta invece,  io non sono accogliente, non mi metto al servizio, ma voglio usare la mia sposa ed essere servito. Quando non abbiamo cura l’uno dell’altra, quando non dimostriamo il nostro amore, o peggio, tradiamo l’amore per lo/a sposo/a, stiamo commettendo un sacrilegio.

Sacrilegio è infatti  rubare qualcosa a Dio per farne cosa nostra. Per farne cosa finalizzata al nostro egoismo ed egocentrismo. La nostra unione quando non è resa sacra dal nostro modo di viverla viene rubata a Dio, viene dissacrata, compiamo un vero e proprio sacrilegio. L’adulterio ne è l’esempio più evidente. Don Leonardo Maria Pompei, in una catechesi disse: Compiere adulterio equivale a prendere l’Eucarestia e gettarla nel fango. Immagine molto forte, ma che io condivido.

Quanti sacrilegi compiamo ogni giorno?

Sta a noi cercare di essere con la nostra vita sacrificio e non sacrilegio.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Amplesso gesto sacerdotale. (7 articolo)

L’essere sacerdoti degli sposi è condizione necessaria per instaurare il sacramento del matrimonio stesso. E’ condizione fondante per essere sposi in Cristo. Dal 72 al punto 75 di Amoris Laetitia il Papa ci dice questo. Gli sposi esercitano il loro sacerdozio durante tutto il rito del matrimonio. E’ gesto sacerdotale quando si promettono amore incondizionato, fedele e per sempre ed è altrettanto gesto sacerdotale quando confermano la promessa con l’unione dei corpi durante il primo amplesso fisico dopo il matrimonio. Se non si comprende questa realtà non si può comprendere neanche perchè la Chiesa ammetta l’unione fisica solo nel matrimonio. Non perchè la Chiesa sia sessuofoba, come tanti pensano. Al contrario. La Chiesa ha un’altissima considerazione dell’intimità fisica. Ne riconosce un gesto sacro, un gesto sacramentale nel quale gli sposi donandosi totalmente in anima e corpo si fanno mediatori l’uno dell’altro dell’amore di Cristo che ha dato tutto se stesso per noi. Chi conosce queste realtà e le ha sperimentate non può ritenere innocue e giuste pratiche come rapporti prematrimoniali, pornografia, masturbazione, adulterio e tutte queste belle cose che la società odierna cerca di normalizzare. Il fatto che lo facciano tanti non rende questi gesti buoni, ma evidenzia solo la povertà in cui viviamo. Realtà come Cuori Puri, Purex o altre esperienze simili non sono una pittoresca manifestazione di giovani strani. Sono giovani che rifiutano questa nuova banalizzazione del corpo e del sesso e vogliono recuperare la bellezza di una relazione autentica. Torniamo ora a noi sposi. Facciamo un passaggio ulteriore. Conseguenza logica di quello che abbiamo scritto fino ad ora cos’è? Se l’amplesso è gesto sacerdotale per confermare il matrimonio durante il rito, poi non lo è più? Lo è ancora! Eccome se lo è! Ricordiamolo! Ogni volta che ci doniamo l’uno all’altra nell’intimità fisica stiamo esercitando il nostro sacerdozio. Ogni volta che viviamo l’intimità fisica rendiamo presente nuovamente quella realtà che ha instaurato il nostro sacramento.  Rendiamo nuovamente attuale e presente l’offerta totale che ci siamo fatti l’uno all’altra. Non vi ricorda nulla tutto questo? Ricordate che noi siamo immagine e ricordiamo l’amore totale di Gesù sulla croce? Come si riattualizza quella realtà? Nell’Eucarestia. Ogni Eucarestia si rende di nuovo attuale e presente quel sacrificio di Cristo. Cristo morto sulla croce una volta sola, ma il cui sacrificio è reso attuale e reale nuovamente in ogni Messa. Così noi sposi, ogni volta che ci uniamo totalmente in cuore, anima e corpo riattualizziamo il nostro matrimonio. Capite ora perchè Eucarestia e matrimonio sono spesso accostati e messi in relazione? L’uno ci spiega l’altro e viceversa. Come nell’Eucarestia lo Spirito Santo entra in noi, così nell’amplesso fisico degli sposi c’è una nuova effusione dello Spirito che rinnova e perfeziona i dono di Grazia che abbiamo ricevuto il giorno del nostro matrimonio. Non solo il rapporto fisico è gesto sacerdotale per noi sposi. E’ il gesto che più lo esprime. Ricordiamo però, che seppur l’amplesso fisico è il vertice sensibile del dono vicendevole, ogni gesto, parola o atteggiamento di dono verso l’altro è gesto sacerdotale.

Antonio e Luisa

 

Sposi sacerdoti. Una meraviglia da ritrovare. ( 6 articolo)

Dopo queste prime riflessioni potremmo azzardare una definizione sul nostro ruolo sacerdotale di sposi: siamo sacerdoti dell’amore. Cerchiamo quindi di rischiararci le idee su cosa significhi amore e amare nella realtà cristiana. Sappiamo che questa parola è abusata e inflazionata e può acquisire significati molto soggettivi e diversi tra di loro. Per un cristiano non può essere così. Abbiamo visto come il gesto più alto di amore di Gesù, gesto sacerdotale, sia stato il suo dono totale sulla croce. Dono accolto dalla sua Chiesa, da ognuno di noi. L’amore è quindi: Un donarsi ed accogliersi reciproco di due persone, che determina un’unione profonda coinvolgente la totalità del loro essere, cioè cuore anima e corpo, in modo diverso secondo la finalità del dono. Capite bene che un amore di amicizia è diverso da quello tra fidanzati, tra genitori e figli, tra sposi e così via. Sono diversi i gesti, le modalità e l’intensità. Questo è il significato oggettivo e naturale della parola amore. Una riproduzione creata in ombra a quella divina. Tutte le diverse relazioni d’amore che possiamo intrecciare con altre persone mirano a rispondere al desiderio di socialità. Solo l’amore sponsale (nel quale inserisco anche la chiamata al sacerdozio o alla vita consacrata) risponde al desiderio di sessualità. Desiderio che richiede un’unione totale, fedele, feconda e indissolubile con una persona complementare e diversa da noi. Dio ci ha donato un libro dove ci insegna ad essere sacerdoti, si fa maestro dell’amore sponsale. E’ il Cantico dei Cantici. Ecco perchè questo libro della Bibbia sarà la base delle nostre riflessioni una volta terminata questa lunga introduzione. Dobbiamo farci provocare e interrogare dal testo. Noi siamo a livello di quanto descritto? Viviamo quel tipo di amore naturale, anche erotico e carnale, che è la base dell’amore soprannaturale e la Grazia del nostro sacramento? Non dobbiamo avere la presunzione di essere troppo spirituali. Spesso fare voli pindarici, scappare nella spiritualità, nella preghiera e nella trascendenza nasconde una incapacità di farsi dono nel corpo. Non si può costruire una casa dal tetto. Bisogna partire dalle fondamenta e poi si potrà arrivare anche al tetto. Se l’amore naturale è il concetto che ho espresso sopra, cosa sarà l’amore dei figli di Dio? L’amore dei battezzati e dei consacrati nel matrimonio? E’ l’amore naturale perfezionato, aumentato, plasmato dal fuoco consacratorio dello Spirito Santo. Capite bene che se non abbiamo consolidato, compreso e vissuto l’amore naturale non esiste la base per l’azione dello Spirito Santo nella nostra unione sponsale. Dio ci rende capaci di amare come Lui si ama nella Trinità. Sposi icona della Trinità. Certo non siamo che una pallida immagine finita e imperfetta. Assumiamo però lo stile di Dio. Se, però, ci impegniamo e  ci abbandoniamo a Dio. Capite bene che noi, come genere umano, siamo stati creati per amare così. Siamo creati ad immagine di Dio. Il peccato originale ha distrutto questa armonia creata che da soli non possiamo recuperare, ma che con la Grazia del sacramento, possiamo rivivere nella nostra relazione sponsale. Il Cantico dei Cantici esprime pienamente l’amore delle origini, di cui noi abbiamo nostalgia e che possiamo conquistare con il matrimonio. Il Cantico dei Cantici, secondo alcuni esegeti, è la prosecuzione della Genesi. Ricordiamo che Adamo esclama: Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna perché dall’uomo è stata tolta.

Non sappiamo la risposta di Eva. La possiamo però trovare nel Cantico dei Cantici dove ritroviamo quella meraviglia e quello stupore di Adamo. Meraviglia e stupore recuperati.

Adesso stiamo davvero entrando in concetti meno astratti e più concreti. Stiamo entrando nella bellezza del nostro essere sposi che si esprime in un modo di amare, in atteggiamenti e gesti, che diventano non solo gesti d’amore, ma gesti sacerdotali.

Antonio e Luisa

Per Grazia siamo salvi!

Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati,
da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia infatti siete stati salvati.
Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù,
per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.
Per questa grazia infatti siete salvi mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio;
né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene.
Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone che Dio ha predisposto perché noi le praticassimo.

Ero morto è vero. Non ero capace di amare. Ci provavo. Ero debole, il mio egoismo mi dominava. Ero innamorato di Luisa. Cosa significa? Ero innamorato di ciò che mi provocava, del fatto che mi facesse stare bene, delle emozioni e delle sensazioni che mi provocava. Ero innamorato del suo essere donna e di quanto fosse diversa da me. Ero innamorato del suo modo di pensare e del suo atteggiamento così diverso dal mio. Ero innamorato per le carezze, i momenti di dialogo e di condivisione. Ero innamorato dei momenti speciali. Non c’è nulla di male in questo. Anzi credo che sia storia comune a tanti giovani innamorati. C’è però un grande pericolo in tutto questo. Il centro ero io. Ero completamente centrato su di me. Lei era funzionale alla mia felicità prima che io alla sua. La stavo usando in un certo senso.

Il matrimonio non è questo. Questo atteggiamento può andar bene per qualche tempo finchè tutto fila. Finchè non si trova qualcun’altro/a che ci piace di più e che ci provoca sensazioni ed emozioni più forti. Con questo atteggiamento e mentalità ci abituiamo a prendere prima che a dare. E se diamo è solo per poi poter incassare. Siamo completamente fuori dall’amore autentico. Viviamo immersi in un tenerume finto fatto di gesti e parole frutto di quel sentimentalismo e spontaneismo tipico di chi sa solo prendere e confonde l’egoismo con l’amore.

Mi sono sposato immerso in tutto questo. Avevo iniziato si un cammino di purificazione, ma ne ero ancora influenzato.

Il matrimonio dona forza, dona lo Spirito Santo che plasma le persone degli sposi. Il matrimonio chiede il per sempre perchè diventi una sicurezza e non una catena. Il matrimonio, se compreso e vissuto in modo pieno, non permette la fuga. Chiede una continua educazione. Ci chiede continuamente di impegnarci, ma impegnarci davvero. Completamente. Ci chiede volontà, tempo, cura, umiltà, capacità di accogliersi e di donarsi. Ci chiede di aspettarci e perdonarci. A volte sembra davvero difficile farlo. Ma non è nelle nostre capacità che dobbiamo fondare la nostra fiducia, ma sui doni che Dio ci ha gratuitamente dato nel matrimonio. Un corredo di Grazia, forza e perseveranza che ci rendono super. Tutto gratis perchè c’è chi ha pagato per noi. Gesù Cristo è morto in croce per noi. Dalla ferita del suo costato sono usciti acqua e sangue. Spirito Santo e vita che riempiono il nostro matrimonio e ci rendono capaci di amarci in modo autentico. Ora sono ancora innamorato della mia sposa, più di prima, ma ciò che davvero conta è che sto imparando ad amarla.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Nasce una piccola chiesa. (5 articolo)

Secondo la tradizione latina della Chiesa, nel sacramento del matrimonio i ministri sono l’uomo e la donna che si sposano,[70] i quali, manifestando il loro mutuo consenso ed esprimendolo nel reciproco dono corporale, ricevono un grande dono. Il loro consenso e l’unione dei corpi sono gli strumenti dell’azione divina che li rende una sola carne. Nel Battesimo è stata consacrata la loro capacità di unirsi in matrimonio come ministri del Signore per rispondere alla chiamata di Dio.

Ripartiamo dalla prima parte del punto 75 di Amoris Laetitia. Il Papa conferma quanto ho cercato di spiegare fino ad ora. I ministri sono l’uomo e la donna in virtù del battesimo che li ha abilitati a donarsi in Gesù. Ad essere sacerdoti. Senza battesimo gli sposi non potrebbero essere ministri del loro matrimonio. Come esercitano il loro ministero nel sacramento del matrimonio? Con la promessa che esprime la volontà del cuore e con l’amplesso fisico che conferma nella carne la volontà di essere uno. L’amplesso fisico è gesto sacerdotale e gesto sacro attraverso il quale gli sposi esprimendo il loro consenso nel corpo ottengono i doni del sacramento. Ottengono un’effusione di Spirito Santo che plasma e modifica i doni battesimali già ricevuti per renderli funzionali e finalizzati alla loro nuova condizione. Li rende capaci di amarsi come Dio. Serve quindi il consenso dei cuori e anche del corpo perchè il dono deve essere totale. Ricordo che noi sposi riproduciamo, nella nostra condizione umana limitata. il dono totale di Gesù da cui è nata la Chiesa. L’amore sponsale di Gesù verso la sua Chiesa. Il matrimonio di Cristo con ognuno di noi. Ecco perchè quando gli sposi si donano totalmente nel matrimonio nasce una nuova Chiesa: la piccola chiesa domestica. La Chiesa cosa è? E’ Cristo, il capo, insieme a tutte le sue membra. Lui è il capo e noi le membra.  La Chiesa è generata dall’offerta libera, totale e incondizionata di Gesù ad ognuno di noi e dalla risposta che noi liberamente diamo a quell’amore così grande. Cosa succede quando lo sposo, in cui abita Cristo, si offre alla sua sposa (e viceversa naturalmente)? E la sposa accoglie e ricambia l’amore del suo sposo? Cristo, attraverso lo sposo, si sta donando a quella sposa. La sposa sta accogliendo Cristo nel suo sposo e con il suo sposo. Ecco, perchè nasce una nuova piccola Chiesa. Un miracolo che avviene in ogni matrimonio. Da quel momento nella nostra piccola chiesa abiterà Cristo. Saremo dimora di Cristo. Quando ho sposato Luisa Gesù ha posto dimora nella nostra casa, nella nostra relazione. Da quel momento siamo diventati sacramento perenne. Dimora stabile di Gesù vivo e reale. Quanti conoscono questo mistero immenso? Quanti lo meditano? Una realtà così grande che dovremmo piangere di gioia ogni volta che ci pensiamo. Ma non ci pensiamo mai probabilmente.

Antonio e Luisa

Sposi sacerdoti. Un’offerta d’amore. (4 articolo)

Ricordando tutti i precedenti articoli aggiungiamo un ulteriore tassello. Entriamo molto lentamente nel mistero sponsale. Nel sacramento del matrimonio lo Spirito Santo agisce sul nostro battesimo, sui doni che abbiamo ricevuto e sulla realtà che stiamo vivendo. Anche, di conseguenza, sul nostro sacerdozio comune. Vivremo la nostra dimensione sacerdotale con finalità nuove, non più come singole persone, ma come sposi. Il nostro sacerdozio avrà caratteristiche nuove.  Nel momento in cui noi ci sposiamo, attraverso la  promessa espressa con le parole e sigillata nel primo rapporto fisico ecologico, stiamo offrendo tutto noi stessi alla nostra sposa o al nostro sposo. Stiamo esercitando il nostro sacerdozio comune. Per questo possiamo essere ministri del nostro matrimonio. Il sacerdote è solo un testimone. Attraverso la promessa, mi faccio mediatore tra Dio e l’uomo. E’ Dio che mi sta donando alla mia sposa e viceversa.  Eccomi. Sono tuo. Offro la mia vita per te e a te. Come sono chiamato a farlo? Come Gesù! Non ci deve essere niente nella mia vita che io sottraggo a questo dono. La mia vocazione e santità matrimoniale si gioca prevalentemente su questo aspetto. Devo impegnarmi affinché riesca a donarmi in modo sempre più completo e perfetto alla mia sposa e, naturalmente, ad accogliere il suo dono per me. Tanto più progrediamo in questo è tanto più diventiamo santi perchè rispondiamo alla nostra chiamata. Chiamata all’amore. Questo vivere e condividere questa dinamica d’amore tra gli sposi diventa una luce meravigliosa per i figli e, a seguire, per tutte le persone. Possiamo essere luce. Una coppia di sposi che si ama davvero, in modo autentico, suscita stupore e nostalgia di vivere un  amore così, in tutti, che siano credenti o no. Non fa differenza. Suscita speranza. In un mondo che irride il per sempre e che vive nel disincanto,  una coppia che si ama davvero suscita speranza. Allora è possibile. 

Antonio e Luisa.

Sposi sacerdoti. Gesù ci sposa sulla croce (3 articolo)

Dopo la doverosa e indispensabile premessa cercherò ora di addentrarmi nella nostra specifica dimensione sacerdotale. Come gli sposi vivono e esprimono il loro essere sacerdoti.  Gesù, abbiamo visto è l’unico ed eterno sacerdote. La sua dimensione sacerdotale si concretizza nel dono di sè. Dona tutto se stesso. Dove? Sulla croce. Sulla croce Gesù fa offerta di tutto se stesso. E’ offerente, ma è anche offerta.  E’ mediatore presso Dio: dà tutta la sua vita per la nostra salvezza. L’offerta di Cristo non deve essere vista solo in senso negativo, come espiazione. Prende su di sè tutto il peccato per riscattare la nostra salvezza. Cerchiamo di scorgere in questo momento un estremo e bellissimo gesto d’amore. Gesù ci sta amando. Dietro il significato di espiazione c’è un altissimo e supremo amore. Un amore incondizionato e totale. Non c’è gesto più grande, che Dio ci abbia donato per esprimere il suo amore, della croce. In quel momento Dio nel Figlio ci sta amando fino alla fine. Nel Vangelo troviamo scritto Non c’è Amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Gesù sta facendo esattamente questo.

Che caratteristiche ha l’amore di Gesù? E’ un amore totale. Quindi è un amore sponsale. In quel momento Gesù manifesta la sua sponsalità, il suo desiderio di unirsi sponsalmente, in modo totale, definitivo e per sempre, ad ognuno di noi. La nuova ed eterna alleanza. Vi invito, da adesso in poi, a meditare le prossime parole che dirò guardando alla croce, a Gesù che è lo sposo divino che, attraverso il suo sacrificio, vuole unire a sè la Chiesa, ognuno di noi, in un patto d’amore eterno, in un patto sponsale. Sta a noi accogliere questo dono e dire il nostro sì. Capite ora come la nostra sponsalità, il sacramento del matrimonio sia molto legato al sacerdozio di Cristo e al mistero della croce? Efesini 5 esprime esattamente questa realtà di Dio, questo patto sponsale tra Gesù sposo e la sua Chiesa sposa:

E voi, mariti, amate le vostre mogli, come Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei.

Proseguiamo e aggiungiamo un tassello. Noi, abbiamo visto, facciamo parte del sacerdozio di Cristo attraverso il battesimo. Cosa significa? Tutti i gesti che possiamo compiere nella nostra vita da battezzati, offrendoli come gesti d’amore a Gesù,  sono gesti sacerdotali. In quel momento stiamo esercitando il nostro sacerdozio. Il nostro lavoro, il nostro impegno, le nostre difficoltà, le nostre parole, le nostre opere e tutto quello che facciamo, se fatto con amore autentico e offerto a Gesù, esprime il nostro sacerdozio.

Chiara Corbella, a questo proposito, non riuscendo a curare la preghiera come avrebbe voluto, trovò una modalità bellissima per vivere il suo sacerdozio:

Le giornate volavano via senza riuscire a pregare molto; in generale sembrava di combinare poco. (…) Un giorno Cristiana trovò su una rivista cattolica un articolo intitolato Il cantico della cucina. Vi lesse che il matrimonio consacra tutto nell’amore e che ogni cosa che si fa per amore dello sposo è dono di sè, più importante di mille preghiere. <“Pulisco per terra in ringraziamento di…. Rifaccio il letto in offerta per questa situazione….” e cose così. Lo girò immediatamente a Chiara, a cui piacque molto. Da quel giorno occuparsi della casa diventò preghiera. Incredibilmente questo tipo di preghiera funzionava.

Avete capite cosa intendo? Non sono concetti campati in aria, ma molto terreni e concreti. Il nostro ruolo sacerdotale è il nostro rispondere al desiderio di Dio Attraverso i gesti d’amore compiuti verso il prossimo dovremmo (poi la realtà spesso è un’altra) portare l’amore di Dio al mondo e portare il mondo a Dio. Il battesimo ci abilita ad essere sposi di Cristo, cioè a vivere il nostro rapporto con lui come quello che possiamo sperimentare e osservare nell’amore di un uomo e una donna.

Nei prossimi articoli ci addentreremo ancora di più nella nostra specifica condizione di sposi.

Antonio e Luisa

 

 

 

Sposi sacerdoti. Popolo sacerdotale (2 articolo)

Scusate la pesantezza di questi due primi articoli, ma è necessario fare delle premesse. Non si capisce il significato di certe riflessioni che farò più avanti senza questa introduzione.

Popolo sacerdotale. Che parolona. Cosa significa? Come lo siamo? Noi siamo popolo sacerdotale perchè apparteniamo a Gesù. Voi siete gente santa. Popolo di sua conquista. Noi siamo membra. Dal capo le qualità vengono trasmesse a tutte le membra. Anche il sacerdote ministeriale o ordinato, diventa sacerdote in Gesù. Ogni persona è sacerdote dal battesimo. Certo, sacerdozio comune, da non confondere con quello ordinato (hanno funzioni molto diverse), ma ha questa caratteristica in sè. Siamo come incorporati in Gesù. Il nostro sacerdozio è dono del battesimo. Gesù Cristo, l’unico ed eterno sacerdote della nuova alleanza, non è entrato nel santuario fatto da mani d’uomo, ma nel Cielo stesso, per comparire ora al cospetto di Dio in nostro favore (dalla lettera agli Ebrei).

Gesù è sacerdote sempre, lo è anche oggi, non solo quando era sul Calvario. Lo è sempre. Anche adesso. Ogni sacrificio che noi celebriamo è Gesù che lo celebra in noi e attraverso di noi. Gesù è sempre l’attore principale di ogni liturgia che onora il Padre.

Quali sono quindi in sostanza le caratteristiche del popolo sacerdotale, del popolo di Dio?

Non appartiene a nessun popolo della terra. Nella nuova alleanza non esiste un popolo precostituito eletto, come erano gli ebrei, ma si diventa parte del popolo di Dio per dono, attraverso il battesimo e l’adesione alla fede. Potremmo dire che la cittadinanza non si acquisisce per ius sanguinis. Non basta che noi genitori chiediamo il battesimo per i nostri figli. Loro non appartengono al popolo di Dio perchè sono nostri figli. Hanno bisogno di dire il loro si a Dio. Devono dire a Dio tu sei il mio Signore. Si diventa parte del popolo di Dio non attraverso la nascita biologica, ma attraverso la rinascita dall’alto. Attraverso l’acqua e lo Spirito Santo.

Il popolo di Dio ha per capo Gesù, il Messia, l’Unto. Poichè questa unzione scorre dal capo al corpo, alle sue membra, anche noi diventiamo popolo messianico. Anche noi siamo unti dallo Spirito Santo che abita dentro di noi.

Il popolo di Dio ha per condizione la libertà e la dignità dei figli di Dio.  Ai fidanzati dobbiamo avere il coraggio di dire con forza: Guarda che ti devi sposare da figlio di Dio e non da mendicante in cerca di un po’ di amore. La guarigione cerca di ottenerla prima di sposarti. Non ti sposi chiedendo ad un lui o ad una lei di riempire il tuo estremo bisogno di amore. Ti sposi perchè ricco e consapevole dei tesori che hai dentro ne fai dono. Lo Spirito Santo ci fa figlio o figlia di re. E’ lo Spirito Santo che mi dà dei carismi. E’ lo Spirito Santo che mi rende forte.

Il popolo di Dio ha una legge. E’ il comandamento dell’amore. Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi dice Gesù. Il popolo di Dio ha per missione di essere sale della terra e luce del mondo. Sale perchè, come il sale rende buono il cibo, noi dobbiamo rendere buona la vita su questa terra. Costituisce per tutta l’umanità un germe di unità, di speranza e di salvezza.

Ricapitolando: Gesù è sacerdote, re e profeta. Tutto il popolo di Dio, appartenendo a Cristo, partecipa di queste funzioni. Ognuno di noi si può, a ragion veduta, dichiarare re, sacerdote e profeta. Come sacerdoti siamo mediatori, con le caratteristiche del nostro stato, tra Dio e gli altri. Nel matrimonio ci doniamo l’uno all’altra proprio grazie al nostro essere sacerdoti. Possiamo impartire benedizioni al nostro sposo o sposa e ai nostri figli. Siamo sacerdoti della nostra piccola chiesa domestica. Siamo re perchè attraverso lo Siprito Santo possiamo riacquistare la nostra dignità. Non abbiamo bisogno di compromessi e si svenderci perchè la sorgente dell’amore è Dio stesso e non un’altra persona. Siamo infine profeti perchè mostriamo al mondo come Dio ama.

Ci soffermeremo nei prossimi articoli sul nostro essere sacerdoti come sposi.

Antonio e Luisa

 

 

 

Sposi sacerdoti. Introduzione (Primo articolo)

Oggi inizia un nuovo percorso, una nuova serie di articoli per cercare di approfondire una realtà poco nota del nostro essere sposi. Attraverso il matrimonio le realtà battesimali, che ci hanno abilitato ad essere Re, profeti e sacerdoti come Gesù, vengono perfezionate ed indirizzate al nostro nuovo stato di vita. Approfondiremo il nostro essere sacerdoti. Gesù primo ed unico sacerdote che offre se stesso per la salvezza di tutti, abilità in virtù del battesimo i sacerdoti ordinati a celebrare l’Eucarestia e i sacramenti e noi sposi, ad essere sacerdoti nel nostro matrimonio. Cercheremo con questa serie di articoli di spiegare cosa significa e come si concretizza tutto questo. Queste riflessioni traggono spunto dal corso che si è svolto al Gaver nell’estate del 2016 Ringrazio i relatori di quel corso: padre Francesco Bocchi, Andrea e Lorena Guerriero, Emanuele e Luisa Bocchi.

Serve prima, però, un’introduzione. Ci sono parole che hanno la stessa radice: sacerdote, sacro, sacrificio, sacramento, consacrazione ecc. Sono tutte strettamente legate tra di loro. Vi siete mai chiesti da dove nasce la radice che forma tutte queste parole? E’ nata dai nostri antenati della penisola italica. Vicino Roma, ma anche altrove. C’è una parola latina: Sacer. Deriva dal verbo secare che non significava altro che segare, tagliare.  Sacrato significava ritagliato. Sacer era un quadrato di terra sulla cima di un monte riservato all’uso di Dio. I nostri antenati pensavano che Dio (o gli dei)  abitasse in Cielo. Un po’ come diciamo anche noi. Il cielo era il luogo dove Dio abitava e la montagna, di conseguenza, il luogo più vicino a Dio. Una delle coniugazioni latine  di sacer è sacrum. Da sacrum giungiamo facilmente al nostro termine sacro. Sacro era qualcosa, quindi, riservato a Dio.  Il sacer era terra di Dio. Terra inibita all’uomo. La persona che entrava, che era abilitata ad entrare, era il sacerdote. Sacerdote era colui che svolgeva un ruolo di mediazione tra Dio e l’uomo, offriva a Dio e donava le cose di Dio agli uomini. Tutti i doni che venivano offerti a Dio erano il sacrificio: animali, frutti, manufatti ecc.  La parola consacrazione cosa vorrà invece dire? Semplicemente rendere sacro qualcosa. Renderlo di Dio. Donarlo a Dio. Per questo, all’epoca, erano sacri i coltelli con il quale compiere il sacrificio o le pietre sulle quali immolare gli animali. Idea comune a tante popolazioni antiche. Anche le persone potevano essere consacrate. Riservate all’uso di Dio. Ecco perchè anche oggi si consacrano chiese, persone, libri e anche il matrimonio consacra. Gli sposi sono consacrati. Riservati all’uso di Dio. Il sacramento cosa è? Gesti, parole, azioni che hanno un significato sacro. Un segno di una realtà che sta al di là, segno di qualcosa che non vedo. Anche sacrilegio deriva da tutto questo. Il sacrilegio significa rubare qualcosa a Dio. Usare un luogo sacro per fare altro è un sacrilegio.  Significa sottrarlo a Dio. Per noi cristiani il vero sacerdote è Gesù. Unico ed eterno sacerdote. E’ Gesù, che come è scritto nella lettera agli ebrei, è entrato nel santuario del Cielo. Gesù, vero uomo e vero Dio, è mediatore tra noi e Dio. Porta la nostre istanze a Dio e i doni di Dio a noi. Porta la Grazia e la misericordia di Dio ad ognuno di noi. Gesù unico sacerdote e mediatore, che con la sua morte e il suo sacrificio, ci ha meritato della Grazia e del perdono di Dio. Non solo! Ci ha dato quella realtà misteriosa che è la terza persona della Trinità che abita dentro di noi: lo Spirito Santo. Quindi noi, grazie a Gesù sacerdote e al suo sacrificio, diventiamo dimora di Dio. Ci ha reso popolo sacerdotale. Nel prossimo articolo vedremo cosa significa

Antonio e Luisa

 

Siamo cambiavalute?

Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe, e i cambiavalute seduti al banco.
Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi…

Oggi voglio soffermarmi su questo passaggio tratto dal Vangelo proclamato domenica. Cosa ci può dire a noi sposi questo Vangelo? Noi, nel nostro matrimonio, desideriamo rispondere all’amore di Dio o siamo dei cambiavalute?

Tutta la prospettiva cambia. Non si scappa! Essere cambiavalute significa dare un prezzo alla nostra fede. Quanti lo fanno?

Vado a Messa però tu Dio mi devi dare quel lavoro, prego però tu Dio mi devi alleggerire da questo peso. Dio ti voglio bene finchè mi servi. Finchè fai quello che io voglio. Finchè, come un amuleto, mi preservi da dolore, dalla malattia e dalla sofferenza. Questa è la mentalità che abita la nostra vita. Un dio sottomesso alla nostra volontà. Un dio di cui ci serviamo per disinnescare le paure della nostra fragile esistenza.

Non funziona così. Chi davvero ha incontrato Cristo ha un altro tipo di atteggiamento. Ha una fede autentica. Chi ha incontrato Cristo si abbandona alla Sua volontà, perchè è sicuro di essere amato. Affronta la prova, non nel risentimento verso Dio, ma nell’abbandono e nell’offerta. La sofferenza resta, Gesù non è sceso dalla croce. ma ha tutto un altro significato e valore.

Quando scrivo questi pensieri ho una stretta al cuore. Le accetto con la testa, ma c’è il mio cuore che continua a dirmi che non ce la farò mai. Che non è per me. Che nel mio intimo desidero che Dio mi tolga ogni sofferenza e ogni pena. Non è possibile. Non  è possibile perchè la morte, la malattia, la sofferenza abitano la vita di tutti e prima o poi ci si deve fare i conti, e non è possibile perchè il nostro Dio non è così, non ci evita la prova, ma ci accompagna e ci sostiene in essa.

Per questo esistono santi che possono dare speranza. Possono dirti che anche tu ce la puoi fare, che anche io posso. Chiara Corbella era una ragazza, una sposa e una madre normale. Aveva la sua vita di preghiera, amava il suo sposo, ma aveva fragilità e difetti come tutti. Questo è quello che si può comprendere dalle testimonianze di chi l’ha conosciuta da vicino e leggendo i libri su di lei. Cosa la rendeva straordinaria, diversa dalla maggior parte di noi? L’abbandono fiducioso a Dio e al suo sposo.  Ha chiesto, come tutti la guarigione, non era una matta, ma poi si è fidata e affidata.

Enrico Petrillo, marito di Chiara, in un’intervista disse:

Anche attraverso le vite dei nostri figli (i primi due sono morti a pochi minuti dalla nascita per malformazioni gravissime ndr)  abbiamo scoperto che la vita, trenta minuti o cent’anni, non c’è molta differenza. Ed è stato sempre meraviglioso scoprire questo amore più grande ogni volta che affrontavamo un problema, un dramma. In realtà, noi nella fede vedevamo che dietro a questo si nascondeva una grazia più grande del Signore. E quindi, ci innamoravamo ogni volta di più di noi e di Gesù. Questo amore non ci aveva mai deluso e quindi, ogni volta, non perdevamo tempo, anche se tutti intorno a noi ci dicevano: “Aspettate, non abbiate fretta di fare un altro figlio”. Invece noi dicevamo: “Ma perché dobbiamo aspettare?”. Quindi, abbiamo vissuto questo amore più forte della morte. La grazia che ci ha dato il Signore è stata di non aver messo paletti, barriere alla sua grazia. Abbiamo detto questo “sì”, ci siamo aggrappati a lui con tutte le nostre forze, anche perché quello che ci chiedeva era sicuramente più grande di noi. E allora, avendo questa consapevolezza sapevamo che da soli non avremmo potuto farcela, ma con Lui sì. Abbiamo avuto un fidanzamento ordinario, ci siamo lasciati, litigavamo un po’, come tutti i fidanzati. Però, a un certo punto, quando abbiamo deciso di fare le cose seriamente, è cambiato tutto. Abbiamo scoperto che l’unica cosa straordinaria è la vita stessa. Dice il Signore: “A quanti l’hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Chiara ed io abbiamo desiderato profondamente questa cosa: di diventare figli del Signore. Siamo noi che dobbiamo scegliere se questa vita è un caso, oppure se esiste un Padre che ci ha creato e che ci ama.

Chiara scrisse nel 2010 riflettendo su Davide, il suo secondogenito, salito al cielo, come la primogenita Maria Grazia Letizia, dopo pochi minuti di vita:

Chi è Davide?
Un piccolo che ha ricevuto in dono da Dio un ruolo tanto grande… quello di abbattere i grandi Golia che sono dentro di noi:
abbattere il nostro potere di genitori di decidere su di lui e per lui, ci ha dimostrato che lui cresceva ed era così perché Dio aveva bisogno di lui così;
ha abbattuto il nostro “diritto” a desiderare un figlio che fosse per noi, perché lui era solo per Dio;
ha abbattuto il desiderio di chi pretendeva che fosse il figlio della consolazione, colui che ci avrebbe fatto dimenticare il dolore di Maria Grazia Letizia (per loro non era stata la figlia da consolare ma uno straordinario dono d’amore);
ha abbattuto la fiducia nella statistica di chi diceva che avevamo le stesse probabilità di chiunque altro di avere un figlio sano;
ha smascherato la fede magica di chi crede di conoscere Dio e poi gli chiede di fare il dispensatore di cioccolatini;
ha dimostrato che Dio i miracoli li fa, man non con le nostre logiche limitate, perché Dio è qualcosa di più dei nostri desideri;
ha abbattuto l’idea di quelli chd non cercano in Dio la salvezza dell’anima, ma solo quella del corpo; di tutti quelli che chiedono a Dio una vita felice e semplice che non assomiglia affatto alla via della croce che ci ha lasciato Gesù.

Credo che nella mia vita ho ancora tanti Golia da sconfiggere. Chiara è per me un esempio, una persona che ha vinto, una persona che ha tracciato una strada luminosa. Chiara ci dice che anche noi possiamo, che non è impossibile. Chiara aiutaci nella nostra vita e nel nostro matrimonio ad avere il tuo abbandono fiducioso. Chiara grazie ti vogliamo bene.

Antonio e Luia

 

Amare come il Padre

Sabato la liturgia ha proposto la parabola del figliol prodigo o padre misericordioso, come negli ultimi anni si è deciso di chiamarla.

Questo insegnamento di Gesù dice tanto, soprattutto a noi sposi che siamo chiamati a realizzare nella nostra relazione sponsale l’amore di Dio.

Il Padre è straordinario. Non impone la propria autorità. Ama il figlio. Lascia partire il figlio, con il cuore addolorato e ferito. L’amore non trattiene, lascia andare. L’amore si dona e non si impone.

Il figlio parte, senza rimpianti e rimorsi. Finalmente libero di soddisfare i suoi desideri, pulsioni e piaceri. Non pensa più al padre. Ha altro per la testa. Pensa solo a se stesso e a divertirsi.

Poi la fortuna gli volta le spalle. Si ritrova solo e senza soldi. E’ costretto a mendicare e ad accontentarsi dei lavori più umili. Allora pensa al padre. Non pensa al padre con pentimento. Pensa al padre e alla sua casa come possibilità per stare meglio. E’ ancora l’egoismo a guidarlo.

Nel frattempo il Padre non lo ha cercato, ha sempre rispettato la volontà del figlio, perchè l’amore è sempre rispettoso dei modi, dei tempi e della volontà dell’altro. Non lo ha cercato, ma lo ha atteso. Lo vede che era ancora lontano perchè lo aspettava. Gli corre incontro e non vuole pentimento, scuse o riparazione. Gli mette le mani al collo e lo abbraccia. Mi piace pensare che il vero pentimento del figlio avvenga in questo preciso istante. Lui, indegno e senza nulla da restituire se non se stesso, viene amato teneramente e profondamente. Questo è il Padre. Questo è Dio.

Ora vi racconto una storia vera, che non è altro che la concretizzazione nell’amore matrimoniale di questa parabola.

Padre Serafino Tognetti racconta quanto accaduto ad una donna di sua conoscenza. Non so se è tutto corretto quello che scriverò perchè vado a memoria, ma il senso è chiaro.

Questa persona si sposa e con il marito parte in viaggio di nozze. Il marito la tradisce e la lascia durante il viaggio di nozze. Il marito, tornati a casa, se ne va. Cambia città. Lei per anni non ne sa nulla. Dopo alcuni anni, il marito torna. Lei lo accoglie in casa. Iniziano il vero matrimonio. Dopo cinque anni il marito se ne va un’altra volta. Va a vivere con un’altra donna, più giovane, in un’altra città. Lei continua la sua vita. Nel frattempo ha avuto un figlio, forse due (non ricordo bene), nei pochi anni vissuti accanto al marito. Questo significa che non solo l’aveva riaccolto nella sua casa, ma anche nel suo letto. Grande fiducia, fede e abbandono. Resta fedele al matrimonio. In età matura, dopo molti anni, viene a sapere, attraverso l’ospedale dove era ricoverato, che il marito era gravemente malato ed era solo, senza nessuno che gli volesse bene. La donna con cui viveva l’aveva abbandonato al suo destino. Lei non ci pensò un attimo. Si recò subito dal marito. Passarono giorni in cui lei si prese cura del suo sposo con tanta amorevolezza e tenerezza. Lo sposo, dopo alcuni mesi, morì. Morì, però, solo dopo essersi riappacificato con lei e con Dio. Solo dopo aver chiesto perdono a lei e a Dio.

Questo è l’amore di Dio. Questa persona è considerata pazza dal mondo. Chi glielo ha fatto fare? Si meritava un calcio nel sedere quel marito. Quanti lo pensano?

Eppure lei ha solo fatto quello che ha promesso il giorno delle nozze. Lo ha amato, nel modo che ha potuto, tutti i giorni della sua vita. Questo ha salvato lei e probabilmente ha permesso che anche il marito potesse giungere alla salvezza e alla vita eterna in Gesù.

Antonio e Luisa

L’alfabeto degli sposi. Z come zavorra.

L’ultima lettera. Ho lasciato alla fine uno delle riflessioni più indigeste e più difficili. Dobbiamo impegnarci, con tutta la nostra volontà e determinazione, per combattere i nostri vizi, smussare i nostri spigoli e rompere i legacci del peccato che ancora ci imprigionano e non ci permettono di spalancare il cuore allo Spirito Santo. Dobbiamo gettare le nostre zavorre. Dobbiamo trovare la forza per farlo. Senza un impegno costante a liberarci del vizio il nostro matrimonio parte già fallito Rimanere nel vizio significa appesantire il cuore di macigni che non permettono alla sorgente del nostro amore, lo Spirito Santo, di riempirci e dissetarci. Abbiamo queste pietre più o meno grandi che non vogliamo togliere, ma che ci fanno male e rendono tutto più difficile. Ognuno ha le sue. Pornografia, gioco, prostituzione e adulterio. Voglio concentrarmi su questi quattro nemici mortali del matrimonio. Ce ne sono anche altri, ma in questo momento storico questi sono i più comuni. Già! Comuni, perchè riguardano un numero enorme di persone e tra queste anche, per forza di cose, tante persone sposate. Non sto parlando di casi rari, ma di comportamenti diffusi. In Italia i consumatori abituali di contenuti a luci rosse (foto e video) sono non meno di 7 milioni. Sono 17 milioni gli italiani che hanno giocato almeno una volta alle slot (fonte: Cnr) e 2,5 milioni i giocatori abituali e, dunque, a rischio dipendenza (anche se appena 7 mila sono in cura presso le Asl). 45%. È questa la percentuale di italiani, sposati o in coppia, che ha dichiarato di aver tradito il partner ufficiale almeno una volta. Percentuale che risulta essere la più alta d’Europa. Lo dichiarano i dati raccolti da un sondaggio IFOP (Istituto francese di opinione pubblica), commissionato qualche mese fa da Gleeden su scala europea.Nove milioni sono i clienti che comprano sesso, con un giro d’affari di 90 milioni di euro al mese Pensiamo che queste cose debbano succedere solo agli altri. La verità è che ci sono dentro tantissime famiglie. Una piaga che distrugge non solo il sacramento, ma anche la dignità, l’integrità e la speranza delle persone. Quanti ci sono dentro? Quanti vivono questi drammi? Milioni di persone. Milioni di sposi, che magari hanno una vita apparentemente impeccabile e dentro hanno un cuore incancrenito dal peccato. Spesso neanche il coniuge sa fino in fondo. Perchè ho scelto questa riflessione? Potevo scrivere qualcosa di meno forte. Perchè è adesso il momento di smettere. Non è troppo tardi, ma ogni giorno che passa la guarigione sarà sempre più difficile. La strada possibile è solo quella di un apertura con il coniuge in un dialogo sincero. Solo così, umiliandosi, chiedendo aiuto, e facendosi aiutare, condividendo la difficoltà e la sofferenza con chi hai sposato e, se necessario, affrontando un percorso di cura e di guarigione con una figura professionale adeguata, potrai espellere il veleno dal tuo cuore e tornare a vivere. Non solo serve anche che il coniuge sappia accogliere queste grandi fragilità dell’amato/a senza giudicare, ma con lo sguardo stesso di Cristo che compatisce, patisce con. Così si potrà trovare nell’unità e nell’unione la forza per venirne fuori, insieme, con la Grazia di Cristo.  La forza va trovata, infatti, per noi sposi cristiani, nella Grazia del nostro matrimonio, nella nostra relazione sponsale che è nostra forza.

Vi lascio con una testimonianza di Luca Marelli, sposo e padre, che ha vissuto l’esperienza della dipendenza dalla pornografia, del recupero e guarigione  ed ora si spende per aiutare chi è imprigionato e logorato da questa vera piaga che distrugge, nel silenzio generale, persone e matrimoni. Insieme ad altri amici ha fondato l’associazione PURIdiCUORE e gira l’Italia promuovendo conferenze e percorsi di guarigione. Ho avuto modo si scambiare qualche messaggio con lui e ho trovato il loro lavoro molto interessante ed utile.

Vi lascio il link del sito della sua associazione www.puridicuore.it

Antonio e Luisa

La crisi, una benedizione?

Leggendo il bellissimo libro di Alessandro D’Avenia “Ogni storia è una storia d’amore”, che mi ha regalato mia moglie per Natale, mi ha colpito in particolare un passaggio in cui l’autore parla della crisi nella relazione di coppia e mi ha fatto riflettere.

I greci usavano il termine crisi per indicare il procedimento messo in atto per separare il grano dalla pula, cioè separare una cosa essenziale, importante, dall’altra che non serve. Molto spesso la crisi in un rapporto di coppia è il preludio alla fine della relazione, questo perché purtroppo esse, tranne in alcuni casi particolari, non vengono affrontate, ma si fugge.

Il problema sta nella confusione che si fa tra l’innamoramento e l’amore. L’innamoramento è una fase bella e necessaria che ha una certa durata, ma ad un certo punto finisce, mentre l’amore è una scelta consapevole di tutti i giorni che mette da parte l’egoismo, senza la pretesa che l’altro soddisfi la nostra sete di infinito.

Quando la prima fase termina, iniziamo a vedere anche i limiti dell’altro, se io lo/la amo veramente, cioè se voglio il suo bene, accolgo questa persona per poter crescere insieme, la crisi in questo caso, può essere un modo per ridare tempo alla relazione e diventare un’occasione di crescita. Un tempo per fermarsi a guardare di nuovo l’amato/a, riscoprirlo/la e ripartire insieme.

Il divorzio uccide anche i frutti.

Ieri a Latina l’ennesimo dramma familiare finito in tragedia. Non voglio parlare di femminicidio o dell’uomo cattivo. Non sono nè competente nè informato. Lascio ad altri i commenti. Voglio soffermarmi su un mio pensiero che da ieri mi provoca tristezza ed amarezza. Perchè ha ucciso le figlie? Come può un padre arrivare a tanto. Nella sua testa malata il nemico era la moglie. Perchè allora uccidere le figlie. Non so se sia corretto quanto sto per scrivere. Credo, però, che almeno in parte lo sia. Vedeva in loro il frutto dell’amore, della relazione con sua moglie. Amore malato, amore frainteso, certo, ma non cambia questa consapevolezza naturale. Il figlio è frutto di una relazione d’amore. Sono sicuro che nella testa malata di quell’uomo si era insinuata l’idea che se davvero era morta la sua relazione ne dovevano morire anche i frutti. Non doveva restare nulla. Questo mi permette di ribaltare la riflessione. Mia moglie, nella sua esperienza di insegnamento nelle scuole medie, constata e sperimenta come i ragazzi siano sempre più ingestibili. Solitamente quelli più disturbati sono figli di separati. E’ naturale che sia così. Inutile raccontarsi che il divorzio, se vissuto in modo pacifico e apparentemente amichevole, non lascia strascichi. Probabilmente ne lascia meno, ma è comunque una ferita profonda di cui i figli devono farsi carico. Il divorzio breve proposto dal nostro ultimo governo non può essere la soluzione. Servono strutture e competenze che si mettano al servizio delle coppie sofferenti. Serve una società che promuova il matrimonio come unione stabile (almeno questo) come prima cellula della nostra società e dove far crescere serenamente i futuri cittadini. La Chiesa fa la sua parte, ma non basta. Serve l’impegno di tutte le componenti sociali. Invece la coppia si trova spesso sola. Amici e parenti consigliano la separazione. Così, coppie che con un percorso di ricostruzione e di guarigione potrebbero, senza neanche troppa fatica, ritrovare intimità e comunione, si separano. Ognuno per la sua strada. I figli che perdono le sicurezze e il nutrimento indispensabile per una crescita serena e armoniosa. Inutile far finta che non sia così. I figli sono frutto di una relazione. Avete notato cosa succede quando i nostri figli piccoli vedono noi genitori che ci vogliamo bene? E’ qualcosa di facilmente verificabile. I bambini quando vedono mamma e papà che si abbracciano e che si baciano sono felici. Non solo, spesso si avvicinano, perchè vogliono entrare in quell’abbraccio, farne parte e farsi coccolare in quel luogo sacro che è lo spazio contenuto nell’abbraccio, in cui l’amore si manifesta e si rende visibile, in cui l’unione dei cuori di papà e mamma e chiaramente percepibile, ancor di più dallo spirito puro di un bambino. I nostri figli hanno bisogno di vedere il nostro amore reciproco perchè loro sono frutto di quell’amore, e finchè quell’amore c’è ed è buono e da gioia, anche loro si sentono sicuri, sentono di essere desiderati ed amati. I bambini sono l’amore degli sposi che diventa carne. Sono il frutto di quella relazione d’amore e di quel vincolo sponsale. I bambini si nutrono dell’amore di papà e mamma. Questo è il motivo che rende il lettone di papà e mamma tanto ambito ai bambini, non vedono l’ora di entrarci (mi raccomando lasciateli fuori). Perchè quello è il luogo dell’unità dove papà e mamma sono uno e loro lo sanno e vogliono farne parte, si sentono sicuri e protetti. Fateci caso, si mettono sempre al centro, come a volersi abbandonare a quell’amore e a quel calore che percepiscono nel bene che papà e mamma si vogliono. Quando una relazione finisce, muore ed è considerata cattiva, anche loro si sentono allo stesso modo. Si sentono finiti, morti e cattivi. Il Papa nel 2015 ha espresso benissimo questa realtà durante l’udienza del 24 giugno:

Marito e moglie sono una sola carne. Ma le loro creature sono carne della loro carne. Se pensiamo alla durezza con cui Gesù ammonisce gli adulti a non scandalizzare i piccoli – abbiamo sentito il passo del Vangelo – (cfr Mt 18,6), possiamo comprendere meglio anche la sua parola sulla grave responsabilità di custodire il legame coniugale che dà inizio alla famiglia umana (cfr Mt 19,6-9). Quando l’uomo e la donna sono diventati una sola carne, tutte le ferite e tutti gli abbandoni del papà e della mamma incidono nella carne viva dei figli.

Terribile! Quando l’uomo e la donna sono diventati una sola carne, tutte le ferite e tutti gli abbandoni del papà e della mamma incidono nella carne viva dei figli.

Per questo bisognerebbe considerare con più gratitudine l’impegno di quei genitori abbandonati che continuano a restare fedeli alla loro vocazione e alla loro relazione. I figli di quelle persone, pur non essendone consapevoli e senza darlo a vedere, si sentono profondamente amati, vedendo come almeno uno dei genitori continui a credere anche nella sofferenza in quella relazione che li ha generati.

Antonio e Luisa

Uno sguardo photoshoppato

Oggi finisco la mia personale trilogia di riflessioni sulla trasfigurazione. Nei precedenti articoli ho riflettuto di come la trasfigurazione riguardi Gesù, ma non solo. Esiste anche la trasfigurazione di ogni persona. Abramo ne è stato l’esempio. Una vita ormai giunta ad un binario morto, senza prospettive. Una vita che viene trasformata, trasfigurata da Dio. Una missione nuova.  Esiste poi un altro significato che si può dare al concetto di trasfigurazione. Si diventa una persona nuova. Trasfigurare, andare oltre la figura, le apparenze, il corpo. Che non significa che il corpo non abbia importanza. Significa che il corpo è più di ciò che possiamo vedere e toccare. Noi, non abbiamo un corpo, noi siamo anche il nostro corpo. Anima e corpo due realtà di ognuno di noi così legate tra di loro che l’influenza di una rende più ricca o più povera anche l’altra. Tutti sanno che una sofferenza nell’anima spesso porta una sofferenza anche nel corpo. La cosiddetta somatizzazione.  Anima una parola che racchiude tutto il nostro mondo più profondo: psiche, sentimenti, volontà e mondo trascendente. Capite bene che anche tutto l’amore che noi doniamo al nostro coniuge diventa bellezza che trasfigura il nostro corpo e lo rende bello. Almeno ai suoi occhi. Trasfigurare, andare oltre la forma per mostrare attraverso il corpo una ricchezza che lo supera e rende visibile ciò che non è visibile: l’amore. Perchè la mia sposa mi sembra ogni giorno più bella? E’ fuori da ogni logica. Passa il tempo, il corpo si lascia andare poco alla volta. Non è più nel pieno della sua giovinezza come quando l’ho conosciuta, eppure mi appare più bella ora. Come è possibile? Non può comprendere questa logica se non chi ama e fa esperienza dell’amore. L’amore cambia le persone. Ha cambiato il suo corpo. Lo cambia perchè lo arricchisce di tutta la dolcezza e l’accoglienza che l’amore vissuto può regalare. Anche la Madonna  a Medjugorje, durante un’apparizione disse: Io sono bella perché amo. Se volete diventare belli, amate e non avrete tanto bisogno dello specchio. Non importa se crediate o meno a queste apparizioni. Questa frase è autenticamente vera. L’amore cambia anche il mio sguardo. Il mio sguardo, che arricchito di tutte la vita insieme, dei momenti belli e di quelli brutti, di tutti i perdoni, i dialoghi, i gesti di servizio e di tenerezza, e anche arricchito di tutti i momenti di intimità, arricchito dalla nostra preghiera di coppia che è intimità spirituale, e arricchito  dall’amplesso che è la massima intimità corporale tra due sposi. Tutti questi anni anni in cui ci siamo donati l’uno all’altra mi permettono di vedere la mia sposa con uno sguardo diverso. Come photoshoppato. Io non vedo quello che vedono gli altri, vedo la bellezza del suo corpo trasfigurato, arricchito di tutto ciò che lei è, nel suo profondo. Un mistero che non smetto mai di scoprire e che mi rende la vita accanto a lei una meraviglia.

Voglio concludere con un mio vecchio articolo, che vi ripropongo perchè è perfetto per rafforzare questa mia riflessione.

Vi racconto una storia vera. Siamo nel 2013 a Peoria, una cittadina dell’Illinois, negli Stati Uniti. Muore Lorraine Stobaugh. Non vi dice nulla questo nome? Non preoccupatevi, ora vi racconto la sua storia, che non è solo sua, ma è la storia di un amore, di quelli che sono iniziati in un’epoca lontana. Era il 1938. Pensate: l’Europa stava entrando nella seconda guerra mondiale. Era il 1938 e Lorraine incontrava Fred. Nel 1940, Fred ha sposato la più bella ragazza del mondo, come gli piace ricordarla. E’ iniziato così un matrimonio felice, che è durato ben 73 anni fino alla morte di lei. Fred ha 96 anni, ma questo non lo ha spaventato e ha deciso di dedicare una canzone all’amore della sua vita appena scomparso.  Non ha mai avuto alcuna esperienza musicale, né si è mai dedicato alla musica. Ma quando Fred è rimasto solo in casa “seduto nella stanza di fronte” a quella che era stata la loro per 73 (settantatrè, avete ancora letto bene) anni, “ho sentito che dovevo scrivere una canzone per lei. E ho cominciato a canticchiare…”. E nata così “Oh Sweet Lorraine”, la sua prima canzone, una canzone d’amore. Testo e musica. “Oh dolce Lorraine, vorrei rivivere dall’inizio il tempo insieme. Oh dolce Lorraine, il tuo ricordo resterà sempre”. “Oh dolce Lorraine, la vita si vive solo una volta e non torna più”. Ebbene, accade per caso che uno studio di registrazione locale, il Green Shoe, indica proprio all’inizio dell’estate un concorso per giovani cantautori della zona. E naturalmente, l’indomito Fred, il cui amore è ancora fresco e giovane come all’inizio, ha pensato bene di iscrivere la sua canzone. Jacob Colgan, il produttore della casa, si è un po’ sorpreso quando, fra le tantissime risposte via mail, una sola gli viene recapitata per posta ordinaria. Una semplice busta, non il solito video o la solita registrazione demo. E’ curioso, decide di aprirla: “Ho 96 anni e ho scritto una canzone per ricordare mia moglie. P.S. non canto perché potrei spaventare la gente! Ah, ah..” E’ nata così l’idea di produrre gratuitamente la canzone di Fred, coinvolgendo musicisti professionisti. Ne è nato un piccolo gioiello che ha subito conquistato il web, grazie al mini documentario di nove minuti che racconta l’incredibile storia fin dall’inizio.

 

Antonio e Luisa

Trasfiguriamo la nostra vita.

La seconda riflessione tratta dalla Parola di domenica parte dalla prima lettura. E’ una riflessione che prende spunto dal commento di don Fabio Rosini. Le parole di don Fabio le ho trovate molto interessanti e ficcanti. Parole che evidenziano la barbarie in cui la nostra civilissima Europa sta ripiombando senza la speranza che può donare solo la fede in Dio. Questa riflessione è il frutto quindi del commento di don Fabio integrato dai pensieri che mi ha provocato.

In quei giorni, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: “Abramo, Abramo!”. Rispose: “Eccomi!”.
Riprese: “Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, và nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò”.
così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l’altare, collocò la legna, legò il figlio Isacco e lo depose sull’altare, sopra la legna.
Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio.
Ma l’angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: “Abramo, Abramo!”. Rispose: “Eccomi!”.
L’angelo disse: “Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio”.
Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l’ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio.
Poi l’angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta
e disse: “Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio,
io ti benedirò con ogni benedizione e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici.
Saranno benedette per la tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce”.

La prima lettura tratta del sacrificio che Dio richiede ad Abramo. Immolare il suo unico figlio Isacco. Don Fabio parte da una considerazione introduttiva. Abramo vive nella comunità cananea. In quella società esistevano divinità terribili come Baal e Moloch. Per questi dei era normale chiedere il primogenito in sacrificio. Le usanze religiose del posto lo prevedevano. Questa è la grande differenza tra il Dio vero, il Dio della vita e gli idoli. Gli idoli chiedono il figlio. Era normale per i cananei offrire il primogenito al loro dio. E’ una pratica barbara e scandalosa. Non pensate? Eppure. Eppure anche noi, nella nostra società odierna, tecnologica, avanzata, evoluta per diritti ed attenzione alla persona. Anche nella nostra società non siamo tanto diversi dai cananei. I nostri idoli non si chiamano Baal e Moloch. I nostri idoli si chiamano carriera, successo, soldi, viaggi ed egoismo. Tutti idoli che ci chiedono il figlio in sacrificio. Quanti bambini abortiti per questi idoli. Quanti bambini non cercati e non nati per questi idoli. Chi incontra il vero Dio, il Dio della vita, sa che non gli sarà chiesto il figlio. Al contrario, Dio darà il proprio figlio unigenito per la sua salvezza. Ed è così, che chi fa esperienza di Dio, chi lo incontra, chi se ne innamora, poi non sarà più lo stesso. Sarà trasfigurato. Capite ora perchè questa lettura veterotestamentaria è associata alla trasfigurazione? Perchè racconta la trasfigurazione di Abramo. Abramo, anziano, un solo figlio Isacco e con una moglie sterile. Una vita ormai chiusa in un vicolo, senza uscita. Abramo ha il coraggio e la forza di ascoltare il vero Dio, di farne esperienza. E’ disposto a dare tutto per Lui. Avviene così il miracolo. Da quella vita che non può più dire e dare nulla al mondo, Dio ne trae un capostipite di un popolo, di una moltitudine di persone, discendenza che è arrivata fino a noi. Questa è la trasfigurazione. Andare oltre le apparenze e la forma che abbiamo dato alla nostra vita e aprirci al progetto di Dio su di noi. Ne resteremo sorpresi per primi. Dio ha pensato per noi qualcosa di meraviglioso, perchè ogni persona è meravigliosa e ogni matrimonio è meraviglioso. A condizione, però, che  riusciamo a liberarci di quell’idea che ci siamo fatti su di noi. Solo se ci trasfiguriamo, se usciamo da quella forma che abbiamo dato alla nostra vita e se usciamo  da quella gabbia in cui ci siamo rinchiusi. Solo se ci apriamo al Dio della vita potremo trasfigurare il nostro matrimonio in una meraviglia che dona pace e gioia a noi e al mondo intero

Antonio e Luisa

Non dimentichiamo la bellezza.

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro
e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche.
E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù.
Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui; facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia!».
Non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento.
Poi si formò una nube che li avvolse nell’ombra e uscì una voce dalla nube: «Questi è il Figlio mio prediletto; ascoltatelo!».
E subito guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare a nessuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risuscitato dai morti.
Ed essi tennero per sé la cosa, domandandosi però che cosa volesse dire risuscitare dai morti.

Riprendo la Parola della Messa di domenica per fare due considerazioni. Questa è la prima. La trasfigurazione è un richiamo importante alla nostra vita di coppia. Assistono alla trasfigurazione solo 3 apostoli. Giacomo, Giovanni e Pietro. Gli stessi che Gesù vuole quando resuscita una bambina e gli stessi che Gesù vuole nel Getsemani dopo l’ultima cena. Sono i tre apostoli più vicini al Signore, quelli che dovrebbero riconoscere meglio degli altri la divinità di Gesù. Quelli che dovrebbero conoscere meglio l’uomo Gesù. Probabilmente Gesù si confidava con loro, apriva loro il suo cuore, più che con gli altri apostoli. Probabilmente quelli che lo conoscevano meglio dopo sua madre Maria. Eppure si dimenticano in fretta. Nella trasfigurazione Gesù si è mostrato in tutta la sua gloria con al suo fianco Mosè ed Elia. In pratica tutta l’Alleanza dell’Antico Testamento. Era un sole e lo hanno visto in tutta la sua magnificenza. Eppure si scordano in fretta. Arrivano i giorni della Passione. Ritroviamo gli stessi protagonisti. Gesù chiede loro di pregare con lui. Loro si addormentano. Gesù viene arrestato e loro si impauriscono e cominciano a dubitare, a perdere ogni certezza. Avevano vissuto con Gesù, l’avevano visto fare grandi miracoli, erano con lui nella trasfigurazione, ma non credono più. Pietro arriva a  rinnegare per tre volte Gesù. Prende le distanze da lui. Non vuole condividerne la fine. Fine che non è la morte, a differenza di quello che crede Pietro, ma la resurrezione e la vita eterna. Gesù, a differenza dei tre apostoli, non gli abbandona, torna nel cenacolo ed effonde più tardi nella Pentecoste il Suo Spirito in loro. Sa che da soli non possono farcela.

Nella nostra vita matrimoniale rischiamo fortemente di essere come Pietro, Giacomo e Giovanni. Abbiamo assistito alla trasfigurazione del nostro amore. Abbiamo visto i miracoli che Gesù, nel sacramento del matrimonio, ha compiuto in noi e per noi. Abbiamo visto in tante occasioni la Sua presenza. Abbiamo avuto la nostra personale Pentecoste nel battesimo e poi quella di coppia, che ci ha reso una carne e un cuore nel matrimonio. Eppure, quando arrivano delle difficoltà che sembrano più grandi di noi, spesso ragioniamo come i tre apostoli. Dimentichiamo tutto e ci sentiamo persi. Non vediamo vie di uscita. Ci chiudiamo nel cenacolo al buio. Quando arrivano le difficoltà ci sentiamo soli e abbandonati da Gesù. E’ lì invece che dobbiamo chiedere di riscuotere quella cambiale in bianco che Gesù ha firmato il giorno del nostro matrimonio. Ci ha donato la Grazia sacramentale. Concetto astratto e di difficile comprensione. In realtà Gesù si è semplicemente impegnato ad essere il socio di maggioranza del nostro matrimonio, e ad integrare con il suo capitale la povertà in cui la nostra relazione può trovarsi. Non serve che chiedere con fiducia e affidamento e, mettendo tutto quel poco che noi sposi possiamo offrire, riusciremo a trovare insieme a Lui, energie, strade, consapevolezza, perseveranza, speranza e tutto ciò che serve per portare in salvo il nostro matrimonio e le nostre anime.

Antonio e Luisa